Thailandia, Laos e Cambogia fai da te

Alla scoperta dell'Indocina: Bangkok, Koh Samui, Koh Phangan, Chang Mai, Laos e la discesa sul Mekong in battello e Angkor Wat in Cambogia

Diario letto 18886 volte

  • di ScillaAlberto
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Per il nostro viaggio in Indocina abbiamo scelto di inserire la parte di mare a inizio vacanza, per poterci riprendere dalla stanchezza accumulata in un anno di lavoro. Così il giorno successivo all'arrivo a Bangkok abbiamo volato su Koh Samui per poi dirigerci a Koh Phangan.

Giorno 1

Nonostante la stanchezza dovuta al viaggio e al fuso orario, siamo però riusciti a sfruttare al massimo anche la prima giornata a Bangkok. Armati di grande forza di volontà abbiamo infatti visitato la maggior parte dei templi che tuttavia non abbiamo potuto vedere tutti a causa del Budda Day in cui il Palazzo Reale non era accessibile dopo le 10:30. Il vantaggio del Budda Day è stato che alcuni templi normalmente a pagamento erano ad accesso libero e la presenza di molti devoti ha reso la visita a templi di interesse minore molto coinvolgente. Lo svantaggio della festività, invece, è che non è permesso servire alcolici, tuttavia non tutti rispettano tale restrizione, basta infatti trovare un barista complice per accomodarsi in tavolini non direttamente sulla strada pedonale e gustarsi due Mai Tai ghiacciati! Il nostro albergo si trovava in una parallela di Kao San Road, la zona , per via dei localini, dei mercatini e della gente a piedi che ne riempie le strade ci è piaciuta molto, tanto che abbiamo prenotato nello stesso albergo per la sera del nostro rientro a Bangkok dalle isole. Il Viengtai hotel non era nulla di eccezionale, soprattutto rispetto all'idea che ci eravamo fatti dal sito internet, ma gode di ottima posizione, oltre ad avere camere ampie, pulite e dotate di wifi, aria condizionata e cassaforte.

Giorno 2

Sveglia molto presto al mattino per raggiungere l'aeroporto, destinazione Koh Samui. Nonostante la prenotazione con diversi mesi di anticipo i voli con gli orari più comodi erano già tutti pieni, x cui abbiamo dovuto prendere il primo volo del mattino per poi trovarci ad aspettare due ore il traghetto delle 12:30 per Koh Phangan. L'arrivo a Koh Phangan ha segnato il vero inizio della vacanza: cielo azzurro, clima caldo, ma ventilato e un mare cristallino. Il nostro albergo, High Life, aveva un accesso diretto alla spiaggia, ma essendo collocato più in alto rispetto al mare godeva anche di una vista meravigliosa. La camera in legno, con balconcino dotato di amaca vista mare, era molto bella e anche al ristorante panoramico la cucina era ottima! Le nostre 3 notti all'High Life sono state la giusta cura rigenerante dopo un lungo anno di lavoro! Durante il giorno conducevamo la più classica vita vacanziera fatta di sole, mare e aperitivi in spiaggia sulle note di Bob Marley.

Giorno 3

La seconda sera a Koh Phangam c'è stato il famigerato Full Moon Party a cui di certo non potevamo non partecipare, insieme a orde di ragazzini provenienti da tutto il mondo, bramanti di ubriacarsi alla più famosa festa di tutta l'Asia. L'atmosfera un po' sopra le righe era già percepibile nel bar dove ci siamo fermati x un cheesburger, dove le sedie erano disposte a mò di aula scolastica in un'unica direzione, ovvero verso un maxi schermo su cui venivano proiettati i Griffin! Le vernici fluorescenti con cui ci si tatua il corpo e i secchielli di alcool sono i must della festa a cui noi certo non potevamo sottrarci, tuttavia onde evitare le code dai tatuatori, abbiamo optato per l'acquistarci la vernice e dipingerci vicendevolmente il corpo. Così fluo dipinti e armati di secchiello ci siamo buttati nella festa sulla spiaggia, in cui diversi locali trasmettevano musica djset al massimo volume e la gente riempiva ogni centimetro della baia. Nota dolente: sono tornata scalza in quanto vittima di furto di ciabatte!

Giorno 4

Il giorno seguente abbiamo affittato uno scooter per girare le spiagge dell'isola, tra cui la bellissima Koh Ma nella mattinata. Purtroppo dopo pranzo abbiamo finito per sbagliare strada e passare tutto il pomeriggio sulle due ruote anziché in acqua! Stanchi e sconfortati abbiamo raggiunto la 'nostra' spiaggia al tramonto per un ultimo bagno sull'isola

  • 18886 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social