Zambia in autonomia

Due ragazze e una sessantenne in un viaggio fai da te

Diario letto 311 volte

  • di Zikomo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Mia figlia era in Zambia da un paio di mesi per ricerca e raccolta dati, con la sorella abbiamo deciso di raggiungerla e visitare lo Zambia in modo autonomo.

Scrivo questo breve diario perché nella fase di organizzazione ho cercato disperatamente di capire se sarebbe stato fattibile e come organizzarci in modo economico, trovavo solo proposte di pacchetti organizzati a prezzi astronomici ed ero un po’ scoraggiata: voglio rassicurare chiunque intenda fare un viaggio analogo sulla sua fattibilità a prezzi contenuti, se dotati di un po’ di spirito di adattamento e di avventura!

Il periodo: siamo andate in gennaio, stagione delle piogge. È la bassa stagione, le piogge non sono state disturbanti, tutto è estremamente verdeggiante, lo svantaggio è che certe strutture sono chiuse o certe attività (es. walking safari o canoa safari) sospese.

Il viaggio aereo: abbiamo viaggiato con Ethiopian Airlines, Milano – Lusaka con scalo ad Addis Abeba pagando 715 euro a testa A/R; inoltre avevamo stipulato un’assicurazione online (Axa assistence – Protezione Base) pagando sui 60 euro a testa. All'arrivo si paga un visto di 50 dollari pro capite.

Ci siamo fermate una notte a Lusaka (ostello Lusaka Backpackers, comodo ma non brilla per la pulizia), e cambiato i soldi (il cambio era 100 kwacha = 6 euro, notare che spesso i venditori non hanno da cambiare se pagate con una banconota da 100 k!). Avevamo prenotato dall'Italia le successive 4 notti in un lodge (marulalodgezambia.com) di un parco nazionale (South Luangwa National Park) che si trova a circa 700 km a est di Lusaka, raggiunto con un bus delle numerose compagnie che operano su queste tratte (per noi Jonda Bus): bisogna comprare il biglietto il giorno prima alla stazione dei bus, adattarsi a un viaggio piuttosto stipati, partenza alle 5 con un’unica fermata in 12 ore di viaggio… spesa 330 K a testa (meno di 20 euro). Al Marula lodge (trovato grazie a Turisti per caso e che si è rivelato perfetto!) abbiamo scelto l’opzione full board con letti in dormitorio, ma eravamo le uniche ospiti! Ogni giorno sveglia alle 5, colazione, partenza per game drive nel parco dalle 6 alle 10 con spuntino, pranzo alle 11.30, spuntino alle 15, game drive dalle 15.30 alle 19.30 con spuntino, cena alle 20… Non abbiamo sentito la necessità di nessuna aggiunta o integrazione e abbiamo speso, per 4 notti e 3 giorni del programma sopra descritto (sempre bello, vario e emozionante!) 280 euro a testa, ingressi al parco compresi.

Il resto del viaggio lo abbiamo deciso man mano: siamo tornate a Lusaka, dormito una notte e ripartite per Livingstone dove abbiamo dormito le successive 4 notti all’ostello Jolly Boy Backpakers, comodo, pulito e confortevole. Abbiamo visitato le Cascate Vittoria, nuotato nella Devil’s Pool (sul bordo del precipizio, esperienza costosetta ma notevole), visitato il museo di Livingstone e girovagato per la città e nel Maramba market (questo assolutamente non turistico).

Gli spostamenti brevi sono sempre stati fatti utilizzando taxi e accordandoci sul prezzo della corsa prima della partenza; alla discesa dai bus di lunga percorrenza si è letteralmente assaliti da tassisti che si propongono. Ci è stato sconsigliato di camminare da sole ad esempio in Lusaka, ma l’abbiamo fatto più volte senza mai avere la sensazione di non essere sicure; viceversa dopo il tramonto è davvero sconsigliabile muoversi (se non in taxi) perché manca l’illuminazione. Tutte le persone con le quali abbiamo interagito, nelle occasioni più diverse, sono state aperte, gentili e disponibili, specialmente quando si esce dagli ambienti dove sono più frequenti i turisti

Per mangiare abbiamo scelto un paio di volte la cucina locale (nshima, sorta di polenta che si appallottola tra le mani e si usa per raccogliere la carne, o i fagioli o le verdure con le quali è servita, costo molto basso, 1-2 euro), la cucina indiana o altro (spesa sui 5-10 euro a seconda dei casi), frutta buonissima e economica ai mercati o lungo la strada.

  • 311 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social