Sudafrica on the road tutto fai da te

Viaggio attraverso il paese arcobaleno da Cape Town a Johannesburg senza volare

Diario letto 13667 volte

  • di Marzia Paolo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Sudafrica un anno dopo…

Avendo visto alcune immagini meravigliose in tv durante i mondiali di calcio del 2010 e desiderosi di vedere animali ma non solo, decidiamo di visitare la nazione arcobaleno. Perché il Sudafrica? Per diversi motivi: è facile organizzare un viaggio in assoluta libertà, non è economicamente proibitivo come lo sono molti altri paesi dell’Africa, è ricco di storia ed è interessante dal punto di vista culturale, è possibile abbinare la visita ad alcune città e fare un safari in tutta semplicità con la propria auto. E così è stato!

Il Sudafrica è andato ben oltre le nostre aspettative, ci ha stupiti positivamente e lo consigliamo a chiunque. Ma veniamo al viaggio. Durata complessiva: 23 giorni.

Itinerario in breve (agosto) :

1-5 Cape Town (visita della città e dei vari punti di interesse, Winelands, Capo di Buona Speranza)

5-6 Hermanus

6-7 Cape Agulhas – Mossel Bay

7-8 Wilderness- Knysna- Plettemberg

8-9 Jeffrey’s Bay- Port Alfred

9-10 Port Saint John’s

10-12 St. Lucia

12-13 Swaziland

13-16 Graskop

17-21 Kruger

22 Johannesburg

23 Partenza

Partiamo con un volo Etihad Malpensa-Cape Town. Arrivati a Città del Capo ritiriamo la nostra Hyundai Atos noleggiata via internet presso l’agenzia Europcar presente in aeroporto. Trascorriamo cinque notti a Città del Capo, quattro presso l’ostello Penthouse in Long Street (niente di speciale potevamo trovare di meglio a meno) e una notte a Green Point a due passi dallo stadio e dal Waterfront. A Cape Town consigliamo di stare vicino al Waterfront, è una bella zona, sicura e per turisti, Long Street è più spartana, per viaggiatori zaino in spalla. Lì vicino si trova Bo Kaap il colorato quartiere musulmano da non perdere. A Cape Town non si può non visitare Robben Island, la prigione di massima sicurezza dove Nelson Mandela ha trascorso ben 18 anni. Vedere Robben Island è indispensabile, in quanto aiuta a comprendere meglio la storia e la cultura di questo paese. Visita guidata di circa 3 ore Euro 22,00 a persona. Da non perdere assolutamente è anche la vista da Table Mountain, raggiungibile in funivia (16 Euro a persona), è possibile salire anche a piedi, un’esperienza indimenticabile! Cape Town è considerata una delle città con il più bel paesaggio al mondo ed è vero. Da Table Mountain si possono ammirare tutte le spiagge della città: Sea Point, Green Point, Clifton, Camp’s Bay e se il tempo è bello si può ammirare tutta la costa fino al Capo di Buona Speranza. Durante la nostra permanenza a Città del Capo guidiamo lungo la costa fino ad arrivare al Capo di Buona Speranza, fermandoci a Muizenberg famosa per i suoi surfisti, Boulder’s Beach la spiaggia dei pinguini, Hout Bay dove risiede una colonia di leoni marini. Tratto da non perdere Chapman’s Peak Drive, una parte di strada costiera molto bella per il panorama, famosa per gli spot pubblicitari, scelta come location da molte case automobilistiche. Sempre da Cape Town in giornata si può visitare Winelands la zona dove vengono prodotti i famosi vini sudafricani. Stellenbosch, Franschhoek sono due località molto affascinanti circondate da bellissimi paesaggi, dove si può degustare del buon vino accompagnato da formaggio locale o cioccolato nelle infinite ed eleganti cantine vinicole.

Se avete tempo e voglia è bello trascorrere una giornata guidando lungo la costa a nord di Cape Town; la spiaggia di Langebaan è molto grande e di finissima sabbia bianca.

In Sudafrica è davvero possibile avvistare le balene dalla costa, tutto ciò è fattibile da Hermanus a Knysna da giugno a novembre in quanto le balene, con i loro piccoli al seguito, “trascorrono l’inverno” in queste acque. A Hermanus, una graziosa cittadina famosa appunto per i cetacei, consigliamo vivamente la guesthouse a quattro stelle Aloe House, incantevole, i proprietari sono gentilissimi e adorano gli italiani. Se vi recate in Sudafrica in inverno (durante la nostra estate) troverete sicuramente alloggio ovunque con tariffe anche dimezzate. Non è necessario prenotare in anticipo. Lasciamo Hermanus per proseguire lungo la costa e dirigerci verso Cape Agulhas, il punto più a sud dell’Africa dove l’oceano Atlantico incontra l’oceano Indiano, visitiamo poi Mossel Bay, Wilderness (non perdetevi il punto panoramico chiamato Map of Africa, lì scoprirete il perché di questo nome), Knysna, Plettenberg, Jeffrey’s Bay, Port Alfred (anche qui segnaliamo la splendida guesthouse a quattro stelle Villa de Mer), Port Saint John’s fino ad arrivare a Saint Lucia. Decidiamo per svariati motivi di visitare tutto il Sudafrica in auto: il primo in quanto avevamo abbastanza giorni per spostarci senza fretta, il secondo in quanto riteniamo che quando si vola si perde un po’ il fascino della visita, attraversare una nazione di paesino in paesino fa comprendere molto di più la terra che si sta visitando perché si entra maggiormente in contatto con le realtà locali. Quasi tutti i turisti volano da Port Elizabeth a Durban noi invece non abbandoniamo la nostra piccola auto e attraversiamo l’Eastern Cape, la patria di Mandela, la terra degli Xhosa, laddove anche il Sudafrica diventa black Africa. Qui gli abitanti, tutti di colore, vivono in case colorate di cemento con tetti a cono, molto particolari. Alle sei del mattino, appena sorge il sole, i bambini in perfetta uniforme, stanno già camminando sorridenti lungo la strada principale, per raggiungere la scuola più vicina, che dista anche due ore di cammino! La gente che vive nell’Eastern Cape ha mantenuto le antiche tradizioni africane, si vedono le classiche “mama” sul ciglio della strada camminare con un secchio d’acqua in testa, ragazze che tornano dal fiume cariche di vestiti appena lavati, capre, galline, cavalli e mucche che pascolano lungo la strada statale; un taxi collettivo che si ferma per scaricare una mamma che è appena tornata dal mercato della città più vicina e dovrà raggiungere la sua casetta attraversando il villaggio dove lo strade non sono asfaltate e i bimbi si rincorrono scalzi

  • 13667 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social