Sassonia, cracovia, auschwitz e vienna: 3.200 km da leoni!

Un lungo ma affascinante viaggio in macchina che ci ha portato ad attraversare cinque stati in sette giorni!

  • di francyvar
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Partenza da Torino alle 5.30. La città è ancora addormentata ma noi siamo entusiasti di iniziare il nostro viaggio e non ci facciamo spaventare dai 1.200 km che ci aspettano oggi!

Direzione Brennero dove ci concediamo la prima tappa per salutare caffè e cornetti italiani (vi conviene passare dall'Austria, anche se il percorso si allunga un pochino, perchè la vignetta autostradale austriaca costa meno di quella svizzera: euro 7.80 per 10 gg + 8 euro per attraversare il Brennero).

Il viaggio prosegue senza problemi fino alla nostra prima destinazione: Meissen. (unico accorgimento: attenzione agli automobilisti tedeschi. In alcuni tratti di autostrada non esistono limiti e quasi tutti si sentono autorizzati ad infrangere la barriera del suono!le autostrade sono comunque molto larghe e ben tenute. Se, come noi, avete una macchina a gpl troverete numerosi distributori lungo il tragitto ma dovrete imparare a farvi il pieno da soli! chiedete un adattatore per la valvola italiana ed istruzioni se siete poco pratici. Il gpl vi permetterà di risparmiare moltissimo sugli spostamenti: noi abbiamo speso la metà di quanto preventivato da Via Michelin per una macchina a benzina ed inoltre inquinerete un pò meno!).

La nostra sistemazione a Meissen è perfetta: proprio di fronte al castello e con una splendida vista sul fiume Elba (Pension Meissen di Herr S. Con 70 euro a testa per 4 gg riceviamo pane fresco tutte le mattine con uova, latte, burro, marmellata e diversi affettati che ci basteranno anche per tutti i pranzi che passeremo in Germania.Inoltre abbiamo la cucina e i padroni di casa sono molto ospitali! http://www.pension-meissen.de ).

Il mattino seguente iniziamo il nostro giro per i castelli della Valle dell'Elba: si tratta di costruzioni medievali estremamente affascinanti circondate da magnifici parchi fioriti, verdissimi boschi e prati interminabili o curatissimi vigneti (la Sassonia è una importante zona vinicola della Germania). Visitiamo quindi: il castello di Moritzburg, l'Alberchtburg di Meissen e la sua cattedrale gotica, la rocca di Konigstain e il castello di Pillnitz ed il suo parco fiabesco popolato da socievoli scoiattoli e da una camelia di 250 anni! (ingresso libero nel parco, il castello è adibito a museo, 0.80 euro a testa per visitare la serra della camelia). Se siete studenti non dimenticate le vostre tessere universitarie: vi daranno accesso a diversi sconti! (info e prezzi di ogni castello al sito http://www.sassoniaturismo.it/it/home.html)

Ci teniamo poi una giornata per visitare Dresda: la Firenze del nord. Lasciamo la macchina in un parcheggio sotterraneo vicino al centro (i parcheggi custoditi sono 4 collocati agli ingressi della città, è molto facile individuarli e costano 14 euro per tutto il giorno). La periferia della città è abbastanza grigia e squadrata: Dresda è stata la città tedesca che più ha subito i bombardamenti degli Alleati ed alla fine della guerra, appartenendo al blocco della Germania Est, è stata ricostruita secondo lo stile sovietico. La città vecchia, invece, è stata ricostruita in modo assolutamente fedele: si possono ammirare quindi il castello (adibito oggi a museo di porcellane), il duomo cattolico (ingresso libero), la famosa Frauenkirche (chiesa protestante risalente all'epoca luterana la cui edificazione suscitò le ire del papato) nella cui cripta si trovano alcune opere d'arte moderna che commemorano le vittime civili del II conflitto mondiale invitanto il popolo tedesco e i visitatori ad imparare dagli errori del passato. Mangiamo lungo il fiume e, dopo una lunga passeggiata nel parco che costeggia l'Elba ed una visita a qualche monumento ancora, ritorniamo verso Meissen

  • 7143 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. orietta44
    , 25/7/2010 19:13
    Bello,mi fa capire che arrivare a Cracovia in auto è veramente interessante e fattibile.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social