Toledo (quasi) per caso

Sulle tracce di don Chisciotte

Diario letto 1941 volte

  • di martyka
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Mentre eravamo in vacanza a Madrid ne abbiamo approfittato per visitare anche la bellissima città di Toledo. Dalla stazione di Atocha Renfe abbiamo preso un treno ad alta velocità che ci ha portato a Toledo in circa 30 minuti. Se si acquistano insieme i biglietti di andata e ritorno si ha un piccolo risparmio (€10,50 a tratta anziché €12,70) e soprattutto si ha la certezza di trovare posto in carrozza, dato che i posti sono assegnati e quindi limitati.

Appena fuori dalla stazione si trova la fermata dell’autobus che porta direttamente al centro storico. Noi, però, abbiamo preferito fare il cammino a piedi perché, anche se in salita, è molto panoramico e sicuramente vale la pena vederlo. Infatti la strada costeggia il Río Tajo che offre degli scorci panoramici unici. Abbiamo attraversato il fiume dal Puente de Alcántara e poi attraverso la Puerta de Doce Caños e siamo arrivati al Paseo del Carmen, dove abbiamo fatto una piccola sosta. Da lì, infatti, si vede una vista panoramica molto bella, con i resti di un acquedotto romano, il Castello di San Servando e la Academia de Infantería.

Il cammino prosegue ancora in salita verso il Convento de la Conceptión e poi il Museo de Santa Cruz dove è possibile ammirare le opere del pittore El Greco. Attraverso la Puerta de la Sangre si arriva nella piazza principale della città e poi all’Alcázar (non visitabile) che si trova nel punto più alto di tutta la città. Percorrendo delle strette viuzze pedonali si arriva in breve alla Cattedrale di Toledo, bellissimo eddificio in stile gotico che ha un patrimonio artistico inestimabile. Il biglietto di ingresso compreso di audio-guida costa €8,00.

Abbiamo pranzato in un piccolo ristorante all’aperto in una piazza molto vicina alla Cattedrale (Corral de Don Diego) e subito dopo abbiamo ripreso la visita della città, passeggiando in modo anche un po’ casuale. Siamo così arrivati alla Chiesa di San Giovanni Battista, al Convento di San Clemente, alla Chiesa di San Tomé e poi al palazzo del Comune.

Una delle cose che ci ha colpito di più di Toledo è stata l’atmosfera che si respira in città: in alcuni momenti sembrava di essere tornati indietro nel tempo e di stare a passeggio nel 1200 o di veder spuntare da dietro un angolo don Chisciotte a cavallo del suo Ronzinante. Oltre agli edifici pubblici anche le abitazioni private del centro storico hanno una struttura molto particolare e i muri esterni presentano delle decorazioni tipiche dell’arte moresca.

A quel punto era quasi ora di partire e ci siamo incamminati verso la stazione dei treni, felici di aver scelto di fare tutta la strada a piedi perché questo ci ha permesso di vedere tante cose che, se avessimo preso l’autobus, ci saremmo persi. E al rientro, sul treno, eravamo stanchi e felicissimi di aver dedicato una giornata alla bellissima Toledo.

  • 1941 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social