Vallone di Saint Marcel: capra e cavoli

Patrizio Roversi racconta l'allevamento e i formaggi P.A.T. della Valle D'Aosta

Continua il viaggio di Patrizio Roversi fra i P.A.T. (prodotti agroalimentari tradizionali, ndr) della Valle D’Aosta, in questo episodio lo seguiamo nel Vallone di Saint Marcel a cercare i formaggi prodotti direttamente sugli alti pascoli.

La Valle D’Aosta è un parco archeologico-gastronomico naturale: l’uomo qui è arrivato 6 o 8 mila anni fa, adattandosi inizialmente a raccogliere le erbe selvatiche e i frutti spontanei offerti dall’ambiente circostante. Poi l’agricoltura, l’allevamento, la filiera del latte! Vediamo da vicino queste fasi tra loro interconnesse nell’azienda agricola di Ruben e Roberta, a Saint Marcel di Champremier. Ruben alleva capre e pecore, Roberta si occupa di trasformare il latte in formaggi. E poi c’è Stefano, che seleziona le erbe e cucina.

Una realtà preziosa, che contribuisce a preservare il territorio sia fisicamente (perché pascolo vuol dire cura del sottobosco e contenimento del dissesto idrogeologico), che ideologicamente, promuovendo uno stile di vita sano, mantenendo e divulgando le tradizioni agroalimentari. È importante anche per il turista che una volta qui, oltre ad assaggiare dei prodotti di estrema qualità, tocca con mano da dove vengono e come si fanno: la cultura del cibo è anche spiegare perché un formaggio è proprio così e in che modo rappresenta e dipende dal territorio.

In Valle D’Aosta passato e futuro si collegano! E soprattutto, si mangiano…

In collaborazione con la Regione Valle d’Aosta

  • 3405 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social