Utile e dilettevole vacanza lavoro nel cuore della Tanzania

Ci hanno invitato ad andare ad installare dei pannelli fotovoltaici sul tetto dell'ospedale di Kwediboma in Tanzania, dopo il lavoro abbiamo visitato i parchi Ngorongoro e Serengeti. Esperienza interessantissima

Diario letto 2114 volte

  • di ziorico45
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

ESPERIENZA DI VACANZA LAVORO a KWEDIBOMA

TANZANIA febbraio 2019

Ho conosciuto Giovanni Cecchini e sua moglie Daniela nel 1981 in occasione della mia prima vacanza lavoro, in Uganda, in seguito allorché Giovanni si trasferì a Sant'Arcangelo di Romagna fu il pediatra dei miei figli. I Cecchini hanno passato parecchi anni in Africa, li seguii 4 volte in Etiopia. Quando qualche mese fa Giovanni mi chiese se fossi disponibile ad andare a montare dei pannelli fotovoltaici sul tetto dell'ospedale di Kwediboma in Tanzania, la risposta affermativa era pronta ancor prima che finisse di formulare la domanda. In questo ospedale succede che l'energia elettrica erogata dalla compagnia statale, spesso manchi, quindi mentre si stanno eseguendo delle ecografie o radiografie il lavoro viene interrotto improvvisamente. Questa situazione ha fatto nascere l'esigenza di installare dei pannelli fotovoltaici, che generino corrente da immagazzinare in batterie, per garantire continuità d'uso alle apparecchiature cliniche. La Organizzazione svizzera Kammea ha offerto l'impianto. Ho trovato un compagno di missione in Giuseppe e insieme ci siamo recati a Bologna presso il fornitore dell'impianto per farci spiegare l'installazione. Nessuno di noi è competente in materia, quindi prima di partire abbiamo consultato anche altri installatori di questo tipo di impianti. Abbiamo preso appunti, foto e mentre Mario il fornitore ci istruiva ho ripreso la lezione con telecamera. Ci siamo attrezzati, ed ora siamo in viaggio con la speranza di non deludere chi ha riposto fiducia in noi e nelle nostre capacità.

Nel 1956 giunsero a Kwediboma un gruppo di suore Rosminiane italiane ed irlandesi, aprirono un piccolo dispensario con 6 posti letto, adibito alla cura prenatale delle donne, in seguito fu ampliato e nel 1993 il governo tanzaniano contribuì ad elevarlo a “centro di salute completo”. Oggi la struttura si compone di vari reparti: Pediatria, Ostetricia, Chirurgia, Vaccinazioni, Centro trasfusionale, Prevenzione della malaria, Test HIV. Dispone di una settantina di posti letto. A breve verrà attivata la Radiologia. Vi è un progetto per l’ampliamento con la costruzione di nuovi padiglioni.

Venerdì 1 e Sabato 2 febbraio 2019

Volo Ethiopian via Addis Abeba su Dar Es Salam. Non ci siamo premuniti del visto dato che pagando 50 US$ si può ottenere all'arrivo all'aeroporto di Dar Es Salam. Male! Molto male! Impieghiamo 2 ore per ottenere questo benedetto visto, passiamo da una postazione della polizia doganale ad un'altra (4 in tutto!!!). Giuseppe vorrebbe capire, avrebbe mille consigli da dare per ovviare a questa incredibile sequela di passaggi, lo convinco alla fine che in Africa non c'è nulla da capire o da spiegare. All'uscita troviamo un ragazzo con un cartello col mio nome, è Egidio, l'autista della “Consolata Missionaries Procura” è venuto a prenderci in aeroporto. Preleviamo al Bancomat 400000 scellini = a € 155. Ci conducono alla Procure dove ci accoglie Father Tesha, il Padre che dirige questo centro e che si occupa della soluzione di tutte le procedure o problemi dei Missionari della Consolata in Tanzania. Ci mostra le camere dove alloggeremo la prossima notte. Siccome domani dovremo ripartire di buon'ora decidiamo di uscire e fare una passeggiata. Fa caldo e umidità ragguardevole. Camminiamo per un paio di km, raggiungiamo il mare, troviamo una bella spiaggia contornata da piante, all'ombra delle quali ci sono dei tavoli dove la gente beve, i giovani fanno il bagno nella caldissima acqua dell'Oceano Indiano. Ci togliamo le scarpe e passeggiamo con i piedi nell'acqua, alcuni ragazzi dei bar vengono ad offrirci dei cocco, (quelli interi da bere e mangiare la polpa col cucchiaio) ma li tengono al sole, saranno bollenti

  • 2114 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social