Viaggio nei sapori dell'altra sponda dell'Adriatico!

Martino Turista per Cibo in Dalmazia, Slovenia e Croazia

 

A tutti coloro che trascorreranno le vacanze estive sull'altra sponda del Mare Adriatico, dedichiamo questo speciale di Martino Ragusa Turista per Cibo in Dalmazia, Slovenia e Croazia!

Dalmazia, tra Mediterraneo e MittelEuropa

In Dalmazia si mangia bene. Taverne e ristoranti della costa e delle isole offrono un'ottima cucina Mediterranea con cotture leggere, ideale nei mesi estivi. Sono anche presenti influenze dalla gastronomia mitteleuropea diffusa nell'entroterra oltre a consistenti tracce italiane dovute sia alla vicinanza geografica che al passato politico della regione costiera balcanica. Grande protagonista è il pesce dell'Adriatico (soprattutto dentici, orate, cernia, sogliole, sarde, triglie, spigole, sgombri) serviti soprattutto alla brace e in un brodetto simile a quello marchigiano. Ottimi i frutti di mare che spesso diventano protagonisti di buoni risotti fatti a regola d’arte, residuo della presenza veneziana. In Slovenia e Croazia gli scampi e le aragoste sono preparati alla Buzara, in un guazzetto ristretto di cipolla, vino, pomodoro, vino bianco, pangrattato, pepe nero o peperoncino. Il delizioso polpo arrosto è presente in molte isole, ed è imperdibile a Korcula e Hvar, dove ricopre il ruolo di specialità locale. A Vis vi offriranno una focaccia farcita di sardine (anche specialità di Komiza) e la pogaèa, una pizza non lievitata che può ben accompagnare il famoso prosciutto crudo affumicato dalmata (il migliore è quello di Drnis) e l’ottimo pecorino presente nelle taverne di tutte le isole. Particolarmente rinomati sono i formaggi di Dubrovnik, Kirk e Pag. Quanto alle carni, è molto amata quello di agnello ed è molto presente anche la capra. Da non perdere, ma non è difficile, quella cotta assieme a patate e verdure dentro a una teglia coperta dalla Peka una campana di ghisa o di terracotta. Di origine mitteleuropa è la Pašticada, il gulasch dalmata preparato con carne di manzo o di vitellone, ma anche con carne di cavallo o di grossa selvaggina da pelo. Numerosi i vini di qualità bianchi e rossi e piacevolmente minimalisti i dolci dall’aria casalinga a base di ingredienti poveri come i fichi secchi (lo Smokvenjak) o mandorle (Mandulat).

Slovenia mosaico di sapori!

La cucina slovena è un mosaico di più cucine regionali anche molto diverse tra loro a causa della variabilità del territorio, esteso dalla costa alla fascia alpina, e delle diverse influenze ricevute dalle nazioni confinanti, Austria, Ungheria e Italia. Nella porzione slovena dell’Istria prospera un’eccellente cucina di mare molto simile a quella delle coste venete, friulane e giuliane. Qui troverete risotti, brodetti, fritture con gli squisiti pesci dell’Adriatico e gli imperdibili gamberoni alla busara, cotti in un guazzetto ristretto di cipolla, vino, pomodoro, vino bianco, pangrattato, pepe nero o peperoncino. Di provenienza carsica è anche la jota, una zuppa a base di fagioli e crauti. Sempre dal Carso arriva il prsut, il prosciutto crudo stagionato al freddo soffio della bora. Austriaca è la consuetudine di cuocere le carni di maiale con mele, panna e vino, mentre il bograc è in realtà un gulasch di ovvia origine ungherese qui piuttosto indulgente al piccante. Onnipresenti e mutanti, con più di 70 diverse versioni, sono gli struklji, grossi involtoni di pasta variamente farciti con carni, verdure e ricotta. Vengono lessati, tagliati a tocchi e conditi con vari modi, prevalentemente con burro fuso o con una salsa di panna acida. Sono propositi anche in versione dolce con un ripieno simile a quello dello strudel. Altrettanto popolari sono gli zganci, gnocchetti scuri di farina di grano saraceno conditi con burro o lardo fusi

  • 3599 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social