Partenza il 5/8/2019 · Ritorno il 12/8/2019
Viaggiatori: 3 · Spesa: Da 1000 a 2000 euro

La montagna a misura di bambini

di silvia.B - pubblicato il

Dove andiamo quest’anno con una bimba di 1 anno? La risposta è stata: Perchè non proviamo la montagna? E così è nata la nostra vacanza, cominciando prima dalla scelta del luogo, dell’hotel e poi di tutto il resto. In montagna ci siamo sempre andati d’inverno escludendo così la possibilità di conoscere un altro suo bellissimo aspetto d’estate. A fine marzo abbiamo iniziato la ricerca di un hotel. Ci siamo resi conto che quest’anno la montagna era stata presa d’assalto, i più erano già tutti pieni per agosto. Per fortuna riusciamo a trovare un magnifico hotel nel centro di Bressanone. L’hotel Gruner Baum. Bellissimo, con tante piscine, idromassaggio e area wellness e anche una piccola piscina per i più piccoli, dove la nostra bimba si è divertita da matti. Abbiamo scelto la formula mezza pensione e ci siamo trovati benissimo. Da lì poi abbiamo visitato altri paesi vicini e fatto delle belle camminate.

Bressanone

Abbiamo utilizzato più giorni per visitare Bressanone, complice il fatto di avere l’hotel in pieno centro. Il centro è molto grazioso, una vera chicca. E’ piacevole passeggiare anche senza meta tra i ciottoli delle sue stradine. Bello il duomo che visitiamo e la torre bianca emblema di Bressanone.

A pochi minuti di macchina c’è l’Abbazia di Novacella che visitiamo in una giornata un po’ uggiosa. Grazie alla Brixen card dataci dall’albergo, usufruiamo della visita guidata completamente gratuita (la nostra piccola non paga). La visita dura 50 minuti, la nostra bimba si addormenta beata nel marsupio e noi ci godiamo il tour. Si tratta di una delle più prestigiose abbazie del nord Italia. Bello il pozzo, posto al centro del cortile principale dell’abbazia detto anche pozzo delle meraviglie. Il complesso è costituito da diversi edifici: Visitiamo l’interno della basilica di Santa Maria Assunta, la bellissima biblioteca al cui interno sono conservati 65000 volumi. Intorno all’abbazia si estendono inoltre pregiati vigneti, infatti tra le sue attività vi è anche la produzione e la vendita di vini. In un determinato giorno della settimana vi è la possibilità di visitare, sempre tramite visita guidata, anche le cantine con vari assaggi di vini. Bressanone non è tutta qui. Grazie sempre alla Brixen card, abbiamo la possibilità di usufruire della funivia (1 andata e 1 ritorno al giorno in maniera gratuita).

Una giornata intera decidiamo di dedicarla alla Plose.

Una volta lasciata la macchina in uno dei parcheggi gratuiti saliamo con la funivia a 2050 metri. Da lì vi sono diversi percorsi per passeggiate ed escursioni. Noi scegliamo di fare la “woody walk” un percorso adatto a bambini e genitori muniti di passeggino come noi. La passeggiata è molto divertente per i bimbi perché ad ogni punto vi è un gioco o un’attrattiva per loro. La nostra bimba è ancora molto piccola per godere di queste attività, ma torneremo quando sarà più grandina. Tutto il percorso dura 1 ora e mezzo/due, anche se noi ci mettiamo molto di più non essendo ancora pratici. Arrivati in cima, ma anche durante la camminata, la vista è molto bella. Ci fermiamo a pranzo al rifugio Rossalm dove gustiamo delle ottime costolette di maiale con patatine. Per la bimba ordiniamo delle penne al pomodoro. Fuori dal rifugio vi è poi un parco per far divertire i bimbi con altalene, scivoli, giochi con acqua, strutture in legno a forma di animali dove i bambini possono salire e addirittura anche uno spazio con sabbia dotato di paletta e secchiello. La piccola si diverte un sacco, inoltre vi sono diversi sdraio dove poter rilassarsi al sole. Un paradiso, per non parlare delle temperature molto gradevoli. Un giorno decidiamo di andare a vedere una fattoria. Ne troviamo una a 5 minuti dal nostro hotel. Vogliamo soprattutto far vedere gli animali alla nostra piccola. Un signore, proprietario della fattoria, molto gentile ci accompagna. Vediamo la stalla con le mucche, ci dice che sono all’incirca 35 e nelle settimane precedenti sono nati anche dei vitellini, carinissimi!. Rimaniamo a bocca aperta, non solo la nostra bimba. Vediamo i coniglietti e nel campo lì vicino, il simpatico signore ci mostra un’ alveare. Ci viene spiegato che estraggono il miele una volta l’anno. Il signore ci spiega inoltre un sacco di cose e ci dice che il lavoro da fare è tantissimo e non c’è mai riposo. Lavorano 365 giorni l’anno.

Vicino al centro storico di Bressanone, vi è il parco del Lido. Un parco con un bel laghetto, giochi per bambini e tanti animali: caprette, pappagalli, pavoni, anatre e vari tipi di pesci. Un bel posto soprattutto per i bimbi. In prossimità del parco vi è anche un ristorante di nuova struttura ideale per un buon pranzo.

Ortisei, Chiusa

Una giornata la dedichiamo alla visita di Ortisei. Bello il paese con la chiesa di Sant’Antonio. Il centro è un po’ più piccolo di Bressanone e si visita velocemente. Decidiamo così di salire con la funivia sulle alpe di Siusi a 2005 metri. Dopo un pranzo al rifugio a base di canederli per tutti, (anche la nostra bimba ha apprezzato molto) ci facciamo una camminata in uno dei sentieri dove troviamo mucche che pascolano tranquille e una bellissima visuale. Prima di tornare a Bressanone, ci fermiamo a metà strada a visitare Chiusa, conosciuta come uno dei borghi più belli d’Italia. Il borgo è piccolo ma è molto caratteristico con i suoi stretti vicoli, le facciate merlate dei palazzi e gli stemmi delle locande. Merita sicuramente una visita. Dal centro è possibile poi salire al monastero di Sabiona, ma noi rinunciamo dovendo salire con il passeggino. Ci godiamo invece il centro storico con le graziose case, la chiesetta, i negozi e i tipici ristoranti.

Vipiteno

Non lontano da Bressanone vi è la città di Vipiteno. Un vero e proprio gioiellino. Anche questo borgo medievale è stato dichiarato uno dei borghi più belli d’Italia. La torre delle dodici è il simbolo di Vipiteno che divide il corso principale dalla città vecchia alla città nuova. Il corso è pieno di negozietti e ristoranti. Qui si trovano ancora le insegne in ferro battuto che una volta fornivano informazioni precise ai viaggiatori: Dalla tipologia del luogo, ovvero se si trattava di una taverna o un hotel, agli orari di apertura o chiusura di un determinato posto. Non lontano dal centro storico vi è la latteria Vipiteno. La raggiungiamo con la macchina. Purtroppo però la troviamo chiusa. Ci accontentiamo di fermarci al negozio vicino e acquistiamo gli yogurt per merenda. La nostra piccola apprezza molto il suo yogurt e dopo la sosta merenda, riprendiamo la macchina direzione Castel Tasso.

Il castello è visitabile solo tramite visita guidata. 8 euro a testa (la bimba non paga). Mettiamo la piccola nel marsupio che si addormenta subito e andiamo a visitarlo. E’ una visita molto interessante e l’interno del castello è molto bello con pezzi di 600 anni perfettamente conservati. La nostra guida, molto preparata ci ha rapito e ha catturato la nostra attenzione raccontandoci aneddoti vari relativi al castello. Sembra di fare un salto nella storia e tornare nel medio evo. La visita dura un’ora ma il tempo passa velocissimo. Bellissimo davvero.

Conclusioni finali

Una settimana è passata velocemente. Abbiamo fatto delle belle camminate, visitato bellissimi borghi, mangiato in maniera eccellente. In più non è mancato il relax. Spesso ci siamo rilassati nelle piscine dell’hotel. La nostra bimba era entusiasta della sua piccola piscina. E’ stata una bella settimana per tutti. Le cose da fare in montagna sono varie e non ci si annoia mai. Sono davvero attrezzati e hanno un’attenzione particolare per i più piccoli. Abbiamo così scoperto il fascino della montagna anche d’estate. Meglio tardi che mai.

di silvia.B - pubblicato il