La risposta ai vostri suggerimenti è che del Dasain nepalese faremo vedere l’essenziale

Facendo i turisti a volte si provano sensazioni forti e impreviste che devono essere elaborate e capite: in questo consiste incontrare la diversità...

Facendo i turisti a volte si provano sensazioni forti e impreviste che devono essere elaborate e capite: in questo consiste incontrare la diversità. In Nepal, per noi, l’impatto con questa diversità è stato forte, scioccante. Cosa possiamo fare, tornando da un’esperienza simile, se non cercare il modo più “giusto” di raccontarla? Il Dasain è soprattutto la festa più importante di quel paese, e noi abbiamo scelto di visitare il popolo nepalese in questo periodo proprio per conoscerlo meglio, per entrare in contatto, oltre che con la quotidianità delle persone, anche con l’espressione corale della religiosità e l’esplosione collettiva dell’emozione.

Ora sta a noi cercare di spiegare e di raccontare. Proveremo a rivivere le nostre emozioni per riuscire a trasmettervele, ma cercheremo soprattutto di informarvi del significato di questa festa e dei suoi retroscena storici e simbolici, dando tutto lo spazio necessario alle giustificazioni antropologiche e religiose che le nostre guide ci hanno fornito. Cercheremo di raccontarvi riti lontani, che appaiono strani e terrificanti ma che sono occasioni uniche di conoscenza dell’altro e soprattutto momento di scambio e contatto proprio tramite il rispetto per usi e costumi tanto diversi dai nostri.

Diversi poi fino ad un certo punto: il rapporto che tuttora il mondo rurale nostro ha con gli animali è ben diverso dal nostro di ipocriti carnivori che si limitano ad andare al supermercato. Ricorderemo che anche nella nostra tradizione cristiana ci sono simboli che rimandano a queste pratiche. Commemoreremo gli agnelli e i capretti sacrificati a Pasqua, i tacchini e i capponi di Natale, per non parlare di quanto di simile accade con le tradizione mussulmana.

Anche in Nepal tutti gli animali uccisi in modo così cruento e spettacolare alla fine del rito sacrificale vengono mangiati: almeno per quanto riguarda la parte del banchetto finale, il Dasain non differisce molto dalle nostre mangiate festive, carnivore e collettive.

Dopo i vostri suggerimenti però non intendiamo affatto sottolineare i lati cruenti, non vogliamo indulgere al sensazionalismo o al granguignolesco: lo sappiamo che ci sono bambini in ascolto e sappiamo che voi, come noi, volete godere i frutti del turismo in pace. Se ce la faremo (non sarà facile), vedremo di collocare le immagini scabrose verso la fine della puntata, dopo le 22. Le immagini, comunque, saranno solo quelle essenziali a trasmettere il nucleo delle sensazioni che si provano in quei luoghi e in quelle circostanze, ma anche lo stordimento e le contraddizioni.

Noi non siamo giornalisti, siamo solo turisti, ma non possiamo fare a meno di essere testimoni di quello che succede, né possiamo rinunciare a raccontarlo.

Guarda le immagini di cui si sta parlando, nell’area riservata agli abbonati.



    Commenti

    Lascia un commento

    Nepal: leggi gli altri diari di viaggio