Quattro x Quattro

dai monti al mare passando dal lago...

Diario letto 19910 volte

  • di maribi8
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro

Rispetto al traforo del Monte Bianco, la strada da noi scelta, che porta al Passo del Piccolo San Bernardo forse è più lunga, ma decisamente panoramica. Sul percorso le cascate di Lenteney meritano una foto, poi un caffè a La Thuille.

Verso mezzogiorno siamo al passo , quota 2188 mt e tanta neve intorno. Immortaliamo lo spettacolo e subito dopo inizia la discesa. Ci fermiamo in un Autogrill, un panino e via, prossima tappa Annecy. La città, che viene definita la Venezia di Francia, si rivela subito bellissima con innumerevoli strutture per viverla a pieno. Il centro storico è un susseguirsi di viuzze tipiche e canali che sfociano nel lago, pare che le sue acque siano le più pulite d’ Europa e a giudicare dal colore cristallino, direi proprio che è così. Ampi prati e grandi giardini. La macchina fotografica, non ha un attimo di pace. Emilio da perfetto goloso si presenta con un variopinto vassoio di” Macarones”…sono deliziosi!!!

Adesso all’Hotel du Chateaux ( 70 euro a camera + 14 per la colazione), posizione centrale con parcheggio,tipico hotel francese datato dove servirebbero urgenti lavori di manutenzione, comunque ottima soluzione per visitare la vecchia città.

Dopo la doccia rigeneratrice, di nuovo fuori a cercare il ristorante giusto. Ce ne sono tantissimi, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta. Siamo in Alta Savoia e quindi la cena al ristorante “Les Jardin de l’Auberge” sarà savoiarda, a base di Fondue Royale, Tarte Tatin e un ottimo vino francese ( 136 euro in 4 ). Passeggiata romantica tra i canali e poi buonanotte!!!

4 GIUGNO 2010

Dopo la colazione ancora due passi nel centro; volevamo fare qualche acquisto , ma aimè i negozi aprono più tardi, scopriamo però che il locale dove abbiamo cenato è andato completamente bruciato. Caspita siamo stati fra gli ultimi clienti!!!

Di nuovo a bordo della nostra Kia che fino ad ora si è comportata bene. La direzione adesso è la Costa Azzurra attraversando l’Alta Provenza. Anche quest’ anno è un po’ presto per vedere la lavanda in fiore (peccato), è la seconda volta che ci proviamo ma le strade sono talmente belle e verdeggianti che ci ripagano per lo spettacolo perso. Il viaggio continua e la musica che ci fa da sottofondo è un fantastico revival anni 80’- 90’ . Pausa pranzo in un area attrezzata, e il menù non poteva che essere” saucissons et frites”, eh già, sono 3 giorni che parliamo di questi “saucissons”! Si mangia, si parla e si scherza e si rivivono tanti momenti passati insieme... La compagnia è ottima ed è un vero piacere stare con loro!! Cominciamo ad essere stanchi (soprattutto chi guida), è da questa mattina che stiamo viaggiando. Decidiamo di fermarci a Grasse, la città dei profumi, ma è un vero caos e in più il caldo, che nei giorni precedenti avevamo dimenticato, si fa sentire.

Di colpo ci sentiamo catapultati nella realtà della città e per questo motivo niente sosta, via scappiamo da qua! Proseguiamo verso la costa e precisamente a Cannes dove troviamo l’Etap Hotel per la notte ( 55 euro a camera tutto compreso). La tanto sognata doccia e poi passeggiata tra le vie della città e sul lungomare per la cena ( pizza, birra, dolce e caffè 110 euro in 4). Siamo nella capitale del cinema e ce ne accorgiamo, giganteschi murales dipinti sui muri e sagome con personaggi cinematografici sono sparsi un po’ ovunque. “Sfiliamo” sulla mitica Croisette (il tappeto rosso non c’e, ma va bene lo stesso) e saliamo alla rocca che domina tutta la costa e la città. Un susseguirsi di locali e tanta gente che l’affollano,

Una musica suonata dal vivo fa da sottofondo ai nostri passi. Che bella serata

  • 19910 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social