Africa del Sud

LA NOSTRA AFRICA DEL SUD di Luciana Lenci e Stefano Saccardi 31 Luglio / 21 Agosto 2002 Lo scorso anno avevamo studiato un itinerario per un viaggio in Sud Africa poi, di fronte alla profilassi antimalarica, indispensabile, preferimmo cambiare destinazione. ...

Diario letto 3213 volte

 

LA NOSTRA AFRICA DEL SUD di Luciana Lenci e Stefano Saccardi 31 Luglio / 21 Agosto 2002 Lo scorso anno avevamo studiato un itinerario per un viaggio in Sud Africa poi, di fronte alla profilassi antimalarica, indispensabile, preferimmo cambiare destinazione. Cosa è successo quest'anno per farci cambiare idea : mio fratello e mia cognata sono andati in Kenia ed hanno fatto la profilassi antimalarica senza nessun problema e/o complicanze. Ciò è servito a vincere le nostre ultima titubanze ed, all'ultimo minuto, abbiamo riesumato i nostri appunti e con il prezioso aiuto di Renza, preparato un viaggio di tre settimane in SUD AFRICA con uno sconfinamento in ZIMBABWE e BOTSWANA.

1° giorno MERCOLEDI' 31 LUGLIO LIDO DI CAMAIORE - MILANO – JOHANNESBURG L'Alitalia non ha fatto l'accordo con la South African Airways e non potendo agganciare la tratta Pisa-Malpensa al nostro biglietto, abbiamo deciso di usare la macchina per il trasferimrnto, sia per il minor costo, sia per per non dar fastidio a nessuno per accompagnarci e riprenderci in un areoporto così lontano.

Partiamo con tutta calma alle 10:20, non c'è molto traffico, solo i soliti rallentamenti sulla Cisa per "lavori in corso", ma non abbiamo fretta. Il cielo è coperto ed il caldo sopportabile.

Alle ore 14:00 siamo in vista dell'areoporto ed impieghiamo parecchio tempo a trovare il parcheggio prenotato. Abbiamo scelto l'International Parking per motivi di convenienza, ma è certamente un pò fuori mano e senza cartelli indicatori. Una navetta gratuita (inclusa nel prezzo del parcheggio) ci porta immediatamente in aerostazione, Terminal 1. Ci aspettavamo di trovare una bella "opera" mentre è una costruzione orrenda, mal pulita, mal tenuta e con scarsi servizi.

Siamo arrivati troppo presto e dobbiamo attendere l'apertura del "check-in", ma abbiamo il vantaggio che essendo fra i primi possiamo scegliere il posto in aereo : due poltrone "isolate" in coda.

Ci trasferiamo nella zona "partenze" dove la situazione estetica e pratica non migliora, l'aria condizionata non funziona e le poltrone sono scomode e sporche.

Il tempo è notevolmente peggiorato e piove molto forte. Come conseguenza ritardiamo la partenza di due ore : il volo di linea South Afican Airways (SA) 243 diretto per Johannesburg alle ore 19:45 parte alle 22:00.(Aeromobile: Boeing 743 – Servizio a bordo: rinfreschi – cena e prima colazione – Tempo totale di volo: 9h50 minuti).

E' la prima volta che voliamo con questa compagnia e siamo piacevolmente sorpresi per l'ottima qualità del cibo, il servizio è un pò folcloristico ma nel complesso buono.

Incontriamo parecchio maltempo e "balliamo" molto, talvolta in maniera veramente impressionante. Riusciamo a dormire solo saltuarimente e per brevi periodi.

2° giorno GIOVEDI' 1° AGOSTO JOHANNESBURG – VICTORIA FALLS Arrivo a JOHANNESBURG alle ore 07:30 locali che corrispondono alle 07:30 in Italia in quanto avendo noi l'ora legale e loro no, si annulla il fuso orario di differenza esistente. Rapido disbrigo delle formalità di sbarco e ritiro bagagli. Ottima impressione per l'ambiente e l'efficenza. Splende il sole e l'aria è frizzante. Necessita un golf.

Ad attenderci troviamo Nathalie, una giovane francese incaricata dall'agenzia di farci da guida, sempre vissuta in varie nazioni africane, che parla un italiano perfetto. Depositiamo i bagagli e partiamo con la sua macchina per una visita alla città.

Johannesburg sorge ad un’altitudine di 1.753 metri ed è una moderna metropoli con oltre due milioni di abitanti, capitale del Gauteng. Essa nacque nel 1866 quando furono scoperti i ricchissimi giacimenti auriferi del Witwatersrand. Fu letteralmente costruita sull’oro: caratteristiche sono le gialle colline degli scarti della lavorazione dell’oro che punteggiano la città. Oggi il suo centro è prevalentemente occupato da uffici ed alla sua periferia sorgono eleganti quartieri residenziali, dove si trovano quasi tutti gli alberghi utilizzati dai turisti internazionali in transito in città. A sud di Johannesburg sorge l’enorme conglomerato urbano di Soweto, la più nota townsip sud africana, abitata da quasi due milioni di persone. Non l'abbiamo visitata ma siamo passati vicinissimi ad un'altra township di nuova costruzione : un insieme desolante di piccole costruzioni con strade sterrate ma con acqua corrente ed illuminazione, un balzo in avanti rispetto alle bidonville, ancora esistenti

  • 3213 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social