Toulouse: scoperta interessante

Tolosa non è di certo una delle mete più famose al mondo. Ma ha molto da offrire ed è sicuramente una destinazione ideale per un weekend low cost.

Diario letto 1776 volte

  • di auroramaviaggiare
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Non è mai semplice scegliere la prossima meta per passare qualche giorno fuori casa. Confrontare i prezzi di voli e hotel, far coincidere i vari orari e soprattutto accontentare i gusti di tutti non è mai semplice. Ma scegliendo Tolosa, una splendida città nella regione dei Midi Pirenei che non tutti conoscono, siamo riusciti a soddisfare ogni nostro requisito.

Non c’è molto materiale disponibile su internet su questa città, dunque cercherò di darvi consigli e suggerimenti affinché possiate anche voi apprezzare ciò che Tolosa offre.

26/12

Siamo partiti da Milano Malpensa con easyjet, che offriva buoni prezzi nonostante il periodo di festa. Pur essendo santo Stefano, tutto è aperto e sembra quasi una giornata qualunque in quel di Tolosa. L’hotel è il Mercure Centre Saint Georges, consigliato per la posizione (due minuti a piedi dal Capitole, ovvero il simbolo e il fulcro della città) e per l’ottimo rapporto qualità prezzo. Dopo aver posato le nostre cose in camera, decidiamo di addentrarci subito nel centro della città. Il Capitole, in italiano il campidoglio, è la sede del comune. E’ uno splendido palazzo, visitabile gratuitamente, al cui interno vi sono delle sale affrescate spettacolari. Altro simbolo della città è la basilica di Saint Sernin, patrimonio UNESCO. Uno dei migliori esempi dell’architettura romanica francese, merita una visita anche al suo interno. Non si può andare a Tolosa senza passeggiare sulle rive della Garonna durante il tramonto. Giovani, famiglie, anziani si radunano nei dintorni del Pont Neuf per ammirare il calare del sole, che crea un’atmosfera suggestiva e rilassante. Per chi non lo sapesse, Tolosa viene detta anche “la ville rose” per il colore dei mattoni con cui sono stati costruiti quasi tutti gli edifici del centro storico. Fin da subito si nota questa particolarità, che sicuramente contraddistingue e rende originale questa città. Per cena optiamo per uno dei piatti più cucinati a Tolosa: carne di anatra. Non c’è molta varietà in fatto di cibo: per lo più carne, di anatra o manzo, foie gras, salsiccia. Consigliato Bistro Régent, che propone dei buoni menu a prezzo fisso.

27/12

Mattina dedicata alla visita del convento dei Giacobini. Un gioiellino dell’arte gotica che ospita la tomba di san Tommaso d’Aquino. Davvero spettacolare l’interno: le sue vetrate colorate creano effetti di luci e ombre mozzafiato. Il quartiere attorno è molto interessante e tenuto benissimo. Lì vicino troviamo la Fondazione Bemberg, ovvero una ricca collezione d’arte all’interno dell’Hotel d’Assezat, uno splendido edificio del XVI secolo. C’è l’app gratis del museo per tutti i dispositivi fatta molto bene, che fa d’audioguida. Per pranzo decidiamo di stare leggeri con una squisita crepe salata, mangiata in una delle tantissime creperie della città. Nel pomeriggio scopriamo il quartiere Carmes, molto raffinato e elegante. Altro monumento degni di nota sono la Cattedrale Saint-étienne, in stile gotico ma rimasta incompiuta, e ciò rende la sua facciata particolare e inusuale.

28/12

Questa mattina abbiamo in programma di visitare il Musée des Augustins, un ex convento che conserva un’interessantissima collezione di sculture e dipinti. Davvero piacevole questa visita. In sunto, Tolosa si può visitare tranquillamente in due/tre giorni (dispone anche di un’efficiente rete di metropolitane), quindi è l’ideale per un weekend in qualunque stagione, difatti il clima è mite e le temperature non sono mai rigide, neanche d’inverno. Una città piacevole, nonostante il periodo turbolento che sta vivendo ultimamente la Francia. Il clima di tensione però non era percepibile, nonostante le numerose pattuglie dappertutto. Questo è un invito per voi a non temere di partire, di scoprire. Ultimamente molti vengono frenati dall’andare per il timore, per la paura. Ma la curiosità e la voglia di viaggiare devono sovrastare, sconfiggere questa angoscia. Chiaramente con prudenza, viaggiate e visitate queste splendide città che la Francia offre.

  • 1776 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social