Cosa mangiare in Thailandia: i prodotti locali, i piatti tipici e le ricette da provare (e quelle da evitare)

Una guida di sapori (e saperi) del paese del Sud-est asiatico

La Thailandia è quel posto meraviglioso dove nel bel mezzo di enormi grattacieli sbucano bellissimi templi antichi. Quel posto, dove a poche ore di distanza c’è un mare cristallino. Un paese dove la cultura, il modo di vivere e il modo di mangiare sono completamente diversi. Qui si possono mangiare cose che noi nemmeno ci potremmo immaginare. 

Vi farò scoprire i prodotti e i piatti tipici e cosa assolutamente non dovete perdervi. Sono Yuliya e sono Travel Advisor Wanderoo. Se anche voi amate viaggiare come me, ma non vi piace organizzare, potete chiedermi un itinerario personalizzato su www.wanderoo.it e penserò a tutto io. 

Della Thailandia sicuramente non dimenticherò facilmente la cucina. Odori penetranti, cibo molto colorato, speziato, piccante, ma anche molto leggero. Gli ingredienti base intorno ai quali ruotano le loro ricette sono il pollo, il riso, i gamberi, il manzo, la frutta e verdura tropicale, noodles e tante spezie. Non c’è il rischio di morire di fame perché i ristoranti sono sempre aperti e sulle strade ci sono sempre tantissime bancarelle di street food. 

Piatti tipici da provare assolutamente

Pad Thai

È Il piatto tipico più famoso e si trova ovunque. Si può provare in tantissime varianti, ma principalmente viene realizzato con noodles di riso saltati, pollo o gamberi, tofu, verdure, uovo germogli di soia e salsa. I colori dei cibi si mischiano tra di loro e rendono questo piatto gustoso e difficile da scordare 

Khao pad

Come molti piatti thailandesi, è anch’esso a base di riso, in questo caso fritto, con gamberi o pollo, verdura, uova, poche spezie e salsa. Io ho avuto l’occasione di assaporarlo, nella versione con i gamberi, servito su un’enorme foglia di banano, sulla spiaggia di Patong, a Phuket. Molto buono, dal sapore semplice, ma allo stesso tempo particolare.

Tom Yum Goong

Zuppa piccante a base di gamberi e funghi. Ha un sapore acidulo, nella preparazione viene usato il lime, lemon grass e molto peperoncino. Se siete amanti dei sapori forti, dovete provarla.

Nonostante io preferisca sapori più delicati, l’ho apprezzata molto per la sua particolarità.

Som Tam

È una gustosissima insalata di papaya. Se non volete andare a fuoco mentre la mangiate, vi consiglio di chiederla poco piccante. Gli ingredienti principali di questo piatto sono la papaya verde, il lime, lo zucchero di palma, il peperoncino, le arachidi e la salsa a base di pesce. I sapori sono molto contrastanti variano dal piccante del peperoncino al dolce dello zucchero, dall’acido del lime al croccante delle arachidi.

Phad kaphrao

Piatto molto popolare tra i thailandesi, noto non solo per la sua semplicità, ma anche per essere davvero gustoso. È a base di straccetti di maiale o pollo, accompagnati da riso in bianco e uovo fritto. Nella sua semplicità riesce a soddisfare qualsiasi palato.

Frutta tropicale

La Thailandia, oltre ad offrire piatti molto saporiti, ha un’enorme scelta di frutta. Uno dei frutti più famosi è il Durian, chiamato anche re della frutta. La sua caratteristica principale è l’odore forte che emana. La polpa del frutto, ha una consistenza che ricorda quella del formaggio. Se non avete il coraggio di assaggiarlo crudo, potete provare il gelato. Evitate, invece, le gelatine, hanno un sapore troppo forte. Frutti che non possono non essere assaggiati, sono sicuramente la papaya, il mango e il dragon fruit. Anche se non sono tra i miei preferiti, credetemi, qui è tutta un’altra storia.

Insetti

Come ben saprete, in Thailandia vengono consumati gli insetti di ogni tipo. Io, non ho avuto il coraggio di assaggiarli, ma sono molto apprezzati dai turisti. Si trovano nei mercati notturni e sulle bancarelle di street food. Fatevi avanti! 

Oltre ai piatti tipici elencati, ci sono alcune bevande che vale la pena assaggiare. 

Sode dolci

Soda, alla quale viene aggiunto lo sciroppo del gusto desiderato. Questo le conferisce anche il colore. Servita rigorosamente con ghiaccio, rinfresca nelle giornate più calde.

Cha Yen

The freddo, al quale viene aggiunto il latte condensato e lo zucchero. Particolarissimo, dal sapore delicato e dolce. C’è anche nella versione senza latte, dove al posto di questo viene aggiunto succo di lime.

I cibi che fanno parte della dieta Thailandese hanno sapori troppo forti a cui il nostro stomaco occidentale non è abituato. Vi consiglio di assaggiare un po’ di tutto ma senza esagerare, per non rischiare di avere spiacevoli episodi rovinandovi la vacanza 

Yuliya Wanderoo travel advisor

Shortbreaktravel.altervista.org

Parole chiave
  • 65 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico