Attimi di terrore a Zanzibar

A Zanzibar abbiamo vissuto attimi di terrore in spiaggia a Jambiani

Diario letto 1609 volte

  • di sofiajom
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

E’ impossibile raccontare il nostro viaggio a Zanzibar non partendo da quell'istante che, di fatto, ha messo la parola fine alla passione per questa vacanza. Jambiani è una località particolare: il mare forma una laguna immensa ove l’acqua è bassissima e per circa un km ci si può addentrare in mare sempre toccando il fondo. Ma, per diverse ore al giorno, la marea si ritira e quel km diventa solo spiaggia. Spettacolare, davvero spettacolare. A noi piace camminare e quindi una mattina che, come le altre, il mare non risulta accessibile, decidiamo di fare una passeggiata fino al conosciuto ristorante "the rock". Quantifichiamo una ventina di km lungo l’interminabile spiaggia. Ci armiamo di zainetto, cappello, creme, occhiali da sole, entusiasmo, rinunciamo alla macchina fotografica che tanto coi cellulari le foto vengono bene comunque e partiamo… se e quando saremo stanchi ci si ferma e si torna con un taxi. La passeggiata è piacevole… si ammira il paesaggio lunare, le raccoglitrici di alghe, i bambini sulla spiaggia. I pochi turisti che passeggiano, la fila interminabile di hotel e lodge semivuoti che si susseguono praticamente ininterrottamente da Jambiani a Paje a Dongwe, la nostra meta. Vi sono anche ciclisti che percorrono la spiaggia. I soliti "beach boys" che si offrono per gite, barche, acquisti… Tutto prosegue sereno finché non mi sento strattonare… mi volto e nel mio totale stupore mi trovo di fronte un ragazzo con un machete con una lama lunga almeno 40 cm che cerca d’impossessarsi dello zainetto. È piegato sulle ginocchia in modalità attacco… infatti attacca, mi spinge a terra, mi punta il machete alla gola, la sorpresa diventa puro terrore, sembra un incubo, un film horror. Mia moglie urla terrorizzata. Lui si impossessa dello zainetto contenente un po’ di soldi ma, soprattutto, entrambi i nostri cellulari, e scappa. Il tutto dura 10, forse 15 infiniti, interminabili, secondi, in cui capisco la teoria della relatività del tempo. Giovanna scappa verso il vicino hotel. Mi incita a correre. Non ce la faccio, le gambe sono pezzi di legno. Ci soccorrono. Un’ospite spaventata confessa che la reception del suo hotel invita a non camminare in spiaggia per i numerosi casi di rapina. Io sono confuso. Giovanna si lascia andare ad un pianto dirotto. L’incubo è finito. Per un istante chiudo gli occhi, sperando che sia veramente solo un incubo.

Eppure era tutto cominciato come sognavamo. Partiamo il 29 Novembre con Qatar Airways (2h scalo a Doha - 380 € a/r p.p.), splendido servizio a bordo. La prima settimana viene anche nostra figlia. Facciamo il visto in aeroporto, al consolato di Milano ci avevano chiesto 80 € a persona. A Zanzibar costa 50 $. Temiamo di perderci chissà quanto tempo, ed invece in 15 min. passiamo l’immigrazione, un po’ di più per le valige (non c’è nastro trasportatore, quindi le valige vengono ammassate in un’area e la scena per il recupero è un po’ fantozziana).

Un’ora di taxi già prenotato e siamo a Nungwi. Soggiorniamo al favoloso Makofi, un po' guest house, un po' ostello. Atmosfera giovanile, rilassata. Noi abbiamo una camera doppia con bagno, mia figlia la capanna senza. Gestito benissimo da Francesco, simpatico italiano che ha fatto la scelta giusta. In quella settimana ci godiamo un mare fantastico, unico posto in Zanzibar non soggetto al fenomeno delle maree, 2 pinnate e già sei circondato da miriade di stelle marine. Birrette e cocktails a base di cocco o amarula godendoci dei tramonti meravigliosi, veramente i più belli mai visti, di quelli che si fondono sulla retina... Ceniamo in splendidi ristorantini sul mare come il "Mama Mia" o il "Baraka" (il nostro preferito) con spesa media di 10 € a testa. Una sera barbeque a "Makofi", occasione per stringere amicizie che ti rimangono dentro… Ari, ragazzotto americano che gira il mondo da 3 anni, una famiglia cino/canadese reduce da un safari nel Serengeti, mia figlia lega con una coppia di coetanei francesi. Vi è anche un’altra coppia di francesi che ritroveremo a Jambiani e che sarà nostra ancora di salvezza…Certo dobbiamo fare i conti coi famigerati Beach Boys che sono veramente molto, ma molto, ma molto più stressanti di ogni più pessimistica previsione… Ma alla fine impari a tenerli a bada e, personalmente, a trovarli persino simpatici. Da Fabio Cannavaro a Gattuso. Da Leo Messi a Lorenzo il Magnifico. Da Marco Polo a Francesco Totti, insomma nomi tipicamente tanzaniani. Noi per le gite, però ci affidiamo all’Hotel o ad un’agenzia locale… ci piace avere un riferimento preciso. Dopo una settimana ci tocca abbandonare il paradiso. Contrattiamo un taxi che ci porti prima in aeroporto a Stone Town. Mia figlia torna a casa. Gli abbracci di rito e, da bravi genitori preoccupati, le nostre raccomandazioni su cosa fare dovesse succederle qualche cosa. Una volta lasciata la figlia proseguiamo per Jambiani

  • 1609 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social