Genitori e figli in viaggio: si può!

Basta dare uno scopo al viaggio e tenere a bada l'ansia...

 

Il primo (di una lunga serie) di litigi fra me e Syusy risale a quando io-Patrizio avevo 20 anni, e sono andato per l’ultima volta in vacanza in Danimarca in roulotte coi miei genitori. Per Syusy è stato uno scandalo, un chiaro segnale di tossicodipendenza familiare e di sviluppo ritardato: ma quale è l’età massima per andare in vacanza coi genitori? E cosa c’è di male per i figli ad andare in vacanza coi genitori? Oppure, se vogliamo rovesciare la domanda: cosa c’è di male per i genitori portare in vacanza i figli?

In realtà sono due versanti dello stesso problema, o due facce della stessa medaglia. Da una parte quando i figli crescono non hanno nessuna voglia di andare coi genitori (Zoe, nostra figlia, che ha quasi 17 anni, ne sa qualche cosa) e dall’altra i genitori che vogliono viaggiare coi figli piccoli si fanno un sacco di problemi. Morale: sembra quasi che la forbice entro cui genitori e figli possono viaggiare tranquillamente assieme sia strettissima: tra gli 8 e 12 anni! Prima e dopo è un problema. Ma se il problema del dopo è presto detto (insofferenza adolescenziale, interessi che si differenziano, ritmi di vita incompatibili e problemi di convivenza generazionale), i problemi del prima – cioè del viaggio con figli piccoli – forse si possono affrontare meglio. Certo un primo problema è far coincidere ferie degli adulti, vacanze dei ragazzi e soprattutto periodi buoni per viaggiare, in termini di clima e di costi. Viaggiare “in bassa stagione” per chi ha figli è quasi impossibile, perché appena la scuola chiude i prezzi degli alberghi e dei voli salgono… Forse da metà giugno a metà luglio è l’unico periodo buono per viaggiare “in controtendenza”. Ma poi, per viaggi a lungo raggio o in località particolari, c’è il problema delle tante paranoie salutistiche: c’è pericolo di malattie? Cosa si mangia? E se mi si ammala, che faccio?

Io e Syusy siamo stati in genere molto ansiosi in proposito, e Zoe parecchio dispettosa: durante i primi viaggi, quando magari noi genitori ci assentavamo per 10 o 15 giorni assieme, lei restava coi miei genitori e… puntualmente si ammalava. Non si ammalava mai, solo quando la lasciavamo a casa. Come dire: se mi portavate con voi era meglio. Ricordo una telefonata dall’Egitto a mia madre: “Come sta la bimba?”. “Benino, ha due linee di febbre…” da cui ho desunto che aveva 40, come infatti è stato. Quando poi abbiamo cominciato a portare la bimba con noi in viaggio, c’era una valigia interamente dedicata ai medicinali… Strano perché noi siamo sempre stati affascinati da coloro che intraprendevano lunghi viaggi coi figli: abbiamo conosciuto velisti giramondo che facevano studiare i figli in barca, via internet. La voglia del Giro del Mondo ci è venuta anche per questo. Ma quando poi si tratta dei tuoi figli, si ricade nell’ansia. Quindi è difficile dar consigli.

Per i bimbi piccoli naturalmente ci si può informare bene sul viaggio: per esempio anche l’India si può affrontare, ma attenzione ai periodi e alle zone malariche, attenzione al cibo e all’acqua, e comunque magari il Kerala è meglio del Rajasthan. Anche l’Etiopia si può fare, ma con una guida che ti dà una mano con l’alimentazione, e magari ti porta nella Valle dell’Omo nella stagione giusta. Poi, per carità, ci sono vacanze sicure e tranquille, tipo crociera, dove sai quel che mangi e ci sono mille intrattenimenti. Per ovviare invece al disamore dei figli adolescenti, vale la stessa regola che oramai vale per tutti: dare uno scopo al viaggio. Darsi una meta, un obiettivo, delle cose da vedere e da scoprire, che rappresentano altrettanti motivi di coinvolgimento dell’adolescente inquieto: Syusy, ad esempio, riesce a coinvolgere Zoe nella sua passione per la storia e i misteri.

Anche le strutture ricettive possono (e devono) fare molto. Lo dice anche il nostro amico Roberto Vitali, di V4A (village for all) che si occupa di accessibilità: il problema non è la disabilità, ma la diversità. Un bambino in viaggio ha delle sue specifiche esigenze, come qualsiasi altro: se gli veniamo incontro, diamo un’occasione in più a tutti: un cibo flessibile, orari elastici, zone verdi e adibite al gioco son cose che in un Villaggio o un Albergo fanno comodo a tutti. Tutto, pur di non ridursi al vecchio modello della villeggiatura, dove genitori e figli riproducono lo stesso parallelismo di vite estranee: i figli stanno con gli amici, i genitori per conto proprio. Il viaggio è un pretesto per stare assieme, per fare esperienze “strane”, per capire e capirsi di più, altrimenti che viaggio è?

Patrizio

  • 4946 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social