T-Shirt sotto al cappotto

Dal mare tropicale ai grandi viaggi ai deserti, idee per passare la stagione fredda in mete da sogno

 

Camminare sulle spiagge del Brasile, avventurarsi tra le città imperiali indiane oppure sorvolare le dune della Namibia. Dal mare tropicale, ai grandi viaggi, ai deserti, 15 idee per passare la stagione fredda in mete da sogno.

L'Africa incontra l'Oriente

Scoprire le isole Lamu e la cultura swahili

Un piccolo arcipelago al largo della costa settentrionale del Kenya, dove l’Africa incontra l’Oriente, in una commistione di cultura swahili e mussulmana. Sono le isole Lamu appartenute per secoli al protettorato dell’Oman e fin dal '400 cento al centro delle rotte mercantili fra le Indie e l’Africa, un po’ come la molto più conosciuta Zanzibar. La base per scoprire l’arcipelago è Manda Island, l’isola principale, raggiungibile con voli dagli aeroporti di Nairobi, Mombasa e Malindi. Circondata dalla barriera corallina, ha un bel litorale sabbioso punteggiato da palmeti e mangrovie, che creano un reticolo di canali costieri in cui navigano i dhow – imbarcazioni tradizionali in legno di sambuco. Per una vacanza con un tocco d’autore, c’è il Majlis Resort, nato come casa di vacanza privata e poi trasformato in boutique hotel dal proprietario (italiano), con un progetto del pittore-regista americano Julian Schnabel: l’artista ha immaginato l’albergo come un fortino sulla spiaggia, con ambienti e atmosfere che mischiano tradizione africana e stile contemporaneo (themajlisresorts.com).

PARTIRE: Con Viaggi dell’Elefante, una vacanza di 7 giorni al The Majlis Resort costa da € 2.800 a persona. Il pacchetto include volo per Nairobi, volo charter interno da Nairobi a Lamu, trasferimenti, Jerì pernottamento (free upgrade in camera deluxe) al resort con trattamento di pensione completa e varie attività sportive. Viaggidellelefante.it

In 4x4 sulla grande duna

Lla freak&chic del Nord Est brasiliano

Si chiama Jericoacoara, ma gli aficionados la chiamano Jerì. Nascosta in un’oasi di palme fra le dune che bordano il litorale del Cearà, nel nordest brasiliano, questo ex villaggio di pescatori è circondato da decine di chilometri di spiagge deserte, su cui soffia una brezza costante. Proprio per questo è diventata una delle mete predilette dal “popolo della tavola”, che pratica windsurf e kitesurf. Ma piace anche ai non sportivi, per i panorami grandiosi, lo stile rilassato e l’atmosfera un po’ freak: Jerì si raggiunge da Fortaleza via spiaggia, viaggiando in 4x4, nel suo piccolo centro abitato non ci sono strade (si cammina sulla sabbia!) e i suoi edifici sono tutti costruzioni basse, di legno, mattoni e materiali naturali. Ma negli ultimi anni sono arrivate acqua e corrente elettrica e hanno aperto ristoranti e piccole boutique. Jerì, insomma, è una sorta di “Formentera d’antan”, dove di giorno ci si sparpaglia fra tante spiagge e lagune dei dintorni, per fare kite o windsurf, nuotare o anche solo passeggiare. All’approssimarsi della sera, tutti rientrano in paese per partecipare al rito collettivo del tramonto visto dalla Grande duna che chiude il centro abitato, mentre sulla spiaggia si danza in cerchio la capoeira. E le notti sono allegramente post hippie, con il lungomare invaso dai banchetti che distribuiscono cocktail coloratissimi e i falò sulla spiaggia. Una vacanza pieds dans l'eau!

PARTIRE: Con Jangada Travel TO, una settimana di vacanza a Jericoacoara costa da € 1.050, più volo. Il pacchetto include una notte in hotel 5 stelle a Fortaleza in b&b, transfer da Fortaleza a Jericoacoara e sei notti a Vila Kalango, più un tour in buggy alla spiaggia di Tatajuba. Per Natale e Capodanno, quotazioni su richiesta. Jangadatravel.com

"Spiaggiarsi" in Madagascar

Sull'arcipelago Mitsio nell’eco resort

Localizzarle non è facile: l’arcipelago delle Mitsio è perso nell’oceano Indiano al largo della costa settentrionale del Madagascar. A una quarantina di miglia c’è Nosy Be, molto più sviluppata turisticamente. Qui, invece, arrivano ancora in pochi. Alla ricerca dell’ultima spiaggia e pronti a tuffarsi in fondali vergini, ricchi di pesci e fauna sottomarina, scoperti dal mitico comandante Jean Jacques Cousteau con la sua équipe di oceanografi. L’unica isola abitata dalla popolazione autoctona è Grande Mitsio, con villaggi di pescatori e niente infrastrutture turistiche. Ma si può sbarcare sulla vicina Nosy Tsarabanjina (“isola dalla sabbia bella” in lingua locale), un paradiso di appena 22 ettari con vegetazione esuberante e spiagge bianche, chiuse da rocce nere. Su una insenatura a mezzaluna s’affaccia l’unica struttura alberghiera presente, il TClub Constance Lodge Tsarabanjina, un eco-resort costruito riducendo al minimo l’impatto ambientale. Nelle camere, semplici ma confortevoli, non ci sono né televisore, né telefono: qui si viene per staccare la spina e ammirare le stelle dalla veranda, affacciata sull’oceano (se proprio serve, un telefono satellitare è disponibile alla reception, che ha anche internet). A disposizione degli ospiti c’è anche un biologo-naturalista. Il posto ideale per chi sogna di “spiaggiarsi” e mandare al diavolo tutto il resto!

PARTIRE: Con Hotelplan Italia, a novembre una settimana al TClub Constance Lodge Tsarabanjina da € 2.860 a persona in camera doppia con trattamento di pensione completa. Con partenza il 22 dicembre prezzi da € 3.050; dal 29 dicembre da € 3.250. Il pacchetto include voli dall'Italia, assistenza, trasferimenti e 7 notti al lodge in pensione completa. Hotelplan.it

In spiaggia con le star

Un resort da paparazzi alle Turks & Caicos

Per arrivare in questo angolo sperduto nel blu delle Turks & Caicos ci vogliono due aerei e una barca. Meglio viaggiare leggeri, quindi, ma in buona compagnia: una volta arrivati a destinazione, a Parrot Cay Island si ha a propria disposizione un’intera isola, privata, che sembra uscita da una cartolina caraibica. L’unica costruzione presente è l’esclusivo Parrot Cay Resort. Fuori dalla porta, oltre 5 km di spiaggia da favola. Hollywoodiana: non per niente, proprio qui, in riva al mare, si sono sposate alcune coppie glam del cinema americano, come Ben Affleck e Jennifer Garner e Bruce Willis e la modella-attrice Emma Heming. E fra gli habitué del posto ci sono anche l’attore australiano Hugh Jackman e lo chef giapponese Nobu. I clienti vip si nascondono nelle ville, isolate nella zona di Rocky Point. Per tutti, piscine, ristorante con cucina fusion e Spa con trattamenti esclusivi, “firmata” Como Shambala.

PARTIRE: Con Viaggidea, 9 giorni/7 notti al Parrot Cay Resort sostano da € 3.600 a persona. Il pacchetto include volo di linea

Un viaggio, due Continenti

Natale a New York e Capodanno in Polinesia

Durante l'inverno, la Polinesia Francese finalmente non è presa d’assalto da orde di turisti: il periodo classico dei viaggi di nozze è passato, così come l’alta stagione (che in quell’area del Pacifico va da giugno a ottobre, in corrispondenza con i mesi più caldi). Ma il clima è ancora mitissimo, da eterna primavera, e le piogge rare e passeggere. In più, i prezzi scendono. Questa proposta, che copre Natale e Capodanno, abbina una bella vacanza a Bora Bora, l’isola mitica dei mari del Sud, a un altro classico amato dai viaggiatori italiani, il Natale a New York. Nel viaggio di andata, si fa tappa nella Grande Mela, con quattro giorni a disposizione, prima di spostarsi in Polinesia, con un’intera settimana per sguazzare nelle acque turchesi della laguna di Bora Bora e fare una capatina anche a Tahiti, l’isola principale, con la capitale Papetee. Il costo del viaggio dipende dagli hotel: il pacchetto Deluxe Prestige, il più esoso, prevede per New York il Gramercy Park Hotel, un boutique hotel molto chic in uno degli angoli più belli di Midtown, mentre a Bora Bora si soggiorna all'Hotel St Regis, in villa su palafitta sospesa sulla laguna. Ma anche nella versione base si sta sempre in buone strutture a cinque stelle.

PARTIRE: Con Dimensione Triade, il pacchetto New York più Polinesia, 14 giorni/10 notti, con partenza dall'Italia il 24 dicembre e rientro il 6 gennaio, da € 3.760 a persona in versione Classic Plus, da 4.030 in versione Superior Plus e da € 5.090 in formula Deluxe Prestige. Tutti i voli inclusi. Gruppodt.it British Airways via Londra, con partenza dai principali aeroporti Italiani, trasferimento in barca dall’isola di Providenciales (la principale dell’arcipelago, con l’aeroporto) e 7 notti in b&b. Viaggidea.it

Tra le tigri del marajà da delhi a mumbay,

A spasso nell'India del nord

L’India non è un Paese per vecchi. È troppo faticosa e affollata. L'India non è neanche un Paese per cuori delicati, ingiusta e cruda com'è. Ma l'India diventa un Paese per tutti se in “versione nababbo”, vissuto come novelli marajà nelle esclusive stanze dei Taj Hotels. Un itinerario nel nord che prevede il soggiorno in questi alberghi parte da Delhi e arriva a Mumbay, la "capitale" di Bollywood. Dopo la porta dell’India, con il suo altissimo minareto di Qutub Minar e il bazar di Chandni Chow, si parte per Agra, la città del Taj Mahal e del Forte Rosso, complesso in arenaria rossa che ospitava edifici militari accanto alla residenza degli imperatori Moghul. La tappa successiva, Ranthambore, porta indietro nel tempo, al tipico passatempo della caccia. Nel 1980, la riserva privata è stata trasformata nel parco naturale più attivo per la tutela della tigre indiana. Si torna alle città con la rosa Jaipur, e il suo Palazzo dei Venti, e Jodhpur, con le case azzurre, sullo sfondo del deserto. Infine, si passa anche una notte all'Umaid Bhawan Palace, esempio di architettura indocoloniale e dello stile art-déco degli anni '30

  • 4750 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social