Thailandia in occasione del Loi Krathong

Passeggi in un tempio dorato, giri l’angolo e sei in un mercato pittoresco. Hai fame? Impossibile, a Bangkok è vietato, perché appena hai un languorino puoi scegliere tra mille banchetti, ristorantini, ambulanti e chi più ne ha più ne metta

Diario letto 5373 volte

  • di mirkotravel
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Volo: L'Asia è il continente più facile ed economico da raggiungere e la Thailandia è forse il paese più semplice dove arrivare. Su questo "terreno" si danno battaglia le grandi compagnie mediorientali come Emirates ed Ethiad, le nuove emergenti cinesi e le storiche asiatiche come Thai, Cathai e Singapore. Bangkok è uno scalo nevralgico per tutto il continente. Valutate bene la differenza di costo, la comodità degli orari e la lunghezza del volo prima di fare la vostra scelta. Il volo più economico non è sempre il migliore...

Trasporti: In questa avventura ho viaggiato con 5 compagni e molti degli spostamenti facevano parte del tour organizzato in cui abbiamo utilizzato un pulmino. Nei miei viaggi però non manca mai qualche giorno libero dove c'è la possibilità di spostarsi come gli abitanti del luogo e vivere esperienze più emozionanti. Non credo possa esistere un viaggio in Thailandia senza uno spostamento nel cassone di un pick up, senza una corsa in tuk tuk per le strade di Bangkok o senza la navigazione in barca lungo qualche fiume nella natura o canale nelle città. Vi sarà facile organizzare qualunque viaggio utilizzando i trasporti locali: autobus notturni, treni, sgangherate corriere, minibus, autostop, tuk tuk, chi più ne ha più ne metta!!!! Viva l'Asia!!!

La rete stradale è molto buona, mentre quella ferroviaria sta crescendo. In alcuni casi può essere utile un voletto interno o un treno notturno. Gli spostamenti da e per gli aeroporti o all'interno delle cittadine principali possono invece essere facilmente eseguiti con I taxi locali contrattando il prezzo di volta in volta.

Accomodations: Come ho scritto prima, questo è un viaggio organizzato, quando ci si muove in piccoli gruppi non si può lasciare l'organizzazione di alcune cose all'ultimo momento. Gli alberghi sono stati tutti prenotati dall'Italia molto tempo in anticipo. Se avete un programma abbastanza definito e non vi muovete da soli o in coppia come avventurieri, vi consiglio di fare lo stesso. In ogni caso, in Thailandia è estremamente facile trovare ogni tipo di sistemazioni, per ogni gusto e budget.

Pasti: Il "famigerato" cibo Thailandese, che dire di più?? Mischiando i diversi elementi delle tradizioni del sud-est asiatico, la cucina thailandese dà enfasi a piatti leggeri con forti componenti aromatiche. Il cibo thailandese è conosciuto per il suo bilanciamento dei quattro sapori fondamentali per ogni piatto o per il pasto in generale: aspro, dolce, salato e amaro. Il paese, come un po' tutto il sud-est asiatico, è famoso per lo street food: troverete bancarelle ad ogni angolo. Provate ad allontanarvi dagli hotel e dai luoghi turistici, seguendo la gente del posto, girando per i mercati e lasciandovi guidare dallo spirito viaggiatore affamato di nuovi sapori... Mangiare in Thailandia può essere decisamente economico, si tratti di bei ristoranti o di sedioline di plastica lungo la strada

I viaggiatori: È il mio secondo viaggio in Thailandia, torno volentieri in questo paese fantastico. Ho pensato a questo viaggio per realizzare uno dei miei tanti sogni "da viaggiatore": assistere al famoso festival delle lanterne. Porto con me 5 compagni di viaggio. C’è Cristina, lei l’avete già conosciuta, le piace leggere e scrivere e presto aprirà un suo blog dove leggerà e consiglierà qualche libro per ogni suo viaggio. C’è Franco, con lui ho già viaggiato in Norvegia e Giappone. È stato un prof. di latino della Normale di Pisa e tutt’ora scrive commenti a satire latine. C’è Claudio che è già partito qualche giorno prima. Ha fatto e fa mille lavori, ma le sue passioni sono il canto, la fotografia e la meditazione. C’è Ivana. Lei è una macchietta napoletana, la più simpatica e divertente (forse pure troppo) macchietta napoletana che si possa incontrare. Lei è già stata in Thailandia, guidava il camper a supporto di una nostra amica che ha fatto il Guinness dei primati per il giro del mondo in bicicletta più veloce mai percorso da una donna. C’è Cristina, no non lei, un’altra Cristina, una studentessa universitaria amica di Ivana al suo primo "viaggio lontano" con gli occhi che brillano della curiosità di scoprire il mondo

  • 5373 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social