Vienna, la casa degli Asburgo

Un viaggio di cultura e buon vivere nella romantica capitale asburgica

  • di GIOVANNINI ALDO
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Lunedì 29 settembre alle ore 8,00 della mattina avendo quattro giorni a disposizione decidiamo di toglierci uno sfizio che da anni coltivavamo, quello di visitare Vienna, la capitale dell’impero asburgico, Vienna la romantica.

Prendiamo la macchina e in 8 ore esatte (800 km da Reggio Emilia) arriviamo diritti nel centro a Karlplatz dove parcheggiamo in un parcheggio sotterraneo al costo di 10 euro a giorno. Andiamo quindi al nostro appartamento praticamente in centro che è a dir poco bellissimo, moderno, pulito, ben arredato e dotato di ogni confort e tutto al prezzo modico di 70 euro al giorno (Served Apartments Vienna)!

Belli carichi e confortati da un bel sole andiamo subito in centro a goderci il calar della sera su una delle città più romantiche d’Europa. Vediamo subito lo Staats Oper, il teatro più bello e famoso di Vienna vicino al quale potrete vedere sull’asfalto impresse le “stelle” coi nomi dei più importanti compositori della storia. Da qui proseguiamo dritto per la Kartner Strasse, la via dei negozi e della moda che porta dritta al bellissimo Duomo di Santo Stefano, un vero capolavoro gotico. Dopo avere sostato nel centro per un poco decidiamo di andare a mangiare in una birreria tipica viennese nel quartiere ebraico dal nome Kra Kra, ottimo cibo, ottima birra e prezzi modici.

Il secondo giorno una bella mattinata di sole ci incoraggia a partire subito dopo aver fatto colazione nel nostro appartamento, iniziamo con una visita alla piazza Neuer Markt dove si trova la più bella fontana di Vienna (la Donner) e la chiesa dei cappuccini. Passiamo quindi al Duomo di Santo Stefano anche la parte interna dove potrete visitare la tomba dell’imperatore Federico III, il bellissimo organo, e le catacombe. Usciti proseguiamo verso il retro del duomo dove si trova la casa di Mozart e poi verso Honer Markt dove si trova il bellissimo orologio dell’Anker: un carillon con 12 statue che sfilano alle ore 12.00! Da qui siamo andati verso il quartiere ebraico molto caratteristico dove si trova la chiesa più antica di Vienna, la chiesa di San Ruperto risalente al VIII secolo d.c. Abbiamo poi proseguito verso Passaeur Platz dove si trova la bella chiesa di Santa Maria sulla Riva una delle più antiche di Vienna del XII secolo. Da qui si scende una bella scalinata e si arriva nella piazza Am Hof, bella romantica in tipico stile asburgico, con la relativa chiesa in stile barocco del XIV secolo. Continuiamo poi verso il Freyung, una bellissima piazza con una chiesa “degli Scozzesi” e palazzi bellissimi in stile barocco. Dopo alcune foto andiamo a pochi metri nella “minoriten Platz”, dove si trova la chiesa dei Frati Minoriti in stile gotico francese del XIII secolo, veramente bellissima con un portone di ingresso intarsiato e ricco di ornamenti. Dopo tutte queste visite ci concediamo una oretta di sosta al bellissimo Cafè Central, un caffè storico di Vienna del 1876 dove si respira l’aria letteraria che lo ha reso famoso e dove abbiamo preso una bella sacher torte e pure la torta tipica del caffè, merita una visita.

Rifocillati abbiamo proseguito verso l’Hofburg, uno dei palazzi imperiali più importanti di Vienna, che risale fin dal XIII secolo e ed è stato il centro del potere austriaco per più di sei secoli, qui ci siamo fermati un poco nei giardini che si trovano all’esterno e di fronte alla bellissima Biblioteca Nazionale. Da qui abbiamo proseguito poi verso il Burg Theater e quindi da qui in sequenza verso il bellissimo Parlamento austriaco, lo straordinario Rathaus quello che era una volta il palazzo in stile gotico del municipio di Vienna, l’Università e la Chiesa Votiva, gigantesca! Per finire la giornata siamo passati dal Graben, si tratta della via della Moda più esclusiva di Vienna con palazzi e negozi bellissimi al cui centro si trova la statua della Peste fatta costruire dall’imperatore Leopoldo I al termine della peste del 1680

  • 9311 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social