Valencia a novembre… col sole

Primo viaggio in tre (con bambina al seguito) nella città spagnola

Diario letto 19920 volte

  • di squalo78
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro

Il sabato lo abbiamo dedicato alla Città delle Arti e della Scienza. Questa volta ci siamo arrivati in autobus e abbiamo visitato per prima cosa l’Oceanario dopo aver acquistato i biglietti dal sito perché alla biglietteria c’era la fila. L’Oceanario è molto grande e molto piacevole da visitare soprattutto perché la giornata era ancora una volta bella, visto che ci sono percorsi esterni da fare. Pranzo al sacco questa volta…mega panino al jamon acquistato al solito Mercato Centrale. Il biglietto che abbiamo fatto comprendeva anche la visita al Museo della Scienza ( costo 30 euro a testa ), abbiamo escluso dal giro l’ Hemisferic perché non ci sembrava adatto con prole neonata al seguito. Il Museo, che abbiamo visitato nel pomeriggio, è molto interessante ma tanto ricco di cose da fare e ci sarebbe voluta una giornata intera per apprezzarlo fino in fondo. Per bimbi più grandicelli e ragazzi è super! E anche per chi come me per professione e passione ne coglie gli aspetti didattici ed educativi. Dopo aver camminato tanto tutta la giornata ci concediamo una spremuta delle mitiche arance di Valencia e torniamo verso casa con l’autobus che ci fa fare un giro lunghissimo ( per un nostro errore nella scelta della fermata ). Arrivati all’appartamento prenotiamo, grazie alla signora della reception, il transfer per l’aeroporto visto che il giorno dopo avevamo l’aereo molto presto. Decidiamo di tornare ancora una volta al barrio del Carmen per la cena e scegliamo il ristorante di tapas El tap. Birra gelata, ottimo cibo e musica italiana allietano la nostra ultima sera valenciana. Complice la bella serata decidiamo di concederci un’ultima passeggiata, ripercorrendo Plaza de la Virgin, Plaza de la Reina che anche mia figlia dall’alto del marsupio in cui troneggiava ha gradito!

Il giorno seguente levataccia e aereo per tornare a casa.

Che dire… esperienza positiva al cento per cento. Pensavo di non riuscire a vedere molto con la bambina e invece abbiamo girato più di quanto avessi programmato. La città merita, è davvero godibile, basta una passeggiata tra i suoi molteplici palazzi per respirare storia e cultura e poi non troppo affollata visto il periodo che grazie al clima è comunque ottimo. La Spagna è, tra le mete vicine, la mia preferita per accoglienza, cibo, atmosfera,,,insomma offre un po' di tutto! Consiglio vivamente

Al prossimo viaggio.

  • 19920 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social