Veraclub-Kiwengwa, it's ok

Jambo, siamo a raccontarvi la bellissima esperienza che ci ha visti passare una settimana in questa bellissima isola dal 03/11 febbraio 2010.Partenza da Malpensa con volo Eurofly, durata circa 8 ore senza scalo in Kenya accompagnato da cena , snack ...

Diario letto 3008 volte

  • di Manuel & Mary
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Jambo, siamo a raccontarvi la bellissima esperienza che ci ha visti passare una settimana in questa bellissima isola dal 03/11 febbraio 2010.Partenza da Malpensa con volo Eurofly, durata circa 8 ore senza scalo in Kenya accompagnato da cena , snack e proiezione di vari film.

Ci accoglie il piccolo aeroporto di Zanzibar con la comica consegna delle valigie a mano e il sommario controllo del loro contenuto. Ad aspettarci i calorosi assistenti Veraclub che ci accompagnano per un viaggio di circa un'ora al villaggio. Veniamo accolti con il classico cocktail di benvenuto a base di latte di cocco e succhi analcolici di frutta, e dopo aver sbrigato le pratiche di soggiorno veniamo accompagnati agli alloggi ed invitati a presentarci al briefing. Le spaziose camere tipo bungalow arredate con gusto locale sono accoglienti pulite e dotate sia di ventilatore a soffitto che condizionatore. Facciamo un giro nel curato giardino del villaggio ricco di colori e ci portiamo alla spiaggia dove veniamo riaccolti simpaticamente da una delle caratteristiche di zanzibar i beach-boys che dovendo stare a distanza dagli ombrelloni ci “invitano” ad andare da loro per poterci illustrare le loro escursioni. Qui conosciamo Omar e il suo socio il Piccolo e via via a proporci l'artigianato locale Jonny Stecchino, Jaggua, Dolce & Gabbana, Lino Banfi il masai Paolino e altri. Dopo la tappa obbligata ci immergiamo con stupore nelle limpide, calde e colorate acque dell'Oceano Indiano. Nel corso della giornata conosciamo l'altro aspetto caratteristico delle maree che circa ogni 6 ore lasciano nudo il fondale permettendo di fare centinaia di metri a piedi verso la barriera corallina, per cui consigliamo le classiche scarpette perchè la fauna marina non manca.

Al briefing informativo conosciamo il resto dell'animazione capitanata dal simpatico Lucio, ci illustrano la vita del villaggio ci fanno conoscere il personale e le escursioni che ci è possibile fare con il tour operator e che sono assolutamente più care di quelle proposte alla spiaggia, ma ovviamente cercano di dissuaderci dal farle con i beach boys, inoltre avendo saputo del guasto al cavo che alimenta Zanzibar veniamo rassicurati sulla presenza della corrente elettrica al villaggio grazie ai generatori.

Il resto della giornata la passiamo sdraiati alla spiaggia per riprenderci dal viaggio ad ammirare la bellezza della natura incontaminata di Zanzibar e a conoscere la gente locale. Giunto l'orario della cena notiamo con felicità che fra le numerose pietanze a buffet è presente anche il pesce, certo non aragoste e cicale che sono offerte a pagamento 40$ all'altro ristorante del villaggio ma pesce spada, tonno, calamari, polpi ecc. E assieme alla carne saranno presenti ad ogni pasto della settimana.

Il giorno seguente e tanti altri momenti della settimana lo dedichiamo alle belle attività sportive proposte dall'animazione che organizza giornalmente vari tornei tenuti simpaticamente da Valentina, il mitico Pisolo(il nuovo Fiorello) ….....con loro è possibile anche veleggiare , surfare e pagaiare gratuitamente. A riempire le giornate non mancano pure le ore a passeggiare lungo la spiaggia in compagnia dei masai, a vedere le decine di negozietti che ovviamente sarete invitati a guardare. Abbiamo anche scoperto che sulla spiaggia (andando a destra oltre il villaggio) c'è un ristorante locale di pesce fresco “la Villa” che promette 1kg di aragosta 1 di cicala e altro al prezzo di 25$ a persona, ma non abbiamo fatto in tempo a provarlo, è infatti necessaria la prenotazione il giorno prima affinchè si procurino il pesce fresco!Il ristorante è prettamente a buffet ma in due serate siamo stati serviti al tavolo con menu à la carte...un po' all'insegna del romanticismo...bello!

Sabato pomeriggio partiamo alla volta di Stone Town e del tour delle spezie di cui Zanzibar è ricca accompagnati dal socio di Omar, il Piccolo che professionalmente ci illustra la vita sociale locale. Visitiamo l'orto foresta ci spiegano le varie spezie e i loro usi e ci regalano cappellini, cravatte, per l'uomo; anelli, ciondoli, borse e un simpatico contenitore per le spezie per le donne, il tutto realizzato incredibilmente con le foglie. L'escursione prevede poi la visita della capitale Stone Town e il giro per i mercati del pesce, della frutta e tra le vie a vedere le famose porte intagliate per concludere questa 'interessante giornata sorseggiando una bibita su una terrazza sul mare ad ammirare lo spettacolare tramomonto

  • 3008 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,