Sudafrica on the road

2.500 chilometri alla scoperta della Nazione Arcobaleno, dei Big five e non solo

  • di mariapaola79
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Un tour unico dalla cosmopolita Cape Town alla costa selvaggia del capo di Buona Speranza, dalla Panoramic Ruote ai foto safari, guidati da rangers esperti.

Il Sudafrica e' uno luogo straordinario da visitare, città splendide, natura incontaminata, spiagge deserte lambite dall'oceano, paesaggi mozzafiato. Un paese di forti contrasti, meta imperdibile per gli amanti della natura.

Periodo: dal giovedì 6 a lunedì 24 Agosto

Volo: Emirates

Cambio: 1 euro circa 13 rand

Guida: Rough Guide

Km percorsi: 2.500

Costo: oltre i € 3.000 a persona

Quest'anno eravamo molto indecisi su dove andare. La fine dell'embargo ha accelerato la nostra voglia di esplorare Cuba prima che sia troppo tardi ma l'eccessivo costo dei voli ci ha fatto, per il momento, cambiare idea. Incuriositi e suggestionati dai vari racconti di amici tornati dal Sud Africa abbiamo iniziato a lavorare alla programmazione del nostro itinerario.

Siamo partiti da Malpensa la notte del 6 agosto con volo Emirates, scalo di un paio d'ore a Dubai e arrivo a Città del Capo il giorno successivo nel primo pomeriggio. I controlli sono abbastanza veloci e dopo aver recuperato i nostri bagagli ci dirigiamo ai banchi della Hertz per il ritiro dell’ auto. Ci viene data una Toyota Etios che ci ha dignitosamente accompagnato nella prima parte di questo viaggio. Costo del noleggio dal 7 al 12 agosto € 200 ( € 33 al giorno circa) più 87 Rand al giorno per il navigatore.

Venerdì 7 Agosto

Impostiamo sul navigatore l'indirizzo del nostro Hotel e ci dirigiamo verso la zona del Victoria & Albert Waterfront. A parte qualche piccola incertezza iniziale dovuta alla guida a sinistra raggiungiamo senza difficoltà il Commodore Hotel (€ 580 per 5 notti con trattamento di prima colazione), dotato di un comodo parcheggio privato a pagamento (75 rand al giorno). Se volete ridurre al minimo le difficoltà della guida potete optare per un auto con cambio automatico ma dopo poco tempo ci si abitua (la faccio facile io da passeggero J ) Molto più utile è' invece il navigatore, che si può richiedere all'atto della prenotazione per 87 rand in più al giorno. Stanchi dal viaggio decidiamo di raggiungere il Waterfront per cenare, che dista non più di 2 minuti a piedi dall'Hotel. A differenza di molte altre grandi città, il porto non è' affatto la classica zona pericolosa e degradata, anzi. La poderosa opera di riqualificazione dell'area lo ha reso oggi la meta prediletta dai turisti per una passeggiata serale, grazie alla presenza di un grosso centro commerciale e una moltitudine di bar e ristoranti. Per la nostra prima cena sud africana scegliamo l'Harbour House dove ordiniamo un ottima degustazione di pesce accompagnato da un altrettanto ottimo Sauvignon della zona di Costantia. Costo 1.100 rand, più'mancia; molto più caro rispetto alla media, come avremo modo di scoprire in seguito, ma rimarrà per me la miglior cena di tutta la vacanza. Per quanto riguarda la mancia è uso lasciare il 10-15% dell'importo totale a ristoranti, guide e autisti, anche in considerazione dei bassissimi salari percepiti.

Sabato 8 Agosto

Partiamo alla scoperta della Penisola del Capo, lasciando la visita di Cape Town per i giorni a seguire. Imbocchiamo la N2 che ci ritroveremo a percorrere svariate volte durante il nostro itinerario in quanto percorre tutta la costa meridionale del Sud Africa.

Prima tappa Muizemberg, un tempo la spiaggia più alla moda del Sud Africa, oggi è un po' decaduta ma tipica per le sue cabine di legno dai colori vivaci che spiccano sulla lunga distesa di sabbia in leggero declivio. Proseguiamo sulla costa attraversando varie località via via più gradevoli ed eleganti, come St.James caratterizzata dalle sue deliziose abitazioni abbarbicate alle montagne. Passiamo da Fish Hoek, che vanta una delle migliori spiagge di False Bay, qui infatti si apre un’ampia insenatura e l'oceano è moderatamente caldo e tranquillo. Arriviamo a Simon's Town, terzo insediamento più antico del Sud Africa, una graziosa cittadina di mare con il suo caratteristico porticciolo e le barchette di legno dei pescatori. Decidiamo di fermarci per il pranzo e optiamo per Bertha's un Sea Food affacciato al porticciolo. Anche oggi ci togliamo la voglia di pesce, spendendo 342 Rand in totale.

A pochi km più a Sud si trova Boulders Beach, famosa ed imperdibile per la sua colonia di dolcissimi pinguini africani. La spiaggia deve il suo nome ai massi di roccia che creano delle piccole insenature con acqua trasparente, splendide per fare il bagno, se fosse stagione. Ma il vero motivo per spingersi fino qui è la sua colonia di pinguini. L'ingresso alla riserva costa 40 Rand, una volta entrati si accede a due passerelle di legno che permettono di osservare senza disturbare centinai di pinguini che dormono, camminano o giocano tra di loro

  • 17273 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social