In traghetto nelle Cicladi Centrali

Colpiti dalla bellezza delle isole Greche, visitate con una Crociera Costa a fine estate 2008, Paola ed io abbiamo deciso fare una nuova esperienza visitando alcune delle isole cicladi. Un viaggio del genere si può organizzare in tanti modi: noi ...

  • di lgdemi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Colpiti dalla bellezza delle isole Greche, visitate con una Crociera Costa a fine estate 2008, Paola ed io abbiamo deciso fare una nuova esperienza visitando alcune delle isole cicladi.

Un viaggio del genere si può organizzare in tanti modi: noi abbiamo scelto Internet e studio preventivo della Lonely Palnet. Abbiamo effettuato la prenotazioni dei voli e degli alberghi/studios almeno 2/3 mesi in anticipo sia per ottenere prezzi bassi (voli) sia per scegliere alloggi economici ma con buone recensioni o sulla Lonely Planet o su tripadvisor o su booking.Com.

In questo modo cerchiamo di ridurre le probabilità di brutte sorprese per quello che riguarda l’igiene, non perdiamo tempo a cercare alloggi in loco e riusciamo a mantenere i costi entro un budget ragionevole.

Il volo è stato acquistato direttamente dal sito easyjet.Com (meridiana) dopo aver ricercato su volagratis il volo più conveniente. Abbiamo scelto A/R Verona Mikonos a 256 euro PP.

Quindi abbiamo sviluppato il nostro itinerario tra le isole utilizzando il sito gtp.Gr che consente anche la prenotazione dei biglietti dei traghetti tramite carta di credito. I biglietti prenotati si possono ritirare presso le agenzie che si trovano nei porti delle isole. Infatti non esistono biglietterie nei porti ma agenzie di vendita. Ovviamente non è necessario prenotare preventivamente tutti i biglietti ma è consigliabile quelli da utilizzare i primi giorni. Alcune volte infatti i posti sono numerati e quindi si possono esaurire. Per quello che riguarda i traghetti ce ne sono di tante categorie. Quelli grandi tipo Blue Star Ferries viaggiano quasi in qualsiasi condizione di tempo mentre per altre non è detto; quindi mettete in preventivo anche l’eventualità di rimanere bloccati senza poter raggiungere la meta(e a noi è capitato). Per quello che riguarda il cibo la nostra preferenza è andata sulle carne e sulle verdure soprattutto quelle ripiene in genere molto economiche e ben preparate: Il pesce di solito viene cucinato alla griglia ed è caro. Per quello che riguarda lo snorkeling la Grecia non è il posto giusto per ammirare i pesci.

17 lun Verona/Mikonos L’aereo è previsto per le 10.30 da Verona. Partiamo da Firenze in auto alle 05.30 e alle 08.00 senza contrattempi raggiungiamo il parking.Go che ci porta all’aeroporto Valerio Catullo. Partiamo alle 11.15 e alle 14.15 siamo all’aeroporto di Mikonos. Il vento sferza la pista di atterraggio e il porto, il mare è agitato ma il sole è ben splendente e lo sarà per tutta la vacanza.

L’itinerario originale prevedeva di ripartire alle 17.40 in traghetto da Mikonos a Paros alla spiaggia di Naoussa dove risultava dalla Lonely Planet un buon sito per lo snorkeling. Avevamo prenotato via booking.Com Archipelagos Studios (70 euro al giorno prezzo a coppia) per 2 notti però il traghetto (un catamarano veloce di tipo piccolo) non è partito. I traghetti sarebbero quindi ripartiti dal giorno dopo. A questo punto contattato lo Studios comunicavamo la impossibilità a raggiungere Paros e la nostra intenzione di non arrivare nemmeno per il giorno dopo ma di andare direttamente a Naxos.

Gentilmente la signora Christine capendo la situazione ci comunicava che non ci avrebbe fatto pagare nulla e quindi alloggiavamo a Dina’s room a Mikonos che avevamo prenotato per gli ultimi giorni della vacanza. Purtroppo però essendo alta stagione ci richiede 90 euro anziché i 55 euro pattuiti per gli ultimi giorni di Agosto.

Costadinos e Dina sono molto simpatici e per fortuna le camere sono abbastanza spaziose e ben pulite e situate in posizione comoda. Quindi ci danno una mano per il rimborso dei biglietti dei traghetti prenotati e ci aiutano ad acquistare quelli per il giorno dopo. Costas ci spiega anche che in caso di mancata partenza dei traghetti dovuto al mal tempo, il cliente non è tenuto per legge a rispettare la prenotazione dell’albergo e in caso di guasto tecnico è il traghetto che deve rimborsare tutte le spese. Sono le 16.00 e dopo un veloce gyros (il fast food greco a base di maiale) tramite l’autobus, che a Mikonos è molto frequente per le spiagge principali andiamo alla spiaggia di Platys Gialos che essendo a sud come le spiagge di Paradise e Super Paradise è riparata dal vento. E’ ovviamente molto affollata e scopriamo che l’acqua è a 22/23 gradi almeno 4 in meno di quella che abbiamo in Versilia. Però è trasparente e ti invoglia subito a buttarti (cosa che in Versilia è abbastanza raro) e così facciamo; prendiamo il primo sole greco riparandoci dal vento dietro le canne messe a protezione dai gestori dei bagni

  • 14943 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social