Due assaggi d'Austria

1° giorno Partenza alle 6.00 (!!) da Genova in direzione Innsbruck, prima tappa Bressanone. Fetta La levataccia è servita: niente coda sull’Autostrada del Brennero… Sotto la calda luce del sole le caratteristiche case di Bressanone risplendono: tutti i tetti sono ...

  • di SerenaA
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

1° giorno Partenza alle 6.00 (!!) da Genova in direzione Innsbruck, prima tappa Bressanone. Fetta La levataccia è servita: niente coda sull’Autostrada del Brennero... Sotto la calda luce del sole le caratteristiche case di Bressanone risplendono: tutti i tetti sono orlati da cornici diverse e le facciate sembrano fresche di intonaco.

Bella la piazza principale su cui si affaccia l’imponente Duomo e i molti baretti ideali per una bella colazione all’aperto.

Iniziamo la parte gastronomica della vacanza con un pranzo interessante all’Osteria “Oste scuro” proprio vicino alla piazza (c.A. 60€ in due).

Purtroppo salta la visita che avevamo programmato alla vicina Abbazia di Novacella perché chiusa domenica e festivi; rimediamo con una veloce tappa a Vipiteno, cittadina piccola e graziosa.

Ripartiamo alla volta di Innsbruck, ancora in Italia acquistiamo in autogrill la “Vignette”, pedaggio forfait per le autostrade austriache ( durata minima 10gg. Costo 8 €).

Arrivati a Innsbruck (altro pedaggio strada facendo di 7.60€), grazie alle indicazioni del sito, troviamo facilmente il ns. Hotel “Weisses Kreuz” (91€ camera e colazione) situato proprio in pieno centro all’interno di un bel palazzo del 1500. Le zone comuni sono veramente molto carine e la colazione abbondante, la stanza poteva essere meglio ma comunque è pulita.

Dedichiamo il pomeriggio e la serata alla visita della città, caratteristiche le vie del centro storico con la Goldenes Dachl (tettuccio d’oro), bella la vista del fiume Inn dai ponti che lo attraversano, il palazzo dell’Hofburg e la Hofkirche che ospita il mausoleo di Massimiliano I: 27 statue bronzee a grandezza più che naturale! Ceniamo alla stube Goldenes Dachl (proprio ad un passo dal tettuccio verso l’Hofburg) con canederli e speck (25€ in due).

2° giorno Partiamo alla volta di Salisburgo per le 9.00 dove arriviamo verso le 11.00 percorrendo tutta autostrada.

Ci sistemiamo all’Hotel Trumer-Stube (98€ camera e colazione) collocato nel centro pedonale, hotel semplice ma comodo e proprietari molto gentili (parlano italiano).

Già in hotel ci muniamo della Salzburg card che permette il libero accesso ad una serie di attrazioni della città ed ai mezzi pubblici (per due giorni 29€).

Iniziamo la scoperta della città dalla “Residenz”, bel palazzo di cui tralasciamo la pinacoteca e visitiamo le stanze dotati di una audioguida decisamente troppo prolissa!(8.20€ compresi nella Card).

Attraverso una breve funicolare saliamo alla fortezza Hohensalzburg (10€ - compresa) da cui si gode un fantastico panorama della città. Lo spazio racchiuso tra le mura della fortezza è molto ampio ed ospita diversi musei ed un paio di ristoranti, visitiamo gli ambienti coperti di cui però ci sentiamo di dare un giudizio positivo soltanto sulle cosiddette “stanze principesche”.

Pranziamo al “Festungs restaurant” proprio vicino all’uscita della funicolare dalle cui sale si gode un bel panorama sulle campagne alle spalle di Salisburgo. Finalmente assaggiamo la famosa torta Sacher (spuntino 24€ a coppia).

Invece di riprendere la funicolare, scendiamo a piedi fino al centro; decidiamo di visitare la casa natale di Mozart in Getreidegasse (la via principale del centro storico) ma è una delusione (6€ - compresa).

Così, per riprenderci, decidiamo di visitare la fabbrica della birra “Stiegl” che si trova appena fuori dal centro; prendiamo l’autobus che ci porta sul posto in un attimo (n°1-ingresso 9€ compreso nella card).

La visita della fabbrica illustra i metodi di produzione della birra negli anni e la sua evoluzione ma la parte più interessante arriva alla fine quando, compresa nel biglietto, sperimentiamo la degustazione di due birre medie accompagnata da un”bretzel” caldo, il tipico pane austriaco (come i nostri salatini fatti a cuoricino ma grande). La visita si conclude con un simpatico omaggio ai visitatori, una birra od un bicchiere da birra

  • 797 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social