Lago di Braies e dintorni

Weekend in famiglia con un 2enne in luoghi incantati

Diario letto 8579 volte

  • di CarloIlaria
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2+1
    Spesa: Fino a 500 euro

Siamo Carlo, Ilaria e nostro figlio di 2 anni Riccardo e quest'anno abbiamo deciso di rilassarci 3 giorni in montagna e come destinazione abbiamo scelto la Val Pusteria. Era da tempo che volevamo visitare questi posti ed in particolare il lago di Braies. Siamo partiti da Parma, via Brennero a metà mattina, e a metà pomeriggio siamo arrivati a destinazione. Abbiamo alloggiato in un maso (Speckstube Eggerhof) a 1400 metri a 2 km dal lago di Braies.La scelta è stata azzeccatissima! Dall'atmosfera famigliare che si respira, ai paesaggi che lo circondano, all'ottima cucina di Anna.

1°giorno: Lago di Braies, San Candido, Rifugio Baranci

Dopo aver fatto colazione ci siamo diretti al Lago di Braies; al maso ci hanno dato il pass per il parcheggio n.2. Zaino in spalla, figlio nello zaino e ci siamo incamminati lungo il sentiero di quasi 3 km che fa il giro del lago. Spettacolare! Per chi vuole da qui partono molti altri sentieri più o meno impegnativi per rifugi e monti nelle vicinanze. Terminato il giro abbiamo pranzato e siamo andati a San Candido. Dopo una breve passeggiata nel centro abbiamo preso la seggiovia che porta da San Candido al rifugio Baranci a circa 1600 m. Molte sono le attrazioni per bambini in vetta, dal sentiero del gigante Baranci, al regno degli gnomi. Per scendere si può optare per la seggiovia o per il funbob, un bob su rotaia che segue la pista da sci; noi ovviamente abbiamo scelto il funbob. Rientrati al maso, abbiamo cenato e dopo un breve giro della fattoria siamo andati a dormire.

2° giorno: Ciclabile San Candido - Lienz

Il giorno prima a San Candido ci eravamo informati su prezzi e tempi per la ciclabile che da San Candido arriva a Lienz. Abbiamo noleggiato 2 citybike di cui una con il seggiolino (abbiamo deciso di non prendere il carrellino trainato che probabilmente poteva essere utile) e siamo partiti. Il percorso è adatto a tutti. Infatti è vero che è lungo 42 km, ma si pedala sempre sulla pista ciclabile senza mai incrociare macchine e soprattutto il 90% del percorso è in discesa. Lungo il tragitto ci sono varie attrattive e tappe che si possono fare. Parchi giochi, piscine e la mitica Loaker dove non si può fare a meno di rifornirsi di biscottini. Arrivati a Lienz e dopo un breve giro del paese abbiamo consegnato le bici e siamo saliti sul treno per il ritorno a San Candido. Tornati al maso, abbiamo cenato e siamo tornati ad ammirare la pace del lago di sera.

3° giorno: Tre Cime di Lavaredo

Abbiamo raggiunto il rifugio Auronzo a 2400m. Da Misurina inizia una strada che ad un certo punto diventa a pedaggio (non proprio a buon mercato) fino al rifugio. La vista e il panorama da lassù è spettacolare. Il rifugio si trova proprio sotto le Tre Cime di Lavaredo (lato sud-ovest) e da qui parte la camminata che tra le altre fa il giro delle Tre Cime. Terminato il giro siamo partiti, questa volta via Cortina, per il rientro a casa.

  • 8579 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social