Vietnam da nord a sud

Dopo Cambogia e Laos, paesi che ho visitato negli anni scorsi, questo è stato la volta del Vietnam. Ho trovato un paese in piena corsa, molto dinamico,invaso dal turismo di massa ma non per questo non degno di una visita ...

Diario letto 1652 volte

  • di Angelo Angelo
    pubblicato il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo Cambogia e Laos, paesi che ho visitato negli anni scorsi, questo è stato la volta del Vietnam. Ho trovato un paese in piena corsa, molto dinamico,invaso dal turismo di massa ma non per questo non degno di una visita approfondita, che stà vivendo da dieci anni un periodo di rinnovamento ( Doi Moi lo chiamano ) e dove purtroppo tutto ruota intorno al denaro e i vietnamiti si ingegnano in mille modi pur di farne il piu’ possibile. Avendo avuto l’opportunità di parlare per molte ore con la gente del posto, mi sono reso conto, dai loro racconti, che il livello di corruzione è altissimo. Lo stato, che gestisce gran parte degli alberghi e delle strutture turisticamente attrezzate, elargisce ai propri dipendenti stipendi minimi che riescono a garantisce solo il minimo vitale, per cui l’arrotondare con vari espedienti è prassi comune. Non ho avuto nessun tipo di difficoltà nel muovermi da nord a sud con tutti i mezzi: aereo, autobus, treno. La parte che piu’ mi ha affascinato è stata sicuramente il nord nord-est , meno caotica e per alcuni versi piu’ romantica ( Hanoi, Halong bay, Sapa ) rispetto al resto del paese . La zona all’estremo nord e quella centrale mi sono sembrate le piu’ depresse, mentre quella meridionale, con al centro Saigon, il cuore del rilancio economico. Ad un primo impatto i vietnamiti ( soprattutto quelli del nord ) sembrano riservati e chiusi , ma in verità non è cosi’. Superata la diffidenza iniziale si dimostrano persone affabili, curiose, piene di aneddoti da raccontare e disposte a mettere da parte quell’etichetta di pragmatismo che a volte, ingiustamente, gli viene affibbiata. Tra le loro parole si percepisce immediatamente un forte attaccamento alla famiglia, alla patria e purtroppo una gran voglia di far soldi a tutti i costi.

Il metodo piu’ veloce e pratico per muoversi nelle grandi città è il mototaxi. Quando si deve acquistare un biglietto che sia del treno o dell’autobus, è sempre meglio girare piu’ di un’agenzia per farsi un’idea del prezzo. Non consiglio di acquistare il biglietto tramite l’albergo in cui si alloggia, può succedere che chiedano il doppio del normale prezzo. Discorso diverso per i voli il cui prezzo è uguale da tutte le parti. Bisogna stare sempre attenti, dopo un pagamento, al resto che si riceve. Piu’ di una volta mi è successo che fosse sbagliato. Euro e dollari americani si possono cambiare ovunque nelle grandi città. Per pagare gli alberghi, i voli, i treni, gli autobus e le gite, ho sempre usato dollari americani, mentre per le spese piccole, i ristoranti e le entrate ai musei mi sono servito della moneta locale.(1 Euro = 19.700 Dong ) Itinerario: Sono arrivato ad Hanoi con un volo proveniente da Roma della Malaysia Airlines con scalo a Kuala Lumpur. All’uscita dell’aeroporto ho preso un taxi-pulmino che per 2 usd mi ha portato nel quartiere vecchio della città dove, per 10 usd ho trovato una stanza in un hotel nei pressi del lago Hoan Kiem. Le cose da visitare sono davvero tante, per cui c’è solo l’imbarazzo della scelta. A mio parere molto interessanti il mausoleo di Ho-chi-minh, il Tempio della letteratura, la Pagoda dei profumi, le movimentatissime vie del quartiere vecchio, lo spettacolo delle marionette sull’acqua ( 40.000 dong - 4000 lire posto in prima fila con ventaglio e musicassetta in omaggio ) e la passeggiata intorno al lago che tra le 19 e le 21 si riempie di persone che fanno jogging e ginnastica ( un buon momento per socializzare ). Per gli spostamenti in città mi sono sempre servito di un mototaxi ( 15000 dong, circa 1500 Lire corsa a/r ). La sera del 10 ottobre ho preso parte alla festa per il 50esimo anniversario della liberazione dal dominio francese. Spettacoli di strada, balli e fuochi d’artificio per concludere la serata. Veramente curioso vedere una gran folla con il naso all’insu’ e la bocca aperta mentre accoglie con un’ovazione lo scoppio di ogni fuoco, come se incredula stesse assistendo a qualcosa di magico

  • 1652 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social