Thailandia fai da te

Un viaggio da Bangkok al Nord, fino alle meravigliose spiagge di Phi Phi e all'isola deserta di Koh Kradan

Diario letto 17833 volte

  • di fedy.81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Partenza da Malpensa alle 22.20 con Emirates, scalo a Dubai e finalmente alle 18 eccoci a Bangkok (abbiamo scelto un volo che arrivasse alla sera per non subire molto il jetleg).

Venerdì 03/04/2015 – Sky Bar e Mercato dei Fiori

Consapevoli della difficoltà nell’orientarsi a Bangkok abbiamo preso un taxi dall’aeroporto per raggiungere l’hotel (400 bath); caldo torrido, umidità al 97%, aria irrespirabile a causa dello smog. Arriviamo al Lebua e dopo il check in ci accompagnano in una fantastica suite di 66 mq. Decidiamo di fare un aperitivo allo sky bar (nel momento in cui servono la cena e sino alle 22 non consentono di accedere allo skybar centrale, ma su un balconcino…delusione!). Decidiamo di vedere il mercato dei fiori (tutte le sere/notti). Proviamo ad arrivarci da soli con cartina alla mano, dopo aver vagato senza risultato, ci affidiamo ai tuk tuk che per 100 bath (contrattati come sempre) ci porta tra le bancarelle di China Town e poi a destinazione. Al mercato dei fiori ci guardano come extraterrestri… siamo gli unici non thailandesi: esperienza fantastica! Da un lato ci sono fiori gialli e ragazze che confezionano le tipiche corone da portare in dono al Buddha e dal lato opposto solo rose e orchidee. Ci avventuriamo a mangiare degli spiedini di maiale per strada…e torniamo con un mazzo di 50 rose in albergo per 80 bath (2 euro).

Sabato 04/04/2015 – Palazzo Reale e Wat Phra Kaew (Buddha di Smeraldo), Wat Pho (Buddha Sdraiato), Wat Arun e Chao Praya River

Rintronati dal fuso orario ci svegliamo tardi, ma decidiamo comunque di fare colazione al Lebua: uno spettacolo (tostapane sostituito da un panettiere con forno a legna, cucinano al momento uova e bacon, nonché le insalate e il sushi, frutta a volontà e ogni ben di Dio). Carichi partiamo per palazzo reale prendendo il battello con bandiera blu (40 bath)…il primo impatto con la cultura thailandese è fortissimo. Carino il tempio del buddha di Smeraldo, bello l’esterno e il palazzo reale.

E’ la volta poi del Wat Pho (Buddha sdraiato)…consiglio di andare nel tardo pomeriggio, dopo le 16…non c’è nessuno e si respirava un’aria mistica.

A cena non essendo entusiasti delle bancarelle che preparano cibo per strada (siamo partiti con l’intenzione di mangiare per strada, ma avendo visto topi e soprattutto come lavano i piatti, abbiamo desistito); abbiamo cenato alla Food Island MBK.

Domenica 05/04/2015 – Chatuchak market, MBK

Solita colazione da re e partenza per il Chatuchack weekend market (capolinea dello Skytrain); pensavamo di rimanere mezza giornata…. siamo rimasti sino alle 16! Immenso; consiglio di andare al mattino verso le 9-10: caldo infernale e affari d’oro (magliette da regalare, collane). Peccato non esser riusciti ad andare al Taling Chan (mercato galleggiante del weekend a BKK).

Ci siamo rinfrescati in piscina e siamo poi andati a cena a Le Issaye: un ristorantino molto carino gestito da un francese (si nota lo spirito occidentale) che prepara cucina thailandese.

Lunedì 06/04/2015 – Jim Thompson house, negozi della seta, Lumpili Park, giro sui canali e corso di cucina

Mattina partenza con piano di battaglia: Jim Thompson house che si visita solo con tour in inglese obbligatorio (piacevole – durata 45 minuti), negozio delle sete (l’outlet consigliato dalla LP ha chiuso) e poi il Lumpili Park con i suoi varani. Giro per i canali di BKK: una fregatura (1300 bath per vedere il nulla)…non lo consiglierei. Di ritorno siamo ripassati da MBK per prendere gli ultimi regali e cambiare i soldi al Superrich (cambio iperconveniente)

  • 17833 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social