Isola di Ustica e Palermo

Isola rimasta integra, paradiso non solo dei sub

Diario letto 23274 volte

  • di casamagic
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ustica è un’isola che merita di essere visitata soprattutto perché è rimasta incredibilmente integra.

Tranne rarissimi casi non è stata intaccata dalla speculazione edilizia, gli usticesi esistono ancora (1.200 abitanti) impegnati nella pesca, agricoltura, turismo e ristrutturazioni edili.

Dal centro nord d’Italia si raggiunge Palermo con numerosi voli a buone tariffe. Noi siamo partiti da Forlì con Windjet (140 e. A/r a persona, orari comodi, biglietti comprati 40 gg prima). Dall’aeroporto di Palermo dalle 5 alle 24 (agli 00 e ai 30 minuti ) partono i pullman per la città della compagnia Prestia e Comandé ( biglietto e. 5,80 si fa a bordo). Fanno una decina di soste in città di cui una, dopo 40 minuti, in via Amari 8 zona porto. A 500 metri i moli di partenza della Siremar

(aliscafo e. 21,5 per 1,15 h - nave e.16 per 2,30 h) poco più lontano la partenza del catamarano Ustica Lines (e. 21.5 per 1,30 h). All’andata ai biglietti vanno aggiunti 2 e. Come costo ingresso al parco di Ustica. Quindi aereo, pullman e aliscafo nessun problema.

A Ustica consiglio di soggiornare in paese dove avevamo prenotato al residence Le Terrazze a 100 m. Dalla piazza, in una bellissima zona panoramica sul porto/paese. In giugno il costo per un monolocale con piccolo angolo cucina, compresa la colazione al mattino, è di circa 65 e. Totali al giorno per 2 persone. Tutto molto curato e ristrutturato come nuovo. In rete si trovano diverse soluzioni come l’Hotel Giulia (2 stelle ma ne vale almeno 3 perché senza ascensore…..) o app.ti/monolocali presso privati anche questi molto curati grazie al concetto di ospitalità che hanno gli usticesi.

Il centro vitale dell’isola è la piazza del paese, una piazza/via in salita fino alla chiesa con negozi, panchine, giardinetto, capolinea del bus. Tutto obbligatoriamente passa da qui ed è inevitabile e piacevole ritrovo sia degli usticesi che dei turisti.

L’isola è di origine vulcanica, a circa 65 km da Palermo, non fa parte di arcipelaghi. Ha costa rocciosa alta tranne nella zona nord-ovest dove ha spiaggia di ciottoli o costa bassa. E’ nota come un paradiso per i sub ma anche per chi fa semplici bagni con maschera riserva scenari ricchi di flora e fauna marina difficilmente visibili altrove in Italia. La cosiddetta zona A, da Punta Megna a Punta Spalmatore, è proibita alla pesca e all’accesso di barche. Si può nuotare partendo dalla costa in questo enorme e ricco acquario naturale dalle acque limpidissime.

Da ovest ad est Ustica misura meno di 6 km ma varia da boschi in collina, a campi coltivati soprattutto a frutta e verdura, a costa più o meno alta dai tipici colori lavici. Una strada asfaltata segue la forma circolare dell’isola ed il modo migliore per percorrerla è il comodo e piccolo autobus comunale (biglietti a bordo a 1e.) dove si fa conoscenza coi cordiali isolani ma anche con altri turisti. Ci si scambiano pareri ed informazioni certi che alla sera od il giorno dopo ci si incontrerà in piazza, in un negozio o in una cala e di nuovo a raccontarne. Anche uno scooter va bene per girare ma è un po’ asociale, ottimo per un giorno per raggiungere il radar aereo (enorme palla bianca quasi in cima alla collina) da dove si domina gran parte dell’isola o per meglio raggiungere il villaggio preistorico (da visitare) o fare un bagno nei vicini faraglioni. Se coll’autobus si scende a Cala Sidoti, inizio zona A, a piedi in 7-8 minuti poi si arriva a Punta Spalmatore ed altrettanto per Punta Faro. Queste zone sono tutte facilmente balneabili, comode per stendere un telo o materassino e prendere il sole, spaziose per centinaia di persone, c’è pure qualche zona sempre all’ombra delle rocce o del fabbricato dell’ex acquario. Se non si hanno le pinne sono consigliabili le scarpette da scoglio. Per rientri urgenti c’è sempre Pippo che col suo pulmino vi riporta a casa con prezzi modici

  • 23274 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social