A Venezia per nostalgia e a Verona per gita fuori porta da senior

Passeggiate per luoghi tranquilli senza fretta

Diario letto 1592 volte

  • di yellowhand8
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Venerdì 7 Maggio

Rita ed io partiamo da Torino per Venezia con un treno AV approfittando di un’offerta a prezzi stracciati, arriviamo e acquistiamo due biglietti di libera circolazione sui vaporetti validi 7 giorni (60 euro ciascuno). Il piazzale davanti alla stazione è molto affollato, anche se per esperienza diretta sappiamo che i turisti si concentrano in piazza San Marco, Rialto, Accademia e zone limitrofe. Raggiungiamo il Sestiere di Santa Croce, attraversando il ponte degli Scalzi, e arriviamo al BB “Il giardino dei ciliegi”, facendo esperienza di come non sia facile trovare un indirizzo, pur essendo il B.B. solo a circa 300 metri di distanza. E’ un edificio centenario tipico della vecchia Venezia. La camera è ampia, arredamento d’epoca, bagno completo con bidet, Wi-Fi gratis, no TV per scelta del titolare, prezzo 100 euro a notte, zona tranquilla, vicino a gran parte dei vaporetti. Ci avviamo per un leggero pranzo verso la Caffetteria di Palazzo Cavalli Franchetti, situata lungo il Canal Grande nelle vicinanze del Ponte dell’Accademia, si entra dal palazzo attraversando un giardino al piano terra, arredamento moderno, in pratica un self service, a prezzo fisso di euro 15, non c’è limite a servirsi, la scelta è ampia, i piatti si possono riscaldare nel forno a microonde, non è alta cucina ma ci siamo trovati bene. Siamo un po’ stanchi, decidiamo di prendere un vaporetto per compiere l’intero giro del Canal Grande e quindi vedere molti degli storici palazzi, che pur costruiti in epoche diverse sembrano essere della stessa epoca. Per fortuna riusciamo a sederci, da notare che il prossimo sabato si inaugura la Biennale, molti palazzi espongono grandi cartelli delle mostre e manifestazioni organizzate al loro interno, soprattutto quelli adibiti a musei o gallerie d’arte. Completato il giro scendiamo a San Marco. L’inclemenza del tempo, piuttosto freddo, e, a tratti piovoso, ha come conseguenza che i celebri caffè concerto della piazza sono deserti, anche se suonano regolarmente, in ogni caso, nel tardo pomeriggio la piazza non è mai affollata, per la partenza dei turisti giornalieri. Poi cena all’Osteria Marciana situata nelle vicinanze del BB di fronte al Ponte degli Scalzi, menu a prezzi da considerare bassi per Venezia.

Mercoledì 8

Andiamo a visitare la chiesa di San Pietro di Castello, sede del patriarcato della città fino al 1807, costruita nel VIII secolo quando ancora Venezia non esisteva, inutile riferire che nel tempo è stata sottoposta a modifiche, che la rendono irriconoscibile come costruzione in stile gotico; l’attuale chiesa, infatti, è stata progettata dal Palladio, la facciata in stile barocco è in pietra d’Istria. L’interno è a tre navate, ai lati le cappelle, notevoli, le grandi tele a lato dell’ingresso, l’altare con gli affreschi che raffigurano la Cena in casa di Simone, e Gesù seduto con i discepoli, opere di pittori di scuola veneziana, la prima tela, a mio parere è molto simile alle tele del Veronese. Di antico c’è solo la "cattedra di san Pietro", un semplice trono di marmo e pietra del XIII secolo di provenienza bizantina, che contiene frasi del Corano in arabo. All'esterno l’alto campanile rifatto in epoca rinascimentale. Di nessun pregio artistico l’ex palazzo patriarcale ora trasformato in edificio civile. La zona è piuttosto deserta è un quartiere con edifici di epoca relativamente recente. Andiamo alla Caffetteria di Palazzo Grassi per un leggero pasto, è una galleria di arte moderna c’è molto movimento, per i preparativi della Biennale, il ristorante è al primo piano, non occorre il biglietto d’ingresso, il menu non è molto ampio (si può trovare sul web) ma i piatti, serviti al tavolo, sono ben fatti, ci torneremo anche nei prossimi giorni, prezzi nella media

  • 1592 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social