Yemen: un viaggio possibile...

Patrizio prova a svelare i misteri di un paese antico e di un popolo fiero.

 

Sul nostro sito, nel forum dedicato allo Yemen, vi fate un'idea del dibattito nato riguardo alla sicurezza. Da una parte, coloro che giustamente citano i siti istituzionali (Viaggiaresicuri o dovesiamonelmondo) che raccomandano di non andare in Yemen, evocando anche gli ultimi incidenti finiti tragicamente. Dall’altra parte coloro che – come me – in Yemen ci sono stati e si dimostrano ancora increduli, amareggiati e sconfortati di fronte a una situazione che appare incomprensibile e inspiegabile. Chi c’è stato non vuole ammettere che un Paese meraviglioso come lo Yemen sia di fatto diventato una meta proibita. A questo proposito ho ritrovato una sorta di intervista che mi fece Silvia, la "curatrice-redattrice" del nostro sito, circa 4 anni fa, che per certi effetti è ancora attuale e cerca di spiegare l’evolversi della situazione.

ecco come era ieri

Silvia: Dopo aver confrontato le opinioni a tratti discordanti sul viaggio nello Yemen, ne abbiamo parlato con Patrizio: confermi di considerarlo uno dei più bei viaggi? Patrizio: Assolutamente confermo. Èstato affascinante e bellissimo, una delle esperienze più belle che ho fatto da molti anni a questa parte, quando ho cominciato con Turisti e poi Velisti per caso!

S: Molti ci scrivono, è in corso una specie di dibattito sulla sicurezza e la burocrazia... Cosa puoi dirci in proposito? P: Effettivamente qualche problema c’è stato. Gli amici che ci hanno accompagnato ci hanno raccontato però che i problemi legati ai rapimenti erano relativi, amplificati dalle informazioni che sono filtrate a suo tempo: la questione dei rapimenti si riferiva a una situazione particolare legata all’incertezza dei confini tra Yemen e Arabia Saudita in cui vagavano gruppi di beduini che in qualche modo rivendicavano una loro autonomia. Adesso comunque, già da qualche anno, il problema è radicalmente e totalmente risolto perché i confini con l’Arabia Saudita sono stati fissati e lo stato ha inasprito le pene per coloro che utilizzavano il rapimento dei turisti per sollecitare il governo ad avviare opere pubbliche. È un paese molto controllato, ci sono posti di blocco che verificano, seguono e monitorano il tragitto dei turisti, per garantire la massima sicurezza.

S: Le agenzie consigliano di non andare da soli, è una precauzione necessaria? P: Certamente lo Yemen è uno di quei paesi in cui è giusto andare accompagnati. Ho avuto una guida unica: Marco Livadiotti, un signore che vive lì da decenni e che per questo si è rivelato l’interfaccia ideale. Si tratta di una persona estremamente colta che conosce perfettamente gli usi locali, ma te li racconta filtrati da una cultura che è appunto la nostra, italiana e occidentale. Da un punto di vista organizzativo non è un viaggio da affrontare da soli...

S: Tu consigli di andarci organizzati? P: Certamente sì, perché capire lo Yemen non è così semplice: serve un interprete che sia tale sotto tutti i punti di vista, non soltanto linguistico. Serve qualcuno che ti spieghi, ti racconti e ti introduca presso i personaggi locali. La gente è disponibile e ospitale, ma si tratta di colmare in poco tempo la distanza che ci separa da una cultura millenaria, più antica della nostra.

S: Ancora due parole sulle attrattive culturali ed estetiche dello Yemen... P: Da un punto di vista storico, religioso, architettonico e sociale lo Yemen è uno dei posti più interessanti del mondo. Ci sono città che mi hanno profondamente colpito, ma anche incontri più diretti, come quelli con gli artigiani di San’a o con i pescatori della costa del Mar Rosso.

S: A proposito di Mar Rosso, a bordo di Adriatica avete visto anche la costa? P: Sì. Adriatica è stata scortata dal Catarina, la barca di un altro italiano, Maurizio Pazzelli: l’unico skipper che riesce a fare charter con una barca in acque yemenite. Abbiamo visto alcune isole del Mar Rosso che appartengono allo Yemen, in particolare l’arcipelago di Zubayr. Isole vulcaniche bellissime, sembrano desertiche e alcune sono nere di lava; in realtà, esplorandole si trovano molti animali, non a caso le chiamano le “Galapagos del Mar Rosso” perché sono intatte e con fondali bellissimi. Sono disabitate e sono state visitate da pochissimi turisti; Maurizio ci raccontava di aver accompagnato in quei luoghi meno di mille persone, quindi si sono rivelate una grande scoperta per noi

Parole chiave
, , ,
  • 3329 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social