Thailandia del nord e Bangkok

Dopo aver usufruito delle informazioni lasciate dagli altri turisti per caso per organizzare il nostro viaggio dell’ultimo minuto in Thailandia, da uno di questi aver adottato il motto NESSUNO CI PUO’ FERMARE…..IN THAILANDIA, ci siamo sentiti in dovere di mettere ...

Diario letto 15456 volte

  • di Daniele Lucini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo aver usufruito delle informazioni lasciate dagli altri turisti per caso per organizzare il nostro viaggio dell’ultimo minuto in Thailandia, da uno di questi aver adottato il motto NESSUNO CI PUO’ FERMARE...IN THAILANDIA, ci siamo sentiti in dovere di mettere a disposizione le informazioni raccolte durante il viaggio. Il viaggio di soli 11 giorni ci ha imposto ritmi serrati e la necessità di scegliere una zona non troppo estesa per limitare i trasferimenti. La scelta di utilizzare i voli interni per viaggiare da Bangkok al nord e viceversa è stata dettata da questa necessità. Oltre a questo e altri siti internet abbiamo usato la guida Lonely Planet “Chiang Mai and northern Thailand” ed. Aprile 2002. Suggeriamo di stampare questo racconto e di portarlo con voi in Thailandia, probabilmente non vi sarà per niente utile, ma vi porterà fortuna. Walt, un signore australiano di 32 anni, lo ha fatto e al suo ritorno ha vinto due milioni di dollari alla lotteria...

1° Giorno Milano-Dubai-Bangkok Partenza da Milano con l’ottima Emirates, assolutamente consigliabile, bagaglio minimo, leggi quasi niente a parte biglietti, documenti, soldi, guida e medicinali. Tutto ciò di cui potreste avere bisogno potrete comunque comprarlo in Thailandia ad un decimo del prezzo. Se, come noi, farete scalo a Dubai sappiate che gli apparati tecnologici non sono più convenienti come una volta, i prezzi sono simili a quelli italiani. 2° Giorno Bangkok-Chiang Mai Alle 14.00 arriviamo a Bangkok, compriamo in aeroporto tre biglietti per Chiang Mai per il volo successivo a 55$ l’uno e dopo un’ora siamo già in volo per il nord. A Chiang Mai contrattiamo il prezzo e prendiamo un taxi per una delle guesthouse consigliate dalla guida: Chiang Mai Garden Guesthouse. La proprietaria esordisce con: “no plostitues, no men, no woman, no ladyman, no cats, no dogs in da loom” e parte con un pistolotto contro la prostituzione che ce la rende così simpatica che non guardiamo neanche la stanza prima di prenderla, mentre sarebbe stato meglio, comunque per 70 baht (1,6€) a testa a notte non è che si può stare a rognare perché non c’è l’acqua calda.

Usciamo per un giro e rimaniamo subito estasiati a guardare i templi che col senno di poi definiremo minori. Curiosiamo qua e là e finiamo a cenare nel giardino di un bel ristorante. A proposito del cibo, abbiamo sempre evitato i ristoranti per turisti preferendo quelli Thai originali, in questi ristorantini, specie quelli più piccoli, non sempre è possibile scegliere da un menù in inglese e si ordina indicando con il dito i piatti già pronti, spesso si mangia senza sapere cosa c’è nel piatto. Di norma è tutto buonissimo e piccantissimo. Se siete schizzinosi o avete la bocca delicata regolatevi. Anche se la si trova sul tavolo non è buona educazione mangiare con la forchetta, si usa solo con il cucchiaio. Finiamo la serata bevendo Chiang Beer e vedendo un incontro combinato di Muai Thai in uno dei posti più malfamati dove abbiamo il primo incontro con le signorine “Hello Welcome” di cui parleremo in seguito.

3° Giorno Chiang Mai Visita agli splendidi templi di Chiang Mai, non tanti, solo una decina su trecento... Nel Wat Phra Singh facciamo conoscenza con un monaco che ci dice che se non andare a visitare il Wat Phra Doi Suthep è come non essere stati a Chiang Mai, ovviamente ci andremo l’indomani. Ci facciamo fare un’ora di massaggio Thai a 150 baht (3,5€ !). Il massaggio thailandese tradizionale è energico, ma estremamente rigenerante. Se non si è vestiti in modo appropriato viene fornito un abito adatto. Al contrario di quello che vi hanno raccontato i vostri amici furbetti per il massaggio Thai il massaggiato e il massaggiatore sono entrambi vestiti! Altri tipi di massaggi rilassanti che vanno sotto il nome di oil massage prevedono invece il contatto con la pelle. Tralascio i cento tipi di “massaggi” che si possono provare di cui i suddetti amici vi avranno già detto tutto. Cena e giro al night bazar assolutamente consigliato. Il mercato è grande e molto conveniente. I prezzi si contrattano, in genere si ottiene un prezzo del 30% inferiore al prezzo di partenza, insomma non una contrattazione alla araba dove si scende del 90

  • 15456 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social