Thailandia, venghino signori, venghino!

Attraversiamo la Thailandia partendo dalla sregolata capitale. Riusciremo a resistere a tutte le tentazioni? A tutte sicuramente no...

Diario letto 27824 volte

  • di IgorDR
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

E ancora, si può andare a Bangkok e non assistere in un night club alle prodezze ginniche degli organi genitali di signorine molto dotate? Come ad esempio spegnere tutte le candeline di una torta di compleanno o sparare con i muscoli pelvici palline da ping pong a lunga distanza. Vedete un po’ voi, lascio al vostro personale senso della morale, per me sarebbe come andare a Monaco di Baviera e non bersi una birra.

Per dormire vi consiglio il Baan K Residence by Bliston: non solo è silenzioso (già questo a Bangkok è un lusso), ma è vicinissimo sia alla metro che allo Skytrain. Inoltre la sera da un lato avete la Moon Tower per farvi l’aperitivo, dall'altro avete la vita notturna di Silom e il quartiere a luci rosse di Patpong.

VENGHINO SIGNORI, VENGHINO!

Con un volo aereo ci spostiamo all'estremo nord ai confini con la Birmania. Per il resto del viaggio, sfruttando mezzi di terra e di acqua scenderemo lentamente verso sud. A leggere sulle guide turistiche, Chiang Mai offre avventura e folklore: trekking nella giungla, passeggiate a dorso di elefante, torrenti impetuosi e popolazioni indigene. In realtà è un parco divertimenti, le escursioni sono organizzatissime e studiate nei minimi dettagli per farvi vedere tutto nel più breve tempo possibile. Volete un esempio della classica escursione (quella che vi vendono tutti) vissuta in prima persona? La mattina vi vengono a prendere all'hotel (un paio di ore si perdono per andare a prendere tutti i turisti ai vari hotel della città). Prima tappa un ranch di elefanti dove sperimentare un giretto di 20 minuti a dorso di elefante, poi 30 minuti di passeggiata per fare un bagno di 20 minuti sotto a una cascata. Pranzo e poi con lo stomaco pieno cosa c’è di meglio di un po’ di rafting. Al termine delle rapide, giretto con una placida zattera di legno. Per finire gita ad un paio di villaggi indigeni, dove prima di arrivare la guida avrà provvidenzialmente telefonato in modo che gli abitanti si facciano trovare con i vestiti tradizionali.

In poche parole se volete divertirvi va benissimo, ma se volete avventura e folklore veri, allora andate a Luang Prabang in Laos. Tra giri in giostra e tappe a mercatini di souvenir convenzionati, la cosa che mi è piaciuta di più è stata il Wat Rong Khun nei pressi di Chiang Rai: costruito con gesso bianco e specchi, assolutamente controtendenza, questo tempio è la cosa più eccentrica e kitsch che vedrete in tutta la Thailandia. Se alla vostra guida accompagnatrice non saranno saltate le adenoidi a forza di urlare per farvi rispettare le serratissime tappe dell’escursione, soffermatevi anche sui dettagli, vedrete improbabili affreschi di Budda in compagnia dell'Uomo Ragno o angoscianti sculture di dannati che si protendono da sottoterra. Tappa obbligata è la gita ad uno dei villaggi Karen. Le donne di questa particolare etnia dall'età di 5 anni iniziano ad indossare anelli di ottone per allungarsi il collo. Anche qui non chiedetemi di giurare che sia tutto autentico, non mi sorprenderebbe scoprire che la sera le signore si levino gli anelli, salgano su un autobus e abbandonino il villaggio per andare a dormire a casa in città.

Per esplorare il nord del paese Chiang Mai è perfetta, da qui potrete raggiungere tutte le mete in giornata. L’Hotel M immediatamente dentro le mura cittadine (i 20 metri che ne sono rimasti), è perfetto, senza infamia e senza lode vale esattamente il prezzo che si paga.

SI PREGA DI PARLARE SOTTOVOCE

Dopo tanti giri in giostra, cosa c’è di meglio di un po’ di relax. Il parco storico di Sukhothai racchiude le rovine dell'antica capitale del Regno di Sukhothai, che per circa 140 anni dominò buona parte della regione indocinese. Nel quieto parco, potrete pedalare tra i maestosi templi e godervi l’aria pulita grazie ad un’anomala assenza di mezzi motorizzati

  • 27824 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Testabeat
    , 25/3/2015 17:31
    Che bello questo articolo!
    Sembra semplice l'ingresso e anche senza costi. Voi confermate? mi hanno consigliato questo articolo, non so se il sito è affidabile, però sembra molto pratico. http://www.assicurazione-di-viaggio.it/assicurazione-viaggio-thailandia/

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social