Il mio Matrimonio in Thailandia e Cambogia

Il mio fantastico matrimonio in Thailandia con luna di miele in Cambogia

Diario letto 9260 volte

  • di Vailas
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 10
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

A volte con un po' di buona volontà si riescono ad esaudire i propri sogni e questo è il caso di me e della mia compagna (ora moglie) che siamo riusciti a realizzare il nostro: sposarci in spiaggia all'estero.

Destinazioni: Thailandia (3 settimane) e Cambogia (1 settimana)

Dopo aver avuto l'ok di parenti e amici stretti (in tutto 10 persone) comincia l'organizzazione del nostro matrimonio thailandese per il quale ci siamo serviti di un Wedding Planner del posto (e l'ambasciata italiana per i documenti), mentre per l'organizzazione del viaggio abbiamo pensato tutto noi, come al solito in fai da te!

Troviamo (prenotando 10 mesi prima) un bel volo Qatar di andata e ritorno a poco più di 600 euro a persona, mentre per tutti i voli interni abbiamo viaggiato con Bangkok Airways, Nok Air, Orient Thai e Air Asia.

BANGKOK. Partiamo il pomeriggio del 14 febbraio ed arriviamo a Bangkok il 15 verso l'ora di pranzo. L'impatto con la città è devastante: traffico, caldo afoso, smog e puzza. Prendiamo un taxi e impieghiamo qualche ora per raggiungere la nostra guesthouse in zona Khao San, bisogna stare attenti e chiedere sempre di accendere il tassametro "meter please!" altrimenti ti fregano alla grande. Alloggiamo alla modesta Lamphu House (trovata sulla Lonely Planet) che comunque ha tutto il necessario (connessione internet gratuita, lavanderia economica, ristorante e agenzia per taxi/escursioni).

Dopo aver perso il primo giorno a riprenderci dall'impatto con la città, il secondo giorno noleggiamo una long tail boat privata (siamo 6 più nostro figlio di quasi due anni) per 1600 baht (40 euro) e ci tuffiamo in un bellissimo giro dei canali di Bangkok dove è possibile vedere come vivono le persone lungo il fiume e combattere la calura della città con il vento della barca; la meta finale è il mercato fluttuante di Taling Chan, che ormai di fluttuante ha molto poco ed è solamente una attrazione turistica, comunque ha il suo fascino. Nel pomeriggio visitiamo il complesso del palazzo reale (un must), bellissimo ma molto faticoso per colpa del sole e del caldo; sono necessari pantaloni sotto al ginocchio (molto sotto) e magliette con le spalle coperte (se non li avete dovete comprarli fuori dal complesso). Dopo facciamo tappa al Wat Po per vedere il famoso Buddha reclinato. Nota: qui ho avuto il primo impatto con i bankomat, in Thailandia c'è una restrizione di sicurezza che vi permette di prelevare solo 100 euro per volta, visto che si paga la commissione di 10 euro, vi conviene contattare la vostra banca prima di partire e farvi togliere questo vincolo potendo così prelevare fino a 500 euro circa (io li ho chiamati dalla Thailandia). Per gli spostamenti ai templi abbiamo utilizzato i traghetti della Chao Phraya Express, economici ma terribili, si sta tutti belli ammassati ed i fumi/liquidi che rilasciamo intossicano alla grande. I trasporti a Bangkok sono un bel problema (a parte la zona nuova dove ci si può muovere velocemente ed economicamente con lo Sky Train) per via del traffico assurdo, servono ore per arrivare ovunque (quindi state sempre larghi con i tempi, soprattutto per i voli). Non prendete i tuk tuk perchè ormai costano come i taxi e ci si intossica nel traffico ed inoltre vi portano nei loro negozi per cercare di farvi comprare qualcosa. Lungo fiume vi consiglio di trattare con un possessore di Long Tail Boat e farvi scarrozzare da lui, mentre nell'entroterra con il taxi "meter please!".

Il terzo giorno ci rechiamo all'ambasciata italiana dove ci rilasciano il nulla osta per il matrimonio (bisogna prenotare l'appuntamento online tramite il sito dell'ambasciata e non c'è mai posto!) e la sera partiamo per Phuket con un volo Orient Thai da Don Muang (secondo aeroporto)

  • 9260 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social