Slovenia, Croazia e Bosnia ed Erzegovina: consigli per gli acquisti

Consigli pratici, link utili e soprattutto prezzi e costi perché viaggiare è bello; ma viaggiare informati è ancora meglio

Diario letto 30357 volte

  • di sermed
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Questo è il resoconto di una bellissima settimana di vacanza passata in tre repubbliche della ex Jugoslavia: Slovenia, Croazia e Bosnia ed Erzegovina.

Il mio non vuole essere il classico diario di viaggio, non mi dilungherò più di tanto nella descrizione di posti e monumenti vari, ma piuttosto voglio dare dei consigli pratici, link utili e soprattutto prezzi a chi intende recarsi in questi paesi. Nostra intenzione (vi presento la mia famiglia: Sergio e Letizia papà e mammà, Morena e Giorgia di 9 e 6 anni le bimbe) era fare un viaggio one-way in direzione nord-sud quindi partire dalla Slovenia, passare in Croazia e quindi in Bosnia partendo da Lubiana e ritornando da Dubrovnik. Ed ecco le prime difficoltà: dalla Sicilia non ci sono voli diretti per Lubiana, ho cercato qualche volo da Roma o da Milano ma con mia grande sorpresa ho scoperto che dall’Italia non ci sono voli su Lubiana! Dopo varie ricerche optiamo per un volo diretto su Trieste, purtroppo non è possibile affittare una macchina a Trieste, Venezia o qualsiasi altro posto in Italia e lasciarla in Croazia! Sarebbe possibile prenderla a Lubiana e lasciarla a Dubrovnik ma con una tassa one-way scoraggiante di circa 280€. L’unica possibilità è prenderla e lasciarla in Croazia, alla fine abbiamo preso la macchina a Fiume in città e consegnata a Dubrovnik aeroporto (da Dubrovnik a Roma volano sia Vueling che Easyjet).

Consultando svariati motori di ricerca per noleggio auto, quasi nessuno indica chiaramente l’importo per viaggi one-way da pagare in loco, l’unico che mi ha dato anche i costi accessori direttamente on-line è stato il sito izzirent.com (ottima anche la app per cellulare), ho così scoperto che questa tassa è di circa 88€ (con piccole differenze tra agenzie). Sempre sullo stesso izzirent è messo in evidenza che la Oryx (oryx-rent.hr) per noleggi da 8 gg in su non fa pagare questa tassa, fatti due conti conviene pagare un giorno in più per risparmiare 76€! Alla fine abbiamo preso una Clio nuovissima (appena 255 km) diesel 4 porte per 8 gg al costo di 125€ (con franchigia di 5000 kune pari a circa 670€, al cambio di giugno 2015 10kn=1,34€), già che ci siamo prenotiamo anche il crossboarding per viaggiare nei paesi extra UE (la Bosnia non ne fa parte) al costo di 38,75€.

Se avete intenzione di andare in Bosnia-Erzegovina, prima di partire andate alla vostra ASL e fatevi fare un certificato per paesi Extra UE per poter usufruire gratuitamente, in caso di necessità, dei servizi sanitari urgenti; nello specifico il vecchissimo mod. 78 bilingue tra Italia e Jugoslavia è ancora valido (per Slovenia e Croazia basta la tessera sanitaria).

Finita questa lunga ma doverosa premessa andiamo al viaggio vero e proprio:

1° giorno - Sabato 13 giugno

Itinerario: Trapani – Trieste – Fiume – Lubiana – Sencur km 147 (solo quelli in auto)

Oggi ci aspetta una giornata faticosa. Lasciamo l’auto in un parcheggio (parcheggiaevola.net) a due km dall’aeroporto di Trapani (65€ per 11gg, contro 87€ del parcheggio in aeroporto), e partenza alle 6,30 per Trieste con la Ryan air. Dopo una breve colazione in aeroporto a Trieste, prendiamo l’autobus (atpgorizia.it) che in circa 50 min e al costo di 4€ a persona ci porta all’autostazione dei pullman (dietro stazione ferroviaria) da dove partirà alle 11.30 il bus Autotrans (adulti 55kn, bambini 28 info autotrans.hr anche per altre destinazioni) che ci porterà a Fiume (anche altre compagnie operano su Fiume per info autostazionetrieste.it). Avendo a disposizione più di due ore decidiamo di rivedere Trieste, stavolta con le bimbe, lasciando le valigie al piccolo deposito bagagli all’interno della stazione (3€ a valigia per 24h). Piccola sorpresa prima di salire sull’autobus per Fiume: Autotrans si fa pagare 2€ in più a valigia per il trasporto in stiva! Il viaggio dura complessivamente 2 ore compresa una sosta in Autogrill ed il tempo per controllo documenti alla dogana: per fortuna il wifi gratuito aiuta a passare il tempo. Scendendo dalle colline il panorama del golfo del Quarnaro con la bella cittadina in stile Liberty di Abbazia lascia senza fiato: sarebbe bello fermarsi almeno un giorno ma la nostra tabella di marcia non lo consente, chissà magari un’altra volta…

Finalmente alle 13,30 siamo a Fiume o, visto che siamo ormai in Croazia, a Rijeka. Il capolinea è proprio ai piedi della bella chiesa di Santa Maria di Lourdes. Il tempo di ritirare l’auto alla Oryx e andiamo a mangiare da McDonald’s lungo il Korzo: cuore pedonale di Fiume. Apro una parentesi: non sono certo un fan di McD’ s ma se il termometro segna 33° e avete delle bimbe stanchissime, un po’ di refrigerio e le sorprese degli happy meal aiutano parecchio! Inoltre in Croazia i prezzi sono decisamente inferiori (2 happy meal e 2 menù panini a circa 16€ contro i 24 dell’Italia, mcdonalds.hr per Croazia e mcdonalds.si in Slovenia). Oltre al bellissimo Korzo, a qualche chiesa ed al teatro non c’è molto da vedere a Fiume quindi partenza per Lubiana via autostrada (E61) fino al confine sloveno poi un bel po’ di statale fino ad incrociare l’autostrada Trieste-Lubiana (E70) all’altezza delle grotte di Postumia. Di certo avrete sentito parlare della vignetta da mettere sul parabrezza che da l’accesso a tutte le autostrade slovene al costo di 15€ per una settimana; in territorio croato, invece, ci sono i caselli e si paga in base al tragitto: il pagamento si può effettuare in kn o in € ma con una piccola differenza, cioè l’arrotondamento per eccesso ai 50 cent superiori se pagate in €!

Arrivati a Lubiana andiamo direttamente al Lumpi Park (lumpipark.si) situato all’estremità nord del parco Tivoli: è un parco giochi dove sono presenti gonfiabili, tappeti elastici, scivoli di tutti i tipi (si scivola anche con le camere d’aria) e poi tanti altri giochi e tutto, udite udite, assolutamente gratuito!!! Si pagano uno o due gettoni da 1 € solamente per i giochi a motore quali motokart o autoscontri-canotto in una piscina. Se avete dei bambini dovete portarli assolutamente! Le bimbe si sono poi divertite a passeggiare e a correre sui prati verdi del Tivoli. Per oggi basta così, stasera abbiamo prenotato a Sencur, un paesino vicino all’aeroporto, presso Guest House Eden scelto dalle bimbe per il giardino pieno di fiori e una piccola piscina con ponticello in pietra (due stanze comunicanti con colazione a € 60: attenzione che in questo e nei successivi appartamenti accettano solo contanti)

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 30357 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social