Monti Dauni: se non li conosci non puoi capire!

I Monti Dauni sono una giovane realtà turistica italiana, in quella regione che ha fatto passi da gigante in tema territorio e fruibilità: la Puglia.

Diario letto 2219 volte

  • di robyrossi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

I Monti Dauni sono una giovane realtà turistica italiana, in quella regione che ha fatto passi da gigante in tema territorio e fruibilità: la Puglia. È un'area che si trova al confine con la Campania e si caratterizza per le dolci colline e per una comunità accogliente e di grande ospitalità. La Cucina poi è la ciliegina sulla torta. I costi sono la panna attorno alla ciliegina! Prezzi bassi e servizi d'eccellenza.

Sulla schiena chilometri e chilometri di dueruote, nella testa l'immancabile voglia di viaggiare! È questo che accomuna quei centauri che, come me, hanno attraversato europe e afriche del mondo. Negli occhi mille immagini, nella mente ricordi di volti, profumi, arrampicate e discese, il motore che sforza e poi si riposa, come le braccia che seguono curve e controcurve, dove dietro di ognuna si nasconde una sorpresa sempre nuova, immagini e scorci che solo in sella si possono apprezzare in tutto il loro splendore. Sapersi sorprendere è, a mio parere, il sale della vita. E cavalcando una moto riesce ancora meglio! Chiudo questo preambolo con l'ultimo consiglio, poi partiamo: scegliete le mete meno note, quelle fuori dagli itinerari più consueti, quelle più sconosciute.

Ed eccoci ora a scaldare i motori e partire per questa straordinaria terra che è la Puglia e, nello specifico, i Monti Dauni. Parto con un'amica da Piacenza, attraverso la bella Emilia, corro lungo l'intrigante Romagna, supero Marche e Abruzzo per entrare in territorio pugliese, dopo 700 km circa e poco meno di 10 ore di viaggio, con soste solo per il carburante, panino e birra ed un caffè. Giunti in prossimità di Foggia lasciamo, come detto, il Gargano e la sua splendida costa sulla mia sinistra e giro manubrio e moto verso l'entroterra, direzione Irpinia, per raggiungere la mia prima tappa che si colloca al confine con la Campania: Troia. E' questo un luogo per cultori, una terra per viaggiatori, meta per chi sa apprezzare ciò che va al di là del “bello in superficie”. Qui si mescolano tradizione e calore umano, ritmi e sguardi di un tempo, tutto ciò che va man mano perdendosi in quei luoghi dove il turismo ha preso il sopravvento su altri valori, più alti, più importanti. A Troia faccio tappa presso l'indirizzo che Svegliarsi nei borghi mi aveva comunicato via mail: Il Rosone. L'appartamento ha un bell'ingresso, elegante e di evidente recentissimo restauro, e sorge al margine del centro storico, adiacente ad un ampio parcheggio, comodo sia per arrivarci con il mezzo, sia per raggiungere il cuore del paese. Telefono al contatto che mi era stato segnalato ed in pochissimi minuti mi raggiunge Alessandra, giovane graziosa ragazza che con un sorriso grande come la piazza mi accoglie e mi da il benvenuto. Mi apre la porta e mi invita ad entrare. L'impatto è assai positivo, per la cura e la pulizia, ma anche per l'eleganza ed il buon gusto degli arredi che si dimostreranno perfetti per un riposo sano e sereno. Scarico i bagagli, mi riposo solo qualche minuto, saluto Alessandra ed il suo sorriso. Doccia, vestizione stile casual (così come viene) ed immediata uscita, la curiosità di scoprire questo borgo vince ogni stanchezza!

Visita a Troia

Antica storia e tradizione devono fare i conti con... la passionata! È la passionata qui, la regina! Si, perchè quello che non sono riusciti a fare mille anni di vicissitudini c'è riuscito un dolce! Non sono impazzito, è proprio così. La passionata nasce solo qualche anno fa e, vuoi la sua particolarità e bontà, vuoi questi tempi da Masterchef, in un lampo è diventata simbolo e testimonial di questo piccolo borgo. Lo trovi sempre, rigorosamente fresco ed in diversi gusti, alla pasticceria Casoli, una piccola graziosa bottega che sorge a fianco della cattedrale. La sua creatrice è una passionata di queste terre, Lucia Casoli, proprietaria di questo angolo di dolcezze che gestisce con il marito. Insomma, l'avrete capito, prima tappa è qui, capuccino o caffè, tè o tisana, obbligatoriamente accompagnata da una passionata! Se la bella cattedrale viene un passo dopo, speriamo se ne sia fatta una ragione Santa Maria Assunta, alla quale è dedicato l'edificio religioso che merita una visita, magari accompagnati da qualche spiegometro, depliant o guida di cui ci saremo dotati. Risale all'XI secolo e la sua struttura rappresenta diverse dominazioni, dal periodo romanico al bizantino all'islamico. A seguire una passeggiata negli stretti vicoli sempre a testa in su, dove si nascondono i pregi e fregi spesso ignorati dei centri storici, ed imbattiamo in un'insegna che profuma di specialità locali: Trattoria da Maria Neve. L'aria di neve, in questo caldo novembre, appare ancora assai lontana, ma qui dentro al posto della fredda neve c'è il calore di un ambiente familiare, reso ancor più accogliente dai sapori che escono dalla cucina. E' proprio Maria Neve, la proprietaria, ad avvicinarsi al tavolo e a darci il benvenuto. Ci propone alcuni piatti tra i quali scegliamo cicatelli gorgonzola e zucca accompagnato da un buon mezzo litro di Nero di Troia. Al termine Cicc e cuot, un dolce strano, ma buono (Osteria Maria Neve - Via M. Iamele, 16 - tel. 0881.979476). Salutiamo Maria Neve ed alcune ragazze dello staff e lasciamo questo piccolo luogo di gusto per andare a visitare il Museo diocesano. In sei sale tematiche sono racchiusi oggetti e reperti archeologici, paramenti liturgici, quadri, marmi e lapidi, oltre al celebre capitello delle Quattro razze che racconta una storia interessante che merita di essere conosciuta (non qui e non da me, ovviamente). L'ingresso al Museo è gratuito e si può prenotare la visita guidata contattando l’Associazione Terzo millennio, costituita da volontari preparati e molto disponibili (sabato ore 17.30 / 20, 00, domenica 10.30 /12.30 e 17.30 / 20,00 - tel. 0881.726245 tel. 0881.671823). Avremmo voglia di riprendere la moto ed avventurarci su quelle colline che sono cornice di questo paesaggio, ma passeggiare qui a Troia è rilassante e piacevole, quindi scegliamo un'ultima tappa, poi si vedrà... Entriamo a Palazzo D’Avalos all'interno del quale è allestito il Museo Civico che accoglie reperti di diverse epoche, collocate in cinque distinte sale. È ormai sera, le luci si sono fatte basse, i piccoli lampioni hanno iniziato a luccicare sul selciato, un'altra fiaba sembra aprirsi ai nostri occhi. Sono incantevoli questi borghi per chi ha occhi nuovi, per chi sa ancora vivere d'incanto, per chi è capace di partire lasciando problemi e rogne a casa. Piano piano ci avviciniamo al nostro appartamento, quello che Svegliarsi nei borghi ci ha destinato, per godere del relax di queste ore e di questi silenzi, capaci di restituirci quella serenità che è buona salute, altro che farmaci e chimiche! Un paio d'ore e poi ci avviciniamo ad una vetrina che avevamo scorto nel corso della passeggiata pomeridiana. Si chiama Uvarara e leggiamo da qualche parte che è la prima gintoneria pugliese. Per noi è la prima gintoneria di sempre perché mai prima eravamo entrati in un locale di questa tipologia. Significa che producono gin e lo propongono ai clienti, in questo caso accompagnato da specialità locali selezionate direttamente da Ettore Pacilli, patron del locale che, con altri due soci, hanno dato vita al primo Gin di Puglia. Uvarara è un’esperienza, è qualcosa di diverso, è un luogo che in un istante ti catapulta dall'altra parte del mondo. Seduti qui ti immagini le rambla che scorrono oltre la porta, oppure i colori delle casebarche di Amsterdam, o ancora Christiania, la Senna, Alexanderplatz, il Big Ben, oppure il più vicino Trastevere o lo splendido skyline di Milano, per me, sopra ogni cosa. Invece siamo qui, sui Monti Dauni, in quel di Troia, sorprendente e, per questo, ancor più affascinante. Salumi e formaggi, una deliziosa zuppa di cereali, un po' di musica suonata dal vivo e, ovviamente, gin. Insomma, qualcuno avrebbe inventato qui una canzone dal titolo “il cielo in una stanza”. Se già è stata scritta, senz'altro è stata concepita in un luogo come questo. Nanna ora, domani altra tappa, altre sorprese

  • 2219 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social