Intermezzo Sudafricano

Safari nel Kruger e un giro a Cape Town

Diario letto 4437 volte

  • di Lorca&D
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Era da tempo che avevo in mente di fare un safari, per varie ragioni ho sempre rimandato, sia per i costi alti, sia perché l’ho sempre vista una cosa complicata e impegnativa. Poi quest’anno ho approfondito l’argomento ed ho scoperto il Sudafrica. Leggendo qua e là mi sono fatto l’idea che si poteva fare a costi ragionevoli ed organizzando una sorta di fai da te. L’itinerario dato il tempo a nostra disposizione, è stato limitato al Kruger ed a Cape Town e dintorni. Volo: tra le varie compagnie ho scelto la Turkish in quanto, ha delle tariffe concorrenziali, e buoni orari con sosta ad Instambul di un paio d’ore. Per il soggiorno al Kruger mi sono affidato ad Alberto e Daniela. Che gestiscono una Guest house di buon livello, a 3 minuti dall’ingresso di Kruger - Phalabworba. Se cercate Kaia tani in rete li trovate. Per arrivare alla Guest house servono 6 ore di macchina dall’aeroporto di Johannesburg.

Arriviamo il 7 febbraio abbastanza stanchi, ma Alberto ci consola subito: dice ‘domattina sveglia alle 4:00’. Queste alzatacce sono necessarie per entrare subito all’apertura e sfruttare le ore fresche della giornata in cui gli animali sono più attivi. Quindi sveglia quasi sempre presto, in compenso, la sera, a parte cenare, non c’è altro da fare, si và a letto alle nove. Il primo giorno Alberto ci fa da guida. Entriamo al Kruger dall’ingresso di Orpen per risalire/gironzolare durante la giornata e uscire a Phalabworba. Subito all’ingresso quasi sulla strada pascola un rinoceronte bianco. La giornata sembra promettere bene, poi prosegue con tanti avvistamenti di erbivori, ma nessun felino! Il paesaggio in questa stagione è molto verde in quanto siamo alla fine dalla stagione delle piogge. Questo è uno svantaggio in quanto la disponibilità di acqua disperde sul territorio gli animali, e di conseguenza è più difficile avvistarli. Inoltre l’erba alta non favorisce gli avvistamenti a distanza! Nei documentari la savana appare sempre arida e spoglia, ma il paesaggio che ci accoglie è rigoglioso e verde. La prima giornata passa velocemente tra le piste del Kruger. In totale trascorriamo quasi dieci ore in giro, con soste varie. Alberto è un ottimo oratore ed i suoi aneddoti con le spiegazioni del comportamento degli animali tengono compagnia tra un avvistamento e l’altro. A parte i felini avvistiamo tutti gli altri abitanti della savana.

9 febbraio. Oggi tour organizzato (siamo solo io, mia moglie e la guida) in una township, visitiamo una scuola, un campo profughi ed una famiglia, pranziamo in un locale accompagnati da musica africana. Esiste un mondo parallelo che versa in condizioni di estrema povertà. Questa sarà una costante che ritroveremo anche in altri luoghi attraversati nei trasferimenti da Johannesburg o nei dintorni di Cape Town. Nel tardo pomeriggio entriamo nel Kruger con i ranger per un safari notturno. Subito appena entrati scorgiamo nella boscaglia un assembramento di avvoltoi, ma è troppo lontano per vedere di cosa si tratta. Verremo a sapere il giorno successivo che c’era la carcassa di un rinoceronte ucciso in uno scontro tra simili. Poco dopo nei pressi di una pozza le antilopi sono nervose, annusano l’aria. I loro sensi sono all’erta. Il ranger dice che probabilmente c’è un leopardo, ma pur rimanendo per un po’ non lo vediamo. Stà tramontando il sole e ci fermiamo in una radura per ammirare il panorama. Scendiamo dalla toyota per gustarci un aperitivo al calar del sole. In lontananza alcune zebre ci scrutano cercando di capire le nostre intenzioni. Il sole è tramontato e accendiamo i fari portatili per scrutare nella notte. Gli occhi degli animali riflettono la luce e rivelano la loro presenza. Avvistiamo degli sciacalli, gufi reali, una mandria di bisonti e una genetta. Si odono anche scrocchi di alberi schiantati, un grosso elefante si ciba sul ciglio della strada. La parte più interessante di un safari è la ricerca, in cui con i sensi all’erta si cerca di scorgere qualcosa

  • 4437 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social