Olanda on the road: tutto (e di tutto!) in sette giorni

Finalmente partiamo, a zonzo per l’Olanda. Io e Marco abbiamo organizzato tutto rigorosamente con un “fai da te on line

  • di Monia Ceccarelli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Finalmente partiamo, a zonzo per l’Olanda. Io e Marco abbiamo organizzato tutto rigorosamente con un “fai da te on line”: volo low cost con la Easyjet Roma – Dussendolf, auto noleggiata per quattro giorni di tour nella provincia olandese e infine tre giorni nella capitale. Quest’anno tanto per cambiare abbiamo deciso di non rompere le scatole ad amici e parenti per il trasporto casa - aeroporto Leonardo Da Vinci (e ritorno). Ci siamo così organizzati con il parcheggio lunga sosta ParkinGo. Ottimo servizio ad un costo addirittura più basso di quello offerto dall’aeroporto (€ 50,00 andata e ritorno): parcheggi la tua auto e una navetta con posto riservato ti accompagna fino al terminal; se il buon giorno si vede dal mattino, la vacanza promette bene. All’aeroporto scopriamo con disappunto che anche borsa e borsello sono considerati bagagli a mano. Dopo un fantozziano e fallimentare tentativo di liberarci di uno dei due bagagli a mano (riempiendo all’inverosimile una valigia fino a farne saltare la chiusura lampo e abbandonando l’altra in un bagno dell’aeroporto) ci arrendiamo all’evidenza e imbarchiamo un trolley, ripromettendoci di non volare mai più con una compagnia low cost. Il tempo di un pisolo e quattro chiacchiere in volo e atterriamo a Dusseldolf. Qualche piccolo problema con l‘Avis che non trovava la nostra auto e dopo una mezzoretta di ricerca affannata di un’auto con targa olandese, (e meno male che avevamo prenotato!) alle 19,00 siamo finalmente in strada e ci dirigiamo a Maastricht. Affamati come pochi ci precipitiamo in città e rimaniamo sconcertati dal silenzio e la calma che regnano in pieno centro storico in un venerdì sera di agosto. Un po’ delusi ( mi aspettavo una città più frizzante) ce ne torniamo in albergo, domani è un altro giorno. E in effetti la mattina seguente la città ci svela un allegro via vai di persone e biciclette nella vasta piazza di Vrijthof e lungo il fiume Maas, ricchi di locali e ristoranti molto suggestivi. Passeggiando per le strade acciottolate del centro storico incontriamo la piccola chiesa gotica St. Janskerk, interamente di colore rosso dal cui campanile è possibile ammirare uno splendido panorama. Proseguiamo il viaggio lasciandoci alle spalle questa aristocratica signorile e tutto sommato sonnacchiosa cittadina. (Hotel Eurotel quattro stelle località Lanaken a circa 1,5 chilometri dal centro di Maastricht con un bel giardino e sauna, piscina, palestra e bagno turco € 55,00 pernottamento senza prima colazione, buon rapporto qualità prezzo. Abbiamo rinunciato alla prima colazione perché il costo ci sembrava eccessivo, € 16,00 a persona). Decidiamo di effettuare una piccola deviazione a Den Bosch, piccola cittadina dal carattere medioevale in cui i canali scorrono proprio sotto gli edifici. Scopriamo con piacere che il sabato è giorno di mercato e ci aggiriamo tra le bancarelle del Markt colorate di fiori e tulipani, frutta e verdura, abbigliamento e improbabili banchi in cui il pesce fresco viene fritto al momento e servito in cartocci di carta. Andiamo un po’ a zonzo e giungiamo fino alla Sint-Janskathedraal, una imponente cattedrale, considerata una delle più belle dell’Olanda. Quindi si riparte.

Kinderdijk è un piccolo villaggio a 22 km da Rotterdam dichiarato dall’Unesco sito patrimonio dell’umanità che ospita un complesso storico di 19 mulini a vento perfettamente restaurati e funzionanti disposti lungo il ciglio dei canali. Si tratta di un bellissimo parco naturale, in cui i mulini svettano su una distesa verdissima d’erba e si specchiano sulle acque dei canali, tra le canne palustri popolate di germani e cigni: tutto ciò crea un suggestivo scenario, tra i più caratteristici – forse - dell'Olanda

  • 27548 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social