Uganda: scalata ai monti Rwenzori

Trekking del circuito centrale dei monti Rwenzori-monte Stanley-margherita peak (5.019 mt)

Diario letto 306 volte

  • di Annibale77
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

È giugno quando mi arriva un messaggio, è il mio amico Adalberto che mi scrive: "cosa hai da fare dal 22 dicembre al 03 gennaio????". La mia risposta: "al momento niente in programma, che hai per la testa??"

...è cosi che mi propone questo fantastico viaggio, il trekking del circuito centrale dei monti Rwenzori, la catena montuosa più' grande dell'Africa, la cui vetta principale è la terza del continente, Margherita peak 5109 mt. Studio per qualche giorno le varie fasi del viaggio e cosa andremo a fare, io non ho esperienze in montagna con altitudini così impegnative mentre il mio amico ha già scalato il Kilimanjaro, ma l'idea mi piace e do conferma per la partenza. I mesi a seguire li useremo per prepararci fisicamente (con due ascensioni di 4000 mt per fare pratica con ramponi e piccozza), un trek sul Gran Sasso raggiungendo la vetta del corno Grande e qualche trek sulla montagna vicino casa del monte Semprevisa.

22/12/2018

Partenza da Roma con un volo della Turkish, scalo ad Istanbul ed arrivo a Entebbe il 23/12... breve trasferimento e siamo nella capitale dell'Uganda Kampala. Nel pomeriggio con una guida locale giro panoramico della città.

24/12/2018

Giorno speciale!!!! È il mio compleannoooo... facciamo un giro in centro, pranziamo in un moderno locale di una catena ugandese "cafè javas" e rientriamo in hotel, bisogna prepare controllare tutto il materiale... domani si parteeeeeee!

25/12/2018

Partenza in direzione FORT PORTAL dove facciamo sosta per il pranzo, lungo la strada tutti vestiti a festa, qui il Natale lo festeggiano nelle chiese con musica canti e balli, proseguiamo fino a raggiungere il campo base.

26/12/2018

Raggiungiamo gli uffici del parco nazionale dei monti Rwenzori presso NYAKALENJIJA 1615 mt,incontriamo le nostre due guide (Justed e John), il cuoco e i nostri portatori... il gruppo è completo... ultimo controllo dei nostri zaini e via iniziamo il nostro trekking, attraversiamo le terre coltivate e le case dei bakonjo, popolo delle montagne, seguiamo il corso del fiume Mubuku, ci addentriamo nella foresta e raggiungiamo il rifugio Nyabitaba 2652 mt.

27/12/2018

Colazione top con frittata, pane tostato e salsiccia... proseguiamo il cammino, la zona vegetativa è quella della foresta di bambù, togliamo le scarpe da trekking e indossiamo dei stivali di gomma, attraversiamo un tratto acquitrinoso cosparso da magnifiche piante, saliamo una parete rocciosa da dove inizia la zona della brughiera, il punto di arrivo di oggi è il rifugio john Matte hut 3505 mt.... prepariamo i nostri sacchi a pelo, cena veloce e buonanotte.

28/12/2018

Attraversiamo il fiume bujuku ed entriamo nel Bigo Bog inferiore,una zona paludosa ricca di vegetazione.dopo una scalata rocciosa entriamo nella zona del Bigo Bog superiore dove si apre un ampia vallata che ci portera' fino al lago Bujuku,lo costeggiamo passando un ampia zona aquitrinosa fino ad arrivare alla nostra tappa di oggi,il rifugio Bujuku 3962mt

29/12/2018

Solita colazione super e si riparte... passiamo ormai i nostri soliti tratti acquitrinosi, fango e acqua sono costanti giornaliere!!!! Saliamo un ripida parete rocciosa, iniziamo a vedere i primi tratti innevati siamo nella zona Alpina, solita sosta veloce per pranzo (barretta e un frutto) e nel primo pomeriggio arriviamo al rifugio Elena hut 4430 mt. un po' di riposo e controlliamo tutto il materiale per domani. DOMANI È IL GIORNO DI VETTA!!!!!!

Dividiamo il rifugio con due simpatici alpinisti giapponesi, ridono sempreeeee

30/12/2018

Partenza di buon ora, mi sembra circa verso le 4, oggi tentiamo l'ascesa finale alla Cima Margherita peak (5109mt) sul monte Stanley, il primo alpinista a raggiungere la vetta fu il principe Luigi Amedeo di Savoia Duca degli Abruzzi il 18/06/1906... fuori è ancora buio, passiamo i primi tratti ghiacciati, iniziamo ad arrampicare, il percorso è un continuo saliscendi, comincia a fare giorno e il meteo non è nostro amico, nevica, ma il problema principale è la nebbia, saliamo saliamo saliamo saliamo e arriviamo a quota 5000 mt, la visibilità è limitatissima, la stanchezza si fa sentire, la quota anche!! Ci fermiamo... ci confrontiamo con le nostre guide... mancano solo 100 mt alla vetta ma prendiamo la saggia decisione di tornare indietro... ONORE A NOI!!!! Ci attendono ancora un bel po' di ore di cammino per raggiungere le sponde del lago Kitandara dove arriviamo stanchi al rifugio Kitandara 4023mt.... cena veloce e via nel sacco a pelo

31/12/2018

Saliamo una ripida parete in direzione del monte Baker fino al passo Freshfield 4282 mt, da qui iniziamo la discesa attraverso ripide e scivolose rocce fino alla valle Kabamba, in serata raggiungiamo il rifugio Guy Yeoman 3261 mt. Stasera il nostro cuoco per cena ha preparato pasta in bianco... una collaaaa indimenticabile!!!!! Io comunque l'ho mangiata, Adalberto non c'è riuscito.

01/01/2019

Ultimo giorno di trekking per completare il circuito, circa 7 ore di cammino e ci siamo!!! Arriviamo al campo base da dove tutto era partito, stretta di mano con Adalberto e stasera brinderemo....due "nile special"

Grazieeeeeeeeeeeeee

  • 306 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social