Sudafrica: dai pascoli alla savana

Siamo una coppia che viaggia da anni in modo indipendente, spesso alla ricerca di emozioni legate alla natura e agli animali. Da ciò è nata la nostra idea di visitare il Sudafrica; un sogno che abbiamo da molto e che ...

Diario letto 3967 volte

  • di vinicio e luisa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Siamo una coppia che viaggia da anni in modo indipendente, spesso alla ricerca di emozioni legate alla natura e agli animali. Da ciò è nata la nostra idea di visitare il Sudafrica; un sogno che abbiamo da molto e che finalmente questa estate abbiamo realizzato.

E’ stata una decisione non facile per le preoccupanti indicazioni di alcuni siti, in modo particolare quello del Ministero degli Affari Esteri, circa i problemi legati alla delinquenza; è grazie ai report di altri viaggiatori che abbiamo maturato la nostra decisione (in effetti anche noi non abbiamo mai avuto la percezione di trovarci in situazioni di pericolo, anche se per i nostri gusti abbiamo escluso la visita delle città ).

Ci scusiamo con chi avrà la pazienza di leggere, per la lunghezza dei nostri appunti di viaggio ma è stato un così lungo giro (27 giorni) e le emozioni così belle, che abbiamo pensato di condividerle tutte con voi.

Come sempre il viaggio è stato organizzato con molto anticipo.

Abbiamo acquistato in Ottobre il biglietto aereo tramite il sito della compagnia Emirates,sia in previsione di fare uno stop di 4 giorni a Dubai (città comunque interessante), sia perché risulta la compagnia più economica per questa destinazione, fra quelle di qualità; inoltre non addebita costi aggiuntivi né per lo stop over in questione né per l’arrivo in una città e la partenza da un’altra. Facendo le previsioni di spesa, abbiamo inoltre deciso di partire da Monaco in quanto molto più conveniente, sia come biglietto aereo che com e parcheggio coperto in aeroporto (31 giorni).

Tramite un noto sito di acquisto di voli e viaggi abbiamo ci siamo procurati il biglietto per Il volo interno Port Elisabeth- Durban. Abbiamo prenotato direttamente dal sito di una nota compagnia il noleggio delle due autovetture per i due segmenti del viaggio. Quasi tutti i Bed& Breakfast sono stati prenotati tramite un sito specifico per l’Africa, per l’Addo Elephant ed il Kruger la prenotazione è stata fatta tramite il sito ufficiale. South African National Parks (già in Aprile alcuni Camp del Kruger segnalavano il tutto esaurito, per cui abbiamo scelto quanto possibile).

Sempre allo stesso sito è stata acquistata la Will Card All Cluster (versione per turisti stranieri), che ci hanno entro breve spedito a casa (ingresso valido per tutti i Parchi nazionali Sudafricani per un anno). Molto tempo abbiamo poi dedicato alla tecnologia che ci avrebbe reso molto più facile il viaggio: abbiamo installato un navigatore satellitare sul netbook (è stato veramente utile); peraltro con lo stesso netbook abbiamo potuto collegarci in Wireless (disponibile in molti alloggi) ad internet o telefonare con Skype .

Ci rimane solamente da aggiungere che non abbiamo sottovalutato il rischio della malaria (soprattutto per la zona lacustre di St. Lucia e per il Kruger) e pertanto abbiamo fatto la profilassi con il Lariam; per il resto non abbiamo seguito particolari precauzioni (abbiamo mangiato tutto con estrema tranquillità) in quanto gli standard igienici in tutto il Sudafrica sono paragonabili a quelli Europei.

25/07/09 - 29/07/09 DUBAI Ne tralasciamo la descrizione in questo report.

29/07/09 DUBAI / CAPE - TOWN / STELLENBOSCH 40Km Stellenbosch BED&BREAKFAST ORCHAD LANE *** (800Rand/ 2 notti) All’aeroporto di Dubai ci attende la prima inevitabile sorpresa: l’operatore con fare candido ci avvisa che causa over-booking dovremo partire il giorno successivo; (NO! ) in modo concitato spieghiamo che non possiamo assolutamente modificare le nostre prenotazioni. Dopo quasi 30 minuti di intensa ricerca al terminale, riescono a trovarci due posti sul volo (a questo punto speravamo addirittura in una prima classe ), separati, tuttavia una volta a bordo grazie alle hostess, riusciamo a stare vicini

  • 3967 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social