Partenza il 25/6/2020 · Ritorno il 28/6/2020
Viaggiatori: 2+1 · Spesa: Fino a 500 euro

Lago di Braies e dintorni

di CarloIlaria - pubblicato il

Siamo Carlo, Ilaria e nostro figlio di 2 anni Riccardo e quest'anno abbiamo deciso di rilassarci 3 giorni in montagna e come destinazione abbiamo scelto la Val Pusteria. Era da tempo che volevamo visitare questi posti ed in particolare il lago di Braies. Siamo partiti da Parma, via Brennero a metà mattina, e a metà pomeriggio siamo arrivati a destinazione. Abbiamo alloggiato in un maso (Speckstube Eggerhof) a 1400 metri a 2 km dal lago di Braies.La scelta è stata azzeccatissima! Dall'atmosfera famigliare che si respira, ai paesaggi che lo circondano, all'ottima cucina di Anna.

1°giorno: Lago di Braies, San Candido, Rifugio Baranci

Dopo aver fatto colazione ci siamo diretti al Lago di Braies; al maso ci hanno dato il pass per il parcheggio n.2. Zaino in spalla, figlio nello zaino e ci siamo incamminati lungo il sentiero di quasi 3 km che fa il giro del lago. Spettacolare! Per chi vuole da qui partono molti altri sentieri più o meno impegnativi per rifugi e monti nelle vicinanze. Terminato il giro abbiamo pranzato e siamo andati a San Candido. Dopo una breve passeggiata nel centro abbiamo preso la seggiovia che porta da San Candido al rifugio Baranci a circa 1600 m. Molte sono le attrazioni per bambini in vetta, dal sentiero del gigante Baranci, al regno degli gnomi. Per scendere si può optare per la seggiovia o per il funbob, un bob su rotaia che segue la pista da sci; noi ovviamente abbiamo scelto il funbob. Rientrati al maso, abbiamo cenato e dopo un breve giro della fattoria siamo andati a dormire.

2° giorno: Ciclabile San Candido - Lienz

Il giorno prima a San Candido ci eravamo informati su prezzi e tempi per la ciclabile che da San Candido arriva a Lienz. Abbiamo noleggiato 2 citybike di cui una con il seggiolino (abbiamo deciso di non prendere il carrellino trainato che probabilmente poteva essere utile) e siamo partiti. Il percorso è adatto a tutti. Infatti è vero che è lungo 42 km, ma si pedala sempre sulla pista ciclabile senza mai incrociare macchine e soprattutto il 90% del percorso è in discesa. Lungo il tragitto ci sono varie attrattive e tappe che si possono fare. Parchi giochi, piscine e la mitica Loaker dove non si può fare a meno di rifornirsi di biscottini. Arrivati a Lienz e dopo un breve giro del paese abbiamo consegnato le bici e siamo saliti sul treno per il ritorno a San Candido. Tornati al maso, abbiamo cenato e siamo tornati ad ammirare la pace del lago di sera.

3° giorno: Tre Cime di Lavaredo

Abbiamo raggiunto il rifugio Auronzo a 2400m. Da Misurina inizia una strada che ad un certo punto diventa a pedaggio (non proprio a buon mercato) fino al rifugio. La vista e il panorama da lassù è spettacolare. Il rifugio si trova proprio sotto le Tre Cime di Lavaredo (lato sud-ovest) e da qui parte la camminata che tra le altre fa il giro delle Tre Cime. Terminato il giro siamo partiti, questa volta via Cortina, per il rientro a casa.

di CarloIlaria - pubblicato il

Commenti

  1. DemmeH
    , 31/8/2020 14:41

    Mi chiamo Jonathan Demme, vengo dalla Francia ti informerò di più una volta che ti avrò sentito il prima possibile mi piacerebbe discutere con te, ma non qui a turistipercaso scrivimi a (jonathandemmi@gmail.com)

    Cordiali saluti

    Jonathan Demme