Slow tour veneto fra l’Alpago e il Cansiglio

Patrizio nel suo viaggio in Italia ha incontrato un territorio protetto, ricco di storie e persone che hanno fatto della biodiversità uno stile di vita. Riscoprendo il lato migliore e più autentico del turismo...

 

Se si viene da Milano o da Firenze-Bologna si arriva in autostrada fino a Padova, poi avanti fino a Mestre, quindi si “volta a sinistra” su per l’autostrada che passa da Treviso e Conegliano. E a est di Belluno c’è l’Alpago: uno dei tanti sotto-insiemi culturali, climatici, storici di cui è composta la nostra Italia. Una zona relativamente omogenea ma ricca di situazioni climatiche diverse, fra Tambre, Puos, Chies, Pieve e Farra; tra il Monte Dolada, il Monte Cavallo e il Bosco del Cansiglio. Tra la pianura e l’altra montagna. Posti semi-sconosciuti, che però sono stati per me una gran bella scoperta. Col mio amico Sandro, che a Tambre ha una casa, ci sono stato due volte quest’anno: la prima “gita” l’ho fatta in pieno inverno, e la seconda alla fine della primavera. E in entrambi i casi mi sono divertito…

IL LAGO DI SANTA CROCE

La prima cosa che incontri è il Lago di Santa Croce, dove i tedeschi fanno il bagno da aprile a ottobre, e viceversa noi comuni mortali ci limitiamo ad immergerci da fine giugno ad agosto. Darwin diceva (e se non l’ha detto lo dico io) che l’uomo discende dalla papera: appena trova uno specchio d’acqua impazzisce di gioia. E il Lago di Santa Croce è un vero divertimentificio sportivo, attivo quasi tutto l’anno. D’inverno capita che si ghiacci. Negli altri mesi è la meta preferita di chi fa canoa, surf, kite-surf, windsurf e soprattutto vela. In particolare è diventato la palestra d’allenamento di un sacco di velisti-non-percaso, anche ad alto livello sportivo e agonistico. Ma il Lago di Santa Croce è soprattutto croce-e-delizia dei pescatori: si pescano, anzi si pescavano, anzi si pescano ancora, un sacco di specie di pesci (luccio, persico ecc). No, non sono del tutto impazzito: il fatto è che c’era una volta un sacco di pesce, poi non ce n’era più, e adesso ce n’è ancora tanto. E questa è una bella storia, e complicata. Il fatto è che il Lago di Santa Croce è “a livello variabile”, è soggetto ad alta e bassa marea… Ma come, bassa marea in un lago prealpino? Sulla riva del Lago c’è una piccola costruzione, ancora in via di completamento. È il Centro ittio-genetico. Che cos’è? Me lo spiegano quelli della Associazione Pescatori Sportivi, che mi raccontano tutta la storia. Dunque: c’era una volta il Lago di Santa Croce, con i suoi abitanti che pescavano felici e contenti. Poi è arrivata, a valle, una centrale idroelettrica, che ha cominciato ad utilizzare l’acqua del lago per produrre energia. Poi sono arrivati con i Consorzi di Bonifica, che hanno cominciato ad utilizzare le acque del Lago per l’irrigazione. E il lago si prosciuga, come una mamma che allatta i figli oltre ogni limite di sopportazione. Soprattutto ne ha risentito la fauna: i pesci, che lungo le rive depositano le uova. Qui fa freddo e lo sviluppo delle uova è lento e il continuo scoprirsi e coprirsi delle rive impedisce di fatto al pesce di riprodursi. Ed è così che è nato il Centro Ittio-genetico.

MUNGERE LE COREGONE

I pescatori d’inverno catturano il pesce, soprattutto il coregone, una sorta di trota, e lo mettono nelle vasche del Centro ittio-genetico, che in realtà è una sorta di Reparto Maternità. Si individuano le femmine, che in inverno sono quelle più cicciotte. E poi… si mungono. Ci ho provato anche io, con l’aiuto di Fortunato, il capo-pescatore: si prende la coregona per la testa e si stringe sulla pancia: salta fuori un fiotto liquido, che sembra latte,in realtà sono uova. Poi – detta così sembra una ricetta – si prendono un paio di maschi, li si munge in modo più o meno simile fino a spruzzare il loro sperma sulle uova, si mescola un attimo e poi si versa il tutto dentro una boccia di vetro, dove c’è acqua purissima di lago, che viene shakerata continuamente e quindi rimescolata, simulando il movimento delle acque del lago, che evita che tutto si raggrumi. Dopo due mesi nasceranno gli avannotti, che verranno rilasciati nel Lago. E i coregoni sono salvi!

CONTRADDIZIONI

Dopodiché uno pensa che l’uomo è un disastro, che si consuma le sue stesse risorse da sé. Perché vuotare il lago? Perché almeno non accordare in un sistema coordinato le varie esigenze di pescisurfisti-contadini ed elettricisti? Ma mai azzardare giudizi affrettati, non è finita: mentre guardo sconsolato le rive asciutte del Lago, mi si avvicina un signore che mi dice che quello in realtà è il livello “naturale” del bacino. E scopro che una volta il lago era più piccolo e più basso, poi circa 80 anni fa è stato chiuso e quindi allargato per alimentare la centrale. Il lago poi successivamente è stato sfruttato e quindi ridimensionato, e ora va su e giù in base alle esigenze di contadini e centrale Enel… Una volta c’era il pesce, poi no, poi sì… è tutto un fare e disfare. È tutto un rovinare l’equilibrio e poi darsi da fare disperatamente per ricostruirlo. Paradossalmente il disequilibrio della centrale e del prelievo a scopi agricoli, ha “restaurato filologicamente” il vecchio lago naturale. Ora comunque c’è un buon coordinamento fra le varie esigenze, e il livello del lago è diventato finalmente molto più stabile

  • 2332 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social