Budapest, viaggio breve ma intenso

Breve soggiorno per visitare la capitale ungherese

Diario letto 4517 volte

  • di fabrimano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Partenza da Roma con volo Ryan Air, con ritardo di un'ora. Arriviamo alle ore 1.30 di notte, e avendo prenotato il servizio navetta, siamo stati accolti, con tanto di cartello, dal nostro autista che ci ha portato all'albergo. La spesa è stata di 20 € ma visto l'ora e l'ottimo servizio (wifi in navetta e autista gentilissimo che ci fornisce indicazioni e mappa di Budapest), sono stati soldi spesi bene. Abbiamo alloggiato all'hotel Eurostar Budapest Center, che consigliamo. Ottimo hotel, sia per servizi, che per localizzazione e costo. Non avevamo la colazione compresa, fuori dall'hotel ci sono bar e pasticcerie dove servirsi. La pasticceria di fronte non è proprio economica ma ha ottime paste!

Camminando ci siamo diretti lungo Vaci Utca, la via principale di Budapest (che iniziava a poche centinaia di metri dall'hotel), e percorrendola siamo arrivati al Ponte delle Catene (da non perdere) ma soprattutto, attraversandolo e inerpicandosi per un ripido pendio, siamo giunti al meraviglioso Bastione dei Pescatori. Ci siamo trattenuti tra le sue vie, fra musei e palazzi, e alla fine ormai infreddoliti abbiamo deciso di pranzare in un piccolo fastfood nella zona.

Dopo un buon pranzo e essendoci riscaldati, abbiamo ripreso il cammino, scendendo verso la città e soffermandoci ai mercatini rinomati di piazza Vaci Utca. Ogni bancarella è un suo piccolo mondo, ricco di tradizione e storia, di gusto e sapore!

La sera abbiamo deciso di prendersi una ciaccia e un bel bicchiere di vino caldo proprio alle bancarelle, gustandosi l'atmosfera che diventava sempre più fredda come temperatura ma sempre più calda come colori e suoni, portandoci "dentro" il Natale!

Alla fine, stremati dal viaggio e dal freddo siamo rientrati in albergo per un buon riposo.

La mattina dopo avevamo appuntamento per una visita guidata del Parlamento, prenotata dall'Italia e in italiano. Ci siamo recati a piedi percorrendo le strade storiche di Budapest e gustandosi, nel frattempo, dolci tipici e capuccini (per riscaldarsi un pò!). La visita è breve ma ve la consigliamo, il palazzo, per il fascino che emana, vale un pò del nostro tempo!

Usciti dal Parlamento ci siamo recati, sempre a piedi, verso la Basilica di Santo Stefano,e dopo una visita al suo interno, ci siamo fermati per un pranzo ristoratore. Abbiamo deciso di pranzare presso i mercatini e è stata un'ottima scelta, visto che il cibo era ottimo e la spesa economica per due piatti abbondanti di carne e verdure!

Dopo pranzo, visto che ci eravamo infreddoliti ben bene, abbiamo deciso di recarsi alle terme Gellert, vicine fra l'altro al nostro albergo.

Vasca calda a 38 gradi... un vero piacere considerato che fuori la temperatura non saliva mai sopra i 5 gradi di giorno!

Uscite dalle terme ci siamo fatti un giro al Mercato coperto, giusto per capirne la grandezza e vedere gli orari. Considerata la fame ci siamo recati all'albergo per un cambio di abiti e siamo usciti per la cena. Anche la sera abbiamo cenato presso i mercatini mangiando pizza e bevendo vino caldo, rosso invece che bianco! Dopo la pizza abbiamo preso un dolce tipico del luogo, tondo e cotto sul carbone, che abbiamo mangiato gustando lo spettacolo proiettato sul palazzo Gerbaud della piazza.

Passeggiata tra le bancarelle e attraverso Vaci Utca per rientrare in albergo, stanchi ma soddisfatti.

La mattina dopo abbiamo visitato il Mercato coperto, le sue numerose bancarelle, di ogni tipo e qualità ottime per comprare regali e souvenir! Veramente tanta scelta a prezzi modici

  • 4517 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social