POLINESIA, bella ed a costi accessibili

IL RACCONTO CHE SEGUE VUOLE ESSERE UNO SPUNTO PER CHI VUOLE VISITARE LA POLINESIA FRANCESE SENZA SPENDERE UN CAPITALE e vuole essere un ringraziamento per chi ha scritto i racconti precedenti dandoci consigli e spunti per il nostro viaggio Quest’anno ...

Diario letto 102733 volte

  • di Max e dany Vava
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia

IL RACCONTO CHE SEGUE VUOLE ESSERE UNO SPUNTO PER CHI VUOLE VISITARE LA POLINESIA FRANCESE SENZA SPENDERE UN CAPITALE e vuole essere un ringraziamento per chi ha scritto i racconti precedenti dandoci consigli e spunti per il nostro viaggio Quest’anno ci attirava l’idea di visitare la Polinesia francese, ma i prezzi esorbitanti delle agenzie ci stavano facendo desistere fino a quando abbiamo dato un’ occhiata al sito Turisti per caso dove abbiamo trovato alcuni racconti di chi la Polinesia francese l’ha visitata con il fai da te.

L’idea ci è piaciuta anche perché i nostri ultimi viaggi li abbiamo fatti così: prenotiamo solo il volo e poi ci organizziamo sul posto in modo da risparmiare sul costo del soggiorno e vivere più a contatto possibile con gli abitanti e le usanze del luogo.

Ci preoccupava il pensiero di non trovare posto per dormire in quanto il periodo è quello di Agosto, ma Giuseppe ed Alessandra che sono appena tornati dal loro viaggio ci tolgono anche questo ultimo dubbio e anche loro ci consigliano le petite hotellerie (piccoli alberghi locali), confermandoci che sono abbastanza pulite, accoglienti e con costi accessibili. E’ quindi deciso, compriamo la mitica guida LONELY PLANET (indispensabile), guardiamo i siti manureva.It e haere-mai.Com per avere maggiori informazioni sugli alberghetti polinesiani della petite hotellerie e prenotiamo all’ultimo momento il volo intercontinentale ad un buon prezzo (1450 euro) grazie alla pazienza ed alla bravura di Andrea dell’Agenzia Travelix, prenotiamo i voli interni tra le isole (420 euro il pass che permette varie combinazioni) e non ci resta che partire.

1°/2° giorno – Volo: MILANO – PARIGI - PHILADELPHIA – LOS ANGELES Andrea ci ha trovato all’ultimo momento e ad una buona tariffa un volo della UNITED AIRLINES con scalo a PHILADELPHIA . Vi consigliamo di fermarvi una notte a LOS ANGELES (l’Hilton Airport è comodo e non troppo caro) perché chi ha fatto il viaggio diretto ci ha detto che è veramente massacrante e poi a LOS ANGELES anche in mezza giornata si può visitare qualche zona.

3° giorno – Volo: LOS ANGELES - PAPETE Per andare a PAPETE vi consigliamo la linea AIR TAHITI NUI, aerei nuovi, hostess e stewart gentilissimi ed atmosfera polinesiana a bordo a cominciare dai profumatissimi fiori di tiare con cui vi accoglieranno non appena saliti sull’aereo. Passiamo la prima notte a Papete al TIARE TAHITI Hotel, comodo, pulito e costo accettabile. Al mattino decidiamo di andare all’aeroporto per prendere il volo interno con mezzo di trasporto locale, il caratteristico Truck (provatelo), suscitando la curiosità degli altri occupanti tutti polinesiani.

4°/5° giorno – RAIATEA All’Aeroporto prima di partire per RAIATEA chiamiamo la pensione BELLEVUE BeB che ha posto e ci viene a prendere all’aeroporto. La Pensione è carina, è in collina con ottima vista su TAHAA, le camere sono piccole ma pulite e con bagno, 32 euro a persona per dormire e colazione.

A RAIATEA vi consigliamo la passeggiata (30 minuti) per salire sul monte TAPIOI da cui si gode ottima vista di TAHAA e BORA BORA, ed un giro dell’isola in scooter. Per pranzo andiamo a prendere dei panini al supermercato e per cena mangiamo alle roulottes in piazza. Le roulottes a prima vista non ispirano molto ma si mangia veramente bene spendendo circa 10/15 euro a testa. RAIATEA è l’isola sacra e vi trovere il marae più importante della Polinesia, il paesaggio lontano dal paese è selvaggio e bellissimo.

5° giorno –TAHAA Da RAIATEA andiamo in barca a fare un tour dell’isola di TAHAA dove si visitiamo una fabbrica di perle nere ed una vicina piantagione di vaniglia e poi si prosegue nel il giro dell’isola con pic nic su un motu della barriera e snorkeling al giardino di coralli (costo 50 euro a persona)

  • 102733 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social