Le luci del nord

In viaggio da Helsinki a Stoccolma, fra natura e cultura

Diario letto 3573 volte

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Ogni viaggiatore ha una grande passione, un luogo specifico o una zona del mondo alla quale si lega e dove immancabilmente ritorna appena possibile. Questa passione per me è rappresentata dal Nord Europa, ho sempre subito il fascino della natura, della cultura e anche del clima, che per alcuni può essere un pò estremo, di queste zone. Ho avuto la fortuna di visitare praticamente tutti i paesi scandinavi ma appena ne ho la possibilità cerco di ritornarvi, quest anno si è presentata la possibilità di scoprire un po' meglio la Finlandia e anche di ritornare a Stoccolma, città già visitata ma sempre molto affascinante.

22 giugno

La partenza è dall'aeroporto di Pisa con Norwegian Airlines, abbiamo (non si tratta di plurale maiestatis ma ogni viaggio è come sempre condiviso con la mia pazientissima moglie) trovato un volo diretto per Helsinki ad un prezzo accettabile, devo dire che ormai vista l'evoluzione di alcune note compagnie low cost non ci sono più le grandi occasioni del passato, la sensazione è che ormai il panorama delle offerte si sia uniformato molto e a parità di spesa preferisco una qualità superiore.

Si arriva nella capitale finlandese dopo circa 3 ore di volo, la giornata è splendida e tutto va per il meglio, la differenza fondamentale è nella temperatura, partiamo infatti con più di 30 gradi e al nostro arrivo ce ne sono circa la metà, per me che non amo il caldo è perfetto.

L'aeroporto Vantaa non è molto lontano dal centro dove abbiamo prenotato il nostro hotel per una notte, i collegamenti con i mezzi pubblici sono ottimi e avendo tempo decidiamo di sfruttarli. Recuperati i bagagli prendiamo il treno che ci porta alla stazione centrale della città in circa mezz'ora, le indicazioni qui sono sia in finlandese che in svedese visto che per secoli la Finlandia ha fatto parte del regno svedese e la stazione è conosciuta come Helsingfors, considerata per architettura e cura nella realizzazione una delle più belle d'Europa. Da qui con il tram 4 percorriamogli ultimi chilometri che ci separano dall'hotel sfruttando il solito biglietto, devo precisare che ad Helsinki i biglietti non si possono acquistare a bordo dei tram ma ci sono quasi ovunque macchine che permettono di comprarli comodamente, e consiglio di farlo sempre perchè i controlli sono capillari e le sanzioni molto severe.

Ci sistemiamo vicino alla zona del porto, comoda per visitare a piedi la città e centro nevralgico della vita di Helsinki, negozi, ristoranti e il mercato infatti si concentrano proprio qui. Credo sia utile sapere che nei giorni che vanno dal 21 al 23 giugno si festeggia il passaggio all'estate, ed è una festa presa molto sul serio nel senso che alcune attività chiudono e molti ne approfittano per abbandonare le città per qualche giorno di vacanza. Questa è la ragione per cui, pur essendo sabato, troviamo la città quasi deserta, c'è una calma irreale e poca gente in giro il che se da un lato può disorientare dall'altro ti fa apprezzare la città sotto una luce diversa.

Abbiamo solo una mezza giornata a disposizione per visitare la città prima di ritornarvi a fine viaggio, ne approfittiamo per girarla a piedi e vedere ciò per cui è celebre. Il cuore di Helsinki è senza dubbio piazza del Senato (Senaatintori) l'angolo più famoso e fotografato della capitale. Qui si affacciano gli edifici più importanti, la cattedrale, il palazzo del Governo, l'università e la Sederholm house il più antico della città. Di solito la grande scalinata che porta alla cattedrale diventa un luogo di ritrovo, gli abitanti di Helsinki vi si siedono per trascorrere un po' di tempo insieme anche se oggi è praticamente deserta. Riusciamo a visitare però la cattedrale che è gratuita, anche se all'interno è molto meno spettacolare che vista da fuori, ha uno stile molto sobrio ed essenziale come del resto il luteranesimo richiede. Da qui consiglio di riportarsi verso il mare e vedere le Esplanadi, di fatto sono due vie immerse nel verde che conducono alla piazza del mercato (Kauppatori) dove si riuniscono soprattutto i giovani per pic-nic improvvisati o anche solo per stare insieme, approfittando anche dei molti banchetti di street food che qui si trovano normalmente. Devo dire che ad un primo impatto Helsinki mi ha colpito moltissimo, città giovane, dinamica ma totalmente a misura d'uomo, non si percepisce caos o stress, è bellissimo vedere le piscine sul lungomare piene di gente fino a tardi approfittando della luce, l'enorme ruota panoramica lì accanto ancora piena di gente e il viavai continuo dalle saune che qui, come noto, sono delle istituzioni

  • 3573 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social