Turisti per caso Slow Tour di giugno, numero 8

Un'estate italiana! A piedi, in bici, in barca, in vespa... tra spiagge, borghi, montagne. In edicola dal 4 giugno

Incomincia una strana Estate. Liberi tutti, forse. Pian piano cadono tutti i limiti e i divieti, fra poco si potrà andare dappertutto. Ma siamo un po’ come quegli animali selvatici che vengono liberati in natura: subito si precipitano fuori dalla gabbia, poi si fermano, si guardano attorno e riesplorano cautamente la libertà. Questa estate torneremo tutti in viaggio, o in vacanza, ma generalmente non andremo lontano.

Molti di noi andranno nelle seconde case – quelle dei genitori – dove non si tornava più da anni. Le case in affitto al mare o in montagna sono richiestissime. Torna il concetto un po' retrò di "villeggiatura". Pronti magari a tornare in città per la seconda dose del vaccino. A proposito di viaggi&medicine, Syusy intervista il nostro amico medico naturopata: cosa portare in viaggio?

Turisti per caso slow tour di giugno - Turisti Per Caso
Turisti per caso slow tour di giugno

Il fatto comunque di dover restare quasi-a-casa, o comunque vicino-a-casa, non va inteso però come una regressione, ma semmai come un'occasione. A noi turistipercaso, anni fa, è successa una cosa strana: avevamo proposto a Rai3 un viaggio in Cina. Ci hanno risposto che "la Cina non era interessante". Siamo rimasti male. Ma vale sempre il detto "crisi uguale opportunità": abbiamo deciso di iniziare il progetto Italia Slow Tour. E quindi abbiamo iniziato a scoprire l’acqua calda, e cioè che l’Italia è il posto più bello del mondo.

Non è la sindrome della Volpe e l’uva. È vero! Certo gli atolli del Pacifico sono una bellezza, ma le Isole del Tirreno hanno colori, baie e spiagge talmente multi-speciali da vincere qualunque confronto. L’Himalaya è mitico, ma le Dolomiti hanno colori inimitabili. Il mercato del pesce di Tokio è stupefacente, ma quello di Venezia, tra il Canal Grande e Rialto, è indescrivibile. Potremmo andare avanti ancora con questi paragoni, in sé incongrui. Ma la ragione definitiva è la solita constatazione che siamo il Paese a più alta variabilità e biodiversità, in assoluto. Avendo visto un po’ di Mondo, possiamo dirlo. Quindi l’esplorazione dell’Italia non finisce mai, come non finiscono mai le sue sorprese.

Venendo a questo numero, ci siamo sforzati di raccogliere – come al solito – degli strumenti concreti, dei suggerimenti pratici. Anche e soprattutto per coloro ai quali, quest’anno, la villeggiatura potrebbe andare stretta. Leggerete come evadere dal tran tran della spiaggia: mete possibili a portata di mano, con una gita o una puntata a un Borgo. A proposito di spiagge, iniziamo a occuparci – assieme a Village for all, Legambiente e Mondo Balneare – di stabilimenti accessibili, per tutti. Ci sono poi testimonianze dirette di turisti che si muovono per l’Italia a piedi, in bicicletta, in barca e anche in motocicletta e in macchina (magari d’epoca), senza contraddire lo spirito “lento”: si può andare piano anche in moto, slow-mo-tour. In ogni caso, per gli irriducibili che non possono rinunciare a immaginare viaggi a lungo raggio, in questo numero c’è una nostra amica che è andata in California facendo couchsurfing (cioè divaning) e il nostro mitico stratega turistico, Orso, che riesuma un suo diario di viaggio d’annata, da Pechino a Mosca in Transiberiana.

Buon viaggio a tutti!

Turisti per Caso Slow Tour di giugno è in edicola venerdì 4, disponibile anche in digitale!

Parole chiave
  • 1167 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social