Come organizzare un viaggio in Perù? Tutte le cose che non devi dimenticare prima di partire

I consigli di Chiara e Andrea per organizzare un viaggio in una delle mete più suggestive dell'America Latina

rimasta nel cuore e che può essere utilizzata come base, grazie alla sua posizione centrale e ai numerosi servizi che offre, è Arequipa. Vi colpirà per l’architettura coloniale del suo centro storico e il colorato Monastero de Santa Catalina. Da non perdere la visita al Museo Santuarios Andinos, dove è conservata la mummia Juanita, il corpo congelato di una ragazza inca di 12 anni sacrificata agli dei intorno al 1450. L’ottimo stato di conservazione ha permesso ricerche biologiche sui tessuti per ottenere nuove informazioni sulla salute e la nutrizione degli Inca.

Appena prendete il biglietto aereo per il Perù prenotate anche quello per Machu Picchu (perché i posti sono limitati!) e se ve la sentite anche per l’accesso a Huayna Picchu, il monte che sovrasta il sito archeologico. Il percorso per arrivare in vetta è impegnativo e non adatto a tutti, essendo molto spesso scivoloso, ma una volta arrivati in cima verrete ripagati dal paesaggio circostante.

Prima di raggiungere il Machu Picchu vi suggeriamo di dormire ad Ollantaytambo anziché ad Aguas Calientes. Rimarrete affascinati da questo grazioso villaggio, che oltre ad avere un importante sito archeologico, è il miglior esempio sopravvissuto di pianificazione urbanistica Inca, con strette strade di ciottoli abitate sin dal 13° secolo: vi permetterà di entrare ancora più in contatto con la cultura e le persone del luogo. Tappa obbligatoria è poi Pisac, raggiungibile in circa un’ora di taxi da Cusco, celebre per il suo coloratissimo mercato che si tiene ogni domenica, martedì e giovedì.

Se pianificate di restare nel distretto di Cusco per qualche giorno, vi consigliamo di acquistare il Boleto Turistico del Cusco “BTC”: un biglietto cumulativo personale e non trasferibile attraverso il quale si ottiene il diritto di ingresso in aree, monumenti archeologici, musei e luoghi storici che fanno parte del patrimonio culturale e situati all’interno della circoscrizione territoriale del dipartimento di Cusco. Tra questi: Sacsayhuamán, Qenqo, Tambomachay, Pisaq, Ollantaytambo, Moray, e diversi musei. Può essere acquistato direttamente presso uno dei luoghi inclusi nel biglietto.

La bevanda che in assoluto abbiamo apprezzato di più è stata la chicha morada, a base di mais viola (da cui proviene il caratteristico colore) con aggiunta di ananas, zucchero e spezie. Sembra abbia molte proprietà benefiche, tra cui capacità antiossidante, e sia in grado di abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo. Tra i piatti tipici da non perdere il lomo saltado (manzo saltato con cipolle e peperoni), il rojoto relleno (peperone ripieno di carne e formaggio) e la celebre ceviche (pesce crudo marinato). I vegani, ma non solo, apprezzeranno le moltissime e colorate varietà di patate (circa 4000!) e i piatti a base di quinoa, considerata dagli Inca la “madre di tutti I semi”.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!

Travel2feelalive Andrea & Chiara Travel Advisor Wanderoo



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
primavera nel peloponneso

Primavera nel Peloponneso

Il Peloponneso è ricchissimo di testimonianze storico-archeologiche/naturalistiche e gli...

palagio fiorentino stia

Palagio fiorentino Stia

palagio fiorentino Stia

palagio fiorentino stia

Palagio Fiorentino Stia

Palagio Fiorentino Stia