A spasso per la Thailandia. Estate 2017

In Thailandia con il nostro bimbo di 5 anni... Un viaggio fai da te fra mare e cultura

Diario letto 17897 volte

  • di Sissy9
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Prossima tappa il Wat Pho e il Buddha sdraiato che ci appare in tutta la sua magnificenza luccicante, particolare attenzione alle decorazioni sulla pianta dei piedi raffiguranti 108 scene augurali, numero importantissimo per il buddismo… così come sono 108 le ciotole di bronzo dove far cadere delle monetine di buon augurio. Il complesso è magnifico e vale la pena visitarlo in tutta calma… ci sono parecchi giardini e cortili superdecorati oltre ad una famosissima scuola di massaggi la Watpo Thai Traditional School di tradizione antichissima che troverete girovagando fra i padiglioni della labirintica struttura, per chi vuole sperimentare è un’occasione da non perdere, un’ultima curiosità: nel biglietto d’ingresso c’è un talloncino che vi dà diritto a una bottiglietta d’acqua da ritirare in un chiosco sempre all’interno del complesso. Rientriamo in hotel, la nostra piscina a sfioro ci attende.

19 AGOSTO

La mattina della nostra seconda giornata a BKK ci svegliamo con un solo pensiero: andare a caccia di varani giganti nel Lumpini park. Prendiamo lo skytrain per raggiungere il polmone verde di Bangkok, non siamo riusciti in nessun modo a distogliere nostro figlio dall’incontro ravvicinato con questi piccoli dinosauri. Prima di raggiungere il laghetto dove è più facile incontrare i “simpatici animaletti” perdiamo un po’ di tempo fra le bancarelle di un food market allestito all’interno del parco, per fortuna al coperto sotto dei tendoni dato il sole infernale, un susseguirsi di banchi dove fanno bella mostra frutta tropicale di tutti i generi, piante tropicali, pesci e crostacei di tutte le dimensioni e insetti (grilli, larve e altri non ben identificati) già pronti per essere cucinati infatti oltre a tutto ciò che la cucina thai può proporre accanto ai prodotti freschi si trovano chioschi dove tutta questa mercanzia viene sapientemente cucinata e degustata… ci limitiamo a guardare... i varani ci aspettano. A bordo lago e immersi nella vegetazione spuntano i “piccoli dinosauri” e l’espressione di gioia del mio bambino vale la sudata per arrivare fin qui. Sono innocui e immobili ma forse avvicinarsi troppo non è consigliato. Il caldo si fa sentire e decidiamo di saltare la visita a Chinatown, con mio sommo dispiacere, per andare a riprenderci dentro il Siam Paragon tempio dello shopping nei dintorni di Siam Square (lo skytrain ha una delle uscite proprio di fronte ad uno degli ingressi del centro commerciale). Segue un pranzetto giapponese di tutto rispetto nella food court del piano terra dove si possono trovare ristoranti con cucine che abbracciano tutto il pianeta… vi ci perderete… prendete punti di riferimento. Concludiamo la giornata con un altro incontro ravvicinato stavolta squali e pesci di ogni genere al Siam Ocean World acquario gigantesco nel piano interrato del Siam, non potevamo perdercelo. Dopo cena visita al Patpong night market famoso per bancarelle con contraffazioni e merce di ogni genere, colorato e animato dai go-go bar con musica e ragazze che attirano i turisti con i vari spettacoli nei diversi locali che affollano le strade… vale la pena farvi una passeggiata se siete in zona. Siamo abbastanza stanchi… si va a nanna.

20 AGOSTO

Sveglia di buon'ora, con una gita organizzata da un'agenzia con sede nel nostro hotel ci dirigiamo con auto ed autista ad una 80 di km da Bangkok verso il "Floating market di Damnoen Saduak", famosissimo e turistico mercato galleggiante... non prima però di aver fatto una sosta presso l’insolito Maeklong Railway Market che si svolge nella cittadina di Samut Songkhram, mercato asiatico sulla terraferma... esplosione di colori, mercanzie e spezie, non molto profumato, uno spaccato di vita locale brulicante. La sua originalità è quella di svolgersi sui binari di una ferrovia funzionante, quando arriva il treno il mercato viene letteralmente smontato in pochissimi secondi per lasciare spazio al lento passaggio della locomotiva riparando merci e persone ai lati delle rotaie con una precisione millimetrica. Non appena il treno è passato tutto si ripresenta come prima come se nulla fosse e nella normalità delle cose, incredibile! Un'esperienza insolita da non perdere

  • 17897 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social