Un'Asia da cartolina..

Era da tempo che desideravo visitare il Vietnam, paese affascinante e purtroppo a molti noto solo per le ben note vicende belliche più che per il suo patrimonio artistico/culturale. Ero già stato nel sud est asiatico nel 1998 e mi ...

Diario letto 2638 volte

  • di Giuseppe Brenna
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Era da tempo che desideravo visitare il Vietnam, paese affascinante e purtroppo a molti noto solo per le ben note vicende belliche più che per il suo patrimonio artistico/culturale. Ero già stato nel sud est asiatico nel 1998 e mi era rimasto l’interesse di approfondire la conoscenza di questo angolo di mondo.

Il Vietnam è un paese che sta cambiando in fretta e che si configura sempre più quale meta turistica, tuttavia non è certo la prima destinazione che venga in mente a chi si decida a viaggiare in Asia: la reazione comune delle persone a cui raccontavo i miei progetti di viaggio sono sempre stati di stupore e/o curiosità: “ma cosa ci vai a fare?” “ma cosa ci sarà mai da visitare?” “…ma non è pericoloso??” e così via….. Alcuni mi hanno addirittura chiesto se il paese è ancora diviso tra il Nord e il Sud…..

Perché andare in Vietnam? Mi sono documentato a lungo su questo paese, la guida della Lonely Planet l’ho comprata per ben tre volte….Infatti sono stato costretto a rimandare la partenza e nel frattempo uscivano gli aggiornamenti….Ma finalmente il 2004 è stato l’anno giusto e sono partito dal 1 al 16 ottobre con la compagna giusta: la mia Gabry.

I luoghi mantengono una “autenticità” che purtroppo è difficilmente riscontrabile in quelli di tanti altri paesi asiatici, dove sciagurati restauri hanno eliminato quel sapore di antico di cui il visitatore non superficiale è alla continua ricerca. Ed è proprio l’autenticità la caratteristica principale che dovrebbe spingere un viaggiatore a recarsi in questo paese, prima che sia troppo tardi.

Il mio è stato un itinerario “classico” di 15 giorni che ha percorso le principali tappe al nord, centro e sud. Consiglio a tutti prima di partire per qualsiasi viaggio una visita virtuale delle località tramite i siti fotografici su internet, in questo modo infatti si evita per quanto possibile di rimanere delusi.

Nella scelta degli hotel ho prediletto quelli di maggiore atmosfera (buoni ma non extra lusso: abbiamo pagato Min 17 USD – Max 45 USD per una doppia) e li ho prenotati tutti tramite email; per i pasti non ci siamo fatti mancare nulla. Come dimenticare “La Camargue”, ristorante francese di Saigon ospitato in una bellissima villa coloniale? La spesa complessiva è stata tutto sommato contenuta, ma comunque avrebbe potuto esserlo di più scegliendo posti più economici ma che comunque garantiscono confort e pulizia. I voli interni, comprati nella mia agenzia viaggi di fiducia, costano molto di meno sul posto.

Ma veniamo al dunque: partiamo con volo della Thai verso le 15:30 ed arriviamo nel primo pomeriggio ad Hanoi dopo uno scalo a Bangkok. La mia prima impressione è stata quella di un paese in rapida trasformazione e si deduce innanzitutto dalla miriade di motorini che sfrecciano per le strade che ormai hanno sostituito le biciclette. I motorini sono ormai una sorta di status symbol per la gioventù vietnamita che vede i vecchi veicoli a pedali non sufficientemente “in”. Traffico caotico e speculazione edilizia incontrollata credo che siano i mali peggiori del Vietnam, soprattutto nei centri principali.

La capitale conserva senz’altro la sua atmosfera coloniale francese attorno al lago Hoan Kiem, bello il tempio della Letteratura, antica università confuciana per gli aspiranti al ruolo di funzionari imperiali (mandarini) e restaurata dopo i danni subiti dai francesi in ritirata. I dintorni della capitale sono altrettanto interessanti e facili da visitare grazie alle numerosissime agenzie che sono in grado di organizzare le escursioni a seconda delle personali esigenze. La domanda più frequente che mi ero posto è: a quale rivolgersi? In realtà, i servizi non differiscono assolutamente, soprattutto se si ha l’intenzione di partecipare alle escursioni di gruppo (a prezzi stracciati). Dopo essere stati prelevati direttamente dall’albergo, si raggiunge un meeting point da dove i turisti sono smistati su altri mezzi a seconda della destinazione prescelta. Tutte le agenzie sembrano far parte della stessa unica organizzazione. C’è chi sconsiglia questo modo di visitare, temendo di trovarsi in gruppi eccessivamente numerosi. Questo può anche essere vero, però in tal modo si ha anche l’opportunità di conoscere gente nuova e di fare amicizie. Visitando la Pagoda dei Profumi (10 USD a persona) vicino Hanoi ci siamo ritrovati assieme ad altri ragazzi francesi, spagnoli e di altre nazionalità con cui abbiamo condiviso una bellissima giornata. Per la baia di Halong invece (30 USD a persona) abbiamo preferito una escursione in giornata, condividendo la barca con solo altre 4 persone. Per ogni luogo insomma può escogitarsi una formula diversa. Purtroppo non abbiamo avuto tempo per visitare Sapa e le minoranze dell’estremo nord, per la quale sarebbero occorsi almeno altri 2-3 giorni di viaggio…meglio però visitare con calma meno luoghi che cercare di fare tutto di fretta

  • 2638 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social