Un safari in Tanzania che non scorderemo mai

Il viaggio che abbiamo sempre sognato di fare. Un tour in Tanzania davvero emozionante alla scoperta degli spettacolari parchi!

Diario letto 290 volte

  • di AlessiaRomizi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Quest’anno, a fine febbraio, abbiamo realizzato un sogno, un bellissimo viaggio nella natura selvaggia della Tanzania, un luogo che ci è rimasto davvero nel cuore. Era da anni che sognavamo di partire per un safari in Tanzania, innamorati degli splendidi parchi nazionali e dei tanti animali che vi si possono incontrare.

Il primo scoglio è stato rappresentato dalla scelta dell'agenzia con cui viaggiare. Per questo viaggio così importante per noi, abbiamo scelto il Tour Operator locale con organizzazione italiana Safari Avventura, che ringraziamo per averci seguito durante tutto l’iter della prenotazione e dello svolgimento del viaggio sempre con molta cura e ottimi consigli, disponibilità e professionalità, per farci vivere al meglio l’autentica atmosfera africana.

Abbiamo scelto di effettuare un safari privato nei Parchi Nord della Tanzania, accompagnati da una guida parlante italiano con una comoda jeep da 7 posti con tettino apribile, con pernottamento in lodge e campi tendati. Tutto il programma è stato organizzato al meglio dal Tour Operator, e, considerato il periodo in cui avremmo effettuato il viaggio, abbiamo inserito anche la ricerca della grande migrazione degli erbivori.

Primo giorno di tour:

Il 16 febbraio siamo partiti da Roma con il volo Ethiopian Airlines serale e, dopo un breve scalo, siamo arrivati all'aeroporto del Kilimanjaro nel primo pomeriggio del 17 Febbraio.

All'arrivo, ci ha accolto lo staff di Safari Avventura e abbiamo conosciuto la guida che ci avrebbe accompagnati durante tutto il nostro safari. Ci siamo sentiti da subito ben accolti e coccolati.

Dopo averci accompagnato in lodge e averci dato informazioni anche sull’itinerario che avremmo svolto l’indomani, la nostra guida ci ha accompagnati per Arusha, visitando anche il grande mercato ed il mercatino Masai, facendoci immergere sin da subito nella realtà del posto.

Poi ci siamo rilassati nel nostro lodge ad Arusha, molto accogliente e pulito, con personale molto cordiale.

Secondo giorno di tour:

Il 18 Febbraio, dopo una bella colazione, la mattina presto è venuta a prenderci la nostra guida per iniziare il safari alla scoperta del Parco Nazionale del Lago Manyara, un parco che ci ha colpito molto per la varietà dei paesaggi, la natura rigogliosa e l’incredibile molteplicità di uccelli.

Abbiamo visto da vicino elefanti, giraffe e tantissime famiglie di babbuini che stazionavano lungo i percorsi sterrati e persino una leonessa arrampicata sopra un albero di acacia, caratteristica di questo parco. Arrivati al lago, siamo scesi dalla jeep, abbiamo pranzato all’aperto in area attrezzata panoramica, con ottime pietanze calde e poi abbiamo fatto una bella passeggiata sul pontile in legno sopra il lago, da cui si godeva un incantevole panorama, dove moltissime specie di uccelli prendevano il volo e gli ippopotami si crogiolavano in acqua, con il loro buffo verso di fondo.

Poi, nel pomeriggio ci siamo trasferiti nel vicino paesino di Karatu, dove abbiamo cenato e dormito in un grazioso e curato lodge.

Terzo giorno di tour:

Il 19 febbraio ci siamo svegliati prestissimo e dopo un’abbondante colazione, ci siamo diretti nella Ngorongoro Conservation Area, visitando il famoso Cratere di Ngorongoro, un panorama davvero magnifico e una natura rigogliosa fanno di questa caldera un luogo unico, che consiglio assolutamente di visitare.

In questo luogo dal panorama unico, diversi gruppi di animali selvatici vivono tutto l’anno, zebre, elefanti, leoni, gazzelle, dik dik, struzzi, gnu e anche i pochi esemplari di rinoceronte nero, che siamo anche riusciti a vedere

  • 290 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social