Come si raccontano i viaggi?

Meno manierismo del viaggiatore, più realismo e ironia.

 

Si potrebbe chiamare Processo di eroizzazione. E' quella tendenza che porta chi racconta un viaggio a rendere - spesso - mitico l'oggetto della sua narrazione. Sembra che raccontare semplicemente, in maniera minimalistica, quello che è successo durante un viaggio, suoni banale. E allora si tende ad alzare il tono. Pur lasciando magari sostanzialmente intatta la realtà, si adopera una prosa drammatica, si “alza la musica” di sottofondo, si enfatizza il linguaggio. Tutto deve suonare filo-drammatico, ammantato di romanticismo. Spesso questa “eroizzazione” diventa quasi autoerotica, cioè masturbazione narrativa autoreferenziale. E per forza di cose si cade in una sorta di manierismo del viaggiatore, cioè tutti i racconti o i testi filmati diventano simili, simili ai Diari di bordo di Moitessier o agli appunti della Moleskine (mitico taccuino) di Chatwin. Questa tendenza si vede dappertutto: nelle riviste “normali”, nei libri di viaggio, nei filmati, nella descrizione di un trekking, in un diario di bordo di una traversata, in un documentario, nei siti dedicati ai viaggi, nei reportage giornalistici. E, come succede nel ciclismo, spesso sui blog o sui profili facebook i “dilettanti” imitano i “professionisti” e dopano i loro racconti con un'enfasi che dovrebbe rendere unica la loro esperienza. E qui sta il punto. Certamente, ogni viaggio, ogni esperienza è unica, nel suo genere. E' unica, nel senso che è relativa e personale. Ma deve poter essere riproducibile, quindi non può essere unica&irripetibile, unica&inimitabile.

La "filosofia" dei Turisti per Caso è appunto il contrario di tutto questo: noi da sempre abbiamo raccontato i nostri viaggi con spietato realismo, a costo di auto-ridicolizzarci, auto-relativizzarci e auto-criticarci. Quindi unici ma assolutamente “riproducibili”, da chiunque. Quando abbiamo girato il Mondo lo abbiamo raccontato sottolineando la nostra “normalità” e quindi istigando tutti gli altri a fare altrettanto: se ce l'abbiamo fatta noi potete farcela anche voi. Quando abbiamo raccontato l'Italia in slow tour era (è) per dire a tutti: "Dai, girate l'Italia anche voi, è il posto più bello che ci sia!" E questo atteggiamento poi, a caduta, ha influenzato anche le decine di migliaia di racconti di viaggio che sono raccolti nel sito turistipercaso.it (ma anche velistipercaso.it) e poi sulla rivista Turistipercaso Magazine, proposti da voi lettori-spettatori-navigatori ma soprattutto, appunto, viaggiatori-attivi. Non si tratta di auto-celebrare o auto-spettacolarizzare le proprie imprese, bensì di socializzare le proprie esperienze. Noi ci scambiamo dei piccoli pezzi di vissuto, in modo da fornire agli altri alcuni elementi per costruirsi altre loro esperienze. Possibilmente con molta modestia, senso del relativo e - appunto - ironia (che non guasta mai, ci tiene coi piedi per terra). Se sfogliate la rivista o navigate questo sito, trovate tracce di questo tono negli itinerari di viaggio ma anche e soprattutto nella rubrica delle Guide per Caso, turisti più esperti che dialogano in modo orizzontale, paritetico e concreto.

In tempi come questi, in cui la retorica e la demagogia sembrano dilagare, questo suona quasi come una sorta di Programma “Politico”...

Syusy e Patrizio

Parole chiave
  • 2935 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Titti58
    , 19/4/2015 21:26
    non mi è riuscito di mandare il messaggio precedente, comunque condivido tutti i vostri pensieri, infatti, secondo me, un viaggio non può essere riproducibile se non x frammenti, xché ognuno è diverso e tende quindi a dare importanza e priorità a cose diverse, e questo è il motivo x cui di solito ci si basa su + fonti x "costruire" il proprio viaggio
  2. gianni gravante
    , 18/4/2015 12:48
    Concordo pienamente con Gio66 e chimera, la passione non si dosa, anche se effettivamente qualche epica descrizione sembra talvolta forzata.
  3. Gio66
    , 18/4/2015 11:02
    La penso come Chimera
  4. Gio66
    , 18/4/2015 11:01
    Interessante punto di vista. Permettete però una critica. A volte la estrema normalizzazione e banalizzazione di un viaggio è anche una forma retorica molto raffinata, una captatio benevolentiae. Che spesso si legga di viaggi noiosi e banali descritti come l'Odissea è vero. Ma è altrettanto vero che se il viaggio è "AUTENTICO" ed è vissuto con passione è altrettanto normale descriverlo con la medesima passione. Poi, c'è chi ha talento letterario e chi meno. Non c'entra tanto la filosofia del viaggio quanto la capacità o meno di trasmettere emozioni. Non si offendano Patrizio e la Susy che stimo e seguo , ma sicuramente anche a loro sarà capitato di essere noiosi o troppo didascalici e che la loro "formula" non abbia funzionato, almeno non in quel viaggio. Dipende anche da chi legge. Io per esempio amo i racconti appassionati; le "note della spesa" dei posti visitati e della gente incontrata non mi muovono. Rivivere le emozioni di un viaggio mi fanno venire la voglia di andare a vedere e rivivere, anche se in maniera diversa, le stesse emozioni.
  5. chimera
    , 17/4/2015 20:29
    Salve, non sono totalmente d'accordo con il vostro "Come si raccontano i viaggi?" e dico brevemente il perché.

    Innanzitutto, e voi siete maestri i questo, il viaggio è sempre un'avventura e una scoperta e quindi porta con sé oh!!! di meraviglia che si vuole, anzi, a mio sommesso avviso, di DEVE trasmettere. Se si è viaggiatori e NON turisti ci si deve meravigliare.

    Poi c'è il discorso emozionale. Noi siamo fatti di razionalità e di emotività e quest'ultima è ciò che fa la differenza, è il VESTITO di una narrazione anche se l'obiettivo è condividere l'informazione sul viaggio. Che cosa sarebbe uno scarno diario se la meraviglia vissuta non fosse trasmessa? Certo, come in ogni cosa, bisogna trovare il giusto equilibrio.
  6. alberico73
    , 15/4/2015 12:05
    Buon articolo. Tale atteggiamento presume però un certo tipo di maturità ed abitudine a raccontare e scrivere, considerando che la tendenza ad enfatizzare il proprio passato e ciò che si è vissuto è insita nella psiche umana.
    Un buon motivo di riflessione e crescita
  7. davovad
    , 14/4/2015 00:35
    Per favore risparmiateci i titoli Meta XXX "on the road"...

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social